Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Epatite C al di fuori del corpo e altri fatti del virus

Il virus dell’epatite C può vivere al di fuori del corpo in alcune circostanze, anche se è inusuale che una persona venga infettata dal virus in questo modo. Scopriamo di più su quanto tempo il virus può sopravvivere e come si sviluppa l’epatite C.

L’epatite C è un’infezione virale che colpisce il fegato. Mezzi virali causati da un virus, una piccola particella che può crescere e moltiplicarsi all’interno del corpo umano e causare malattie. Il virus dell’epatite C viene trasmesso attraverso il contatto con sangue infetto.

La condizione causata dall’epatite C può variare in serietà da lieve a permanente, con conseguenti gravi danni al fegato.

Panoramica sull’epatite C

quanto dura l'epatite c al di fuori del corpo

Il virus inizia come una malattia a breve termine nota come epatite C acuta. Questo accade di solito entro i primi 6 mesi di una persona esposta al virus.

Per il 75-85% delle persone, l’epatite C acuta si sviluppa in epatite C cronica.

Se la malattia non viene trattata, può causare gravi danni al fegato nel tempo. Queste complicazioni comprendono insufficienza epatica e malattie del fegato e possono portare a qualcuno che ha bisogno di un trapianto di fegato.

Circa 2,7-3,9 milioni di persone negli Stati Uniti vivono con l’epatite C cronica. In molti casi, le persone non sono consapevoli di portare il virus.

L’epatite A e B sono due altre versioni della malattia, ciascuna causata da un virus distinto.

L’epatite C può sopravvivere fuori dal corpo?

Il virus dell’epatite C può sopravvivere fuori dal corpo per un massimo di 3 settimane. Tuttavia, può farlo solo a temperatura ambiente su superfici cliniche o domestiche, come una maniglia del cassetto o un lavandino.

In quasi tutti i casi, l’epatite C si diffonde attraverso il contatto con sangue infetto. Depositi di sangue secchi possono ancora trasportare il virus.

Altri liquidi corporei, come l’urina, il sudore o lo sperma, non portano un livello sufficientemente alto del virus per trasmettere un’infezione. Il contatto regolare o la condivisione di uno spazio vitale con qualcuno che ha il virus non è un rischio.

I professionisti medici adottano misure per garantire che il virus non possa essere trasmesso tra i pazienti. Il personale negli uffici, negli ospedali e nelle cliniche dei dentisti si preoccupa di mantenere sterili le superfici e le attrezzature mediche.

Il sangue versato deve essere sempre pulito immediatamente utilizzando una soluzione detergente composta da 1 mezza tazza di candeggina e 5 tazze di acqua. Una persona dovrebbe indossare guanti protettivi durante la pulizia.

Come si può diffondere l’epatite C?

condividere un ago

L’epatite C può diffondersi quando il sangue infettato dal virus entra nel corpo di un’altra persona.

I modi più comuni in cui qualcuno può ottenere l’epatite C sono:

  • condividendo siringhe o aghi non sterilizzati, come quando si iniettano farmaci
  • attraverso un trauma causato da un ago o da un altro oggetto appuntito in un ambiente sanitario
  • se il virus viene trasmesso da madre a figlio durante la gravidanza

È possibile ma meno probabile che l’epatite C possa essere trasmessa da:

  • condividere elementi che potrebbero essere stati in contatto con il sangue di un’altra persona, come rasoi e spazzolini da denti
  • contatto sessuale con una persona che ha il virus

Le persone più a rischio di contrarre l’epatite C sono quelle che:

  • iniettare droghe o avere farmaci iniettati in passato
  • ricevuto sangue o organi donati prima del 1992
  • sono bambini la cui madre ha il virus dell’epatite C.
  • lavoro nel settore sanitario e hanno avuto un ferito da aghi
  • avere l’HIV

Se una persona è preoccupata di essere stata esposta al virus, dovrebbe consultare un medico per i test. Ci sono esami del sangue disponibili per verificare l’epatite C.

Miti su come si diffonde l’epatite C.

I malintesi sono comuni su come può avvenire l’infezione dal virus dell’epatite C.

Il virus viene trasmesso per contatto con sangue infetto. L’epatite C non può essere trasmessa dalle seguenti attività:

  • starnuti o tosse
  • condividere gli utensili per mangiare
  • condividere cibo o bevande
  • allattamento, a meno che i capezzoli non siano rotti o sanguinanti
  • tenendosi per mano o abbracciando
  • baci

Ottenere un piercing o un tatuaggio è sicuro se effettuato presso una struttura autorizzata. Il rischio di contrarre l’epatite C è molto basso, a condizione che l’attrezzatura sia stata sterilizzata.

L’epatite C non è una malattia a trasmissione sessuale, ma il virus può essere trasmesso durante il rapporto sessuale non protetto.

Il rischio è molto basso, ma potrebbe essere maggiore per gli uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini, persone che hanno piaghe o ulcere genitali e che hanno l’HIV.

Sintomi e trattamento

La maggior parte delle persone con epatite C non ha sintomi, in particolare nelle prime fasi della malattia. Nelle fasi successive, alcune persone potrebbero manifestare sintomi, mentre altre no.

I sintomi comuni includono:

  • stanchezza
  • dolore muscolare e articolare
  • scarsa memoria o confusione a breve termine
  • depressione e ansia
  • mal di stomaco

L’epatite C può essere curata con il trattamento, che di solito è una combinazione di farmaci e cambiamenti nello stile di vita.

Farmaci per combattere il virus è avanzato negli ultimi anni. I farmaci disponibili ora possono funzionare meglio dei farmaci precedenti, con minori effetti collaterali. Il trattamento non funzionerà per tutti, comunque.

Se non è possibile rimuovere completamente il virus dal corpo, i cambiamenti dello stile di vita possono aiutare qualcuno a convivere con la malattia.

Mangiare una dieta salutare, fare esercizio fisico regolare, eliminare l’alcol e smettere di fumare contribuirà a mantenere sano il fegato di qualcuno.

Al momento non esiste un vaccino contro l’epatite C, sebbene esistano vaccini per l’epatite A e B. Si può consigliare a qualcuno che ha l’epatite C e danni al fegato di avere questi vaccini per prevenire ulteriori danni all’organismo.

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) consigliano che non sia necessario escludere una persona affetta da epatite C da particolari lavori o istruzione.

Prevenzione

intonaco tagliato per coprire un graffio

C’è un rischio molto basso di trasmettere il virus attraverso il contatto quotidiano tra qualcuno che ha il virus e chi no.

Per evitare possibili infezioni, qualcuno che ha il virus deve coprire i tagli e sfiora con un cerotto e smaltire con cura qualsiasi oggetto che abbia del sangue su di essi.

Una persona con epatite C dovrebbe lavarsi accuratamente le mani dopo essere entrata in contatto con il proprio sangue, ad esempio dopo aver pulito una ferita.

Il virus non viene trasmesso attraverso il latte materno, quindi l’allattamento al seno è sicuro. Se i capezzoli si rompono o sanguinano, una persona dovrebbe smettere di allattare fino a quando non si è guarita.

Il modo più comune di diffusione dell’epatite C è la condivisione di aghi o siringhe quando si iniettano farmaci. Per ridurre il rischio di infezione, una persona che inietta droghe ricreative non dovrebbe mai condividere le attrezzature.

Porta via

Il virus dell’epatite C viene trasmesso per contatto con sangue infetto. È molto improbabile che ciò accada nella vita di tutti i giorni e ci sono chiari fattori di rischio che di solito possono essere evitati.

Anche se il virus può vivere al di fuori del corpo, ripulire il sangue che è stato versato ed evitare di condividere oggetti personali, come i rasoi, dovrebbe prevenire l’infezione.

Like this post? Please share to your friends: