Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Eosinofili, eosinofilia e altri disturbi

Il sistema immunitario utilizza i globuli bianchi per combattere batteri, virus e altre cose che potrebbero causare infezioni. Ma non usa solo un tipo di globuli bianchi per farlo. Invece, ci sono diversi tipi di cellule del sistema immunitario. Questi includono eosinofili.

Il corpo produce eosinofili nel midollo osseo dove impiegano 8 giorni per maturare. Hanno un ruolo importante nel sistema immunitario e devono essere mantenuti livelli sani per il corretto funzionamento.

Fatti veloci sugli eosinofili

Ecco alcuni punti chiave sugli eosinofili.

  • Gli eosinofili sono una forma di globuli bianchi.
  • Quantità elevate possono causare condizioni autoimmuni.
  • Le opzioni di trattamento per eosinofilia possono includere corticosteroidi.

Cosa sono gli eosinofili e cosa fanno?

Gli eosinofili hanno diverse caratteristiche chiave che aiutano i medici a distinguerli dagli altri tipi di globuli bianchi. Queste caratteristiche sono:

Immagine di un eosinofilo.

  • un nucleo con 2 lobi
  • 200 microscopici granuli all’interno delle cellule

Una volta che circolano nel sangue, gli eosinofili fanno molte cose, tra cui:

  • respingere batteri e parassiti
  • uccidere le cellule
  • partecipare a reazioni allergiche
  • svolgere un ruolo nelle risposte infiammatorie
  • “rispondere” alle aree di infiammazione

Sebbene gli eosinofili siano parte del sistema immunitario, alcune delle loro risposte non sono sempre salutari per il corpo. A volte svolgono un ruolo in condizioni quali allergie alimentari e infiammazione nei tessuti del corpo.

Cos’è un conteggio degli eosinofili?

Una conta degli eosinofili è una misura della quantità di eosinofili nel sangue. Un medico può ordinare un esame del sangue noto come conta dei globuli bianchi con differenziale.

Il “differenziale” significa che il laboratorio testerà non solo quanti globuli bianchi ci sono nel corpo, ma anche quanti di ogni tipo di globuli bianchi ci sono.

Il risultato misurerà il numero di:

  • eosinofili
  • basofili
  • linfociti
  • monociti
  • neutrofili

Un medico può anche ordinare questo test come un conteggio completo delle cellule del sangue con differenziale. Misura i globuli bianchi, i globuli rossi e altre parti del sangue. Il valore normale per gli eosinofili può variare da un laboratorio all’altro.

Tipicamente, un laboratorio includerà “intervalli di riferimento” che danno i risultati medi per quella misurazione. Secondo il Centro di Cincinnati per i disturbi eosinofili, l’intervallo normale per gli eosinofili è di 0-450 eosinofili per millimetro cubo di sangue. Gli eosinofili non sono sempre presenti quando una persona è malata.

Gli eosinofili si trovano anche nell’intestino, nel timo, nella milza, nei linfonodi, nelle ovaie e nell’utero.

Cosa significano livelli di eosinofili bassi o alti?

Se confrontati con altri tipi di globuli bianchi nel sangue, gli eosinofili di solito rappresentano una piccola percentuale. Quando gli eosinofili si spostano verso i tessuti, rilasciano veleni progettati per uccidere sostanze estranee. Tuttavia, i veleni possono a volte causare danni ai tessuti.

Un livello più alto del normale di eosinofili può portare a una condizione nota come eosinofilia. Quando gli eosinofili sono superiori a 1.500, questo è noto come sindrome ipereosinofila.

Bassi livelli di eosinofili (eosinopenia)

Poiché i livelli normali di eosinofili possono essere pari a zero, un livello basso di eosinofili non è solitamente considerato un problema medico dopo un test.

Tuttavia, ci sono alcune condizioni che possono causare un basso livello di eosinofili, che è noto come eosinopenia. Un esempio di questo è l’ubriachezza. Altri sono alcune condizioni mediche che causano il corpo a produrre troppi steroidi. Un esempio di questo è una sovrapproduzione di cortisolo, che può frenare il sistema immunitario.

Alti livelli di eosinofili (eosinofilia)

Un livello di eosinofili tra 500 e 1.500 per microlitro di sangue è noto come eosinofilia. Esistono numerose cause di eosinofilia. Esempi inclusi:

  • allergie
  • asma
  • cellule del sangue anormali note come neoplasie mieloidi ipereosinofiliche
  • condizioni infiammatorie, come la celiachia o la malattia infiammatoria intestinale
  • condizioni infiammatorie della pelle, come dermatiti o eczemi
  • escrescenze cancerose compresa la malattia di Hodgkin
  • infezioni parassitarie
  • reazioni ai farmaci

Oltre ad avere alti livelli di eosinofili nel sangue, è anche possibile avere alti livelli di eosinofili nei tessuti del corpo. Un medico può testare un campione di tessuto prelevato da una persona per scoprire se i livelli di eosinofili sono troppo alti. Possono anche testare il muco dal naso.

Poiché una condizione sottostante causa eosinofilia, avere alti livelli di eosinofili può causare sintomi diversi in una persona. Un medico valuterà la condizione di base nel trattamento dell’eosinofilia.

Eosinofilia e condizioni correlate

Troppi eosinofili causano una serie di condizioni mediche. Queste condizioni vanno dal tanto seccante al mortale. Di seguito sono riportati alcuni esempi di alcune ma non tutte le condizioni causate dall’eosinofilia.

Polmonite eosinofila

La polmonite eosinofila si verifica quando una persona ha troppi eosinofili nel tessuto polmonare. Gli effetti sono:

  • respirazione difficoltosa
  • dolore muscolare
  • tosse di sangue
  • tosse muco
  • dolori muscolari
  • inferiore al normale ossigeno nel sangue
  • in rari casi, una persona può sperimentare insufficienza respiratoria

Una persona può avere polmonite eosinofila acuta, che provoca una rapida e rapida progressione della polmonite. Non si sa quale sia la causa di questa condizione.

Un’altra forma, nota come polmonite eosinofila cronica, provoca una malattia più persistente. Le cause includono:

  • tumori del sangue
  • infezioni fungine
  • Malattie autoimmuni
  • infezioni parassitarie

Esofagite eosinofila

L’esofagite eosinofila (EoE) è una reazione allergica nel tubo del cibo, il tubo sottile che trasporta il cibo dalla bocca allo stomaco.

Un allergene innesca una risposta del sistema immunitario che porta troppi eosinofili alla conduttura alimentare. Ciò causa sintomi come:

  • mal di stomaco
  • difficoltà a deglutire (disfagia)
  • nausea

Le cause di EoE includono:

  • allergie alimentari, la causa più comune
  • allergie ai pollini
  • acari della polvere
  • animali
  • muffe

Granulomatosi eosinofila con poliangioite

La granulomatosi eosinofila con poliangioite (EGPA) è una forma di vasculite. Ciò provoca l’infiammazione nei vasi sanguigni. La malattia era conosciuta come sindrome di Churg-Strauss.

Una donna che usa un inalatore per l'asma.

La malattia causa prima sintomi come:

  • asma
  • escrescenze nel naso

Alla fine, danneggia i nervi del corpo. Ciò può causare una serie di sintomi gravi come:

  • dolori di tiro
  • atrofia muscolare
  • forte formicolio
  • problemi a muovere le mani e i piedi

Febbre della valle

La febbre da valle è un’infezione fungina nota anche come coccidioidomicosi. Quando le persone respirano le spore del fungo, i risultati possono essere un’infezione simile all’influenza.

I sintomi della condizione includono:

  • tosse
  • febbre
  • sudorazioni notturne
  • mancanza di respiro
  • eruzione cutanea sulla parte superiore del corpo o sulle gambe
  • mal di testa

Le persone nel sud-ovest degli Stati Uniti (Arizona, California, Nevada, Nuovo Messico, Texas o Utah), o parti del Messico, o del Centro o del Sud America hanno maggiori probabilità di ottenere questa condizione, poiché è qui che il fungo cresce maggiormente.

Like this post? Please share to your friends: