Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Epilessia e trattamenti naturali: possono aiutare?

L’epilessia è una malattia che sconvolge l’attività elettrica del sistema nervoso, causando convulsioni.

Più di 65 milioni di persone nel mondo hanno l’epilessia. The Epilepsy Foundation stima che 1 su 26 americani svilupperanno la malattia durante la loro vita.

I bambini sono il gruppo più frequentemente diagnosticato con nuovi casi di epilessia. Negli Stati Uniti, 300.000 bambini sotto i 14 anni sono colpiti dalla condizione. Alcuni potrebbero superare la malattia, ma la maggior parte no. Il numero di anziani con epilessia è anche 300.000.

Le persone con epilessia hanno una vasta gamma di opzioni di trattamento, tra cui terapie alternative.

La malattia è una condizione complessa, tuttavia, e tutte le opzioni di trattamento alternative devono essere esaminate attentamente, per garantire che siano efficaci.

È fondamentale lavorare con un medico quando si effettuano cambiamenti nel trattamento, poiché ogni crisi epilettica può causare danni al cervello e gli effetti si accumulano. Quindi, qualsiasi trattamento deve funzionare per evitare le convulsioni.

Cause di epilessia

attività elettrica nel diagramma del cervello

Le infezioni, che possono causare cicatrici sul cervello che portano a convulsioni, sono tra le cause più comuni di epilessia.

Sono anche in fase di studio possibili legami tra autismo ed epilessia, poiché anche un terzo dei bambini nello spettro autistico ha probabilmente attacchi epilettici.

Negli over 65, gli ictus sono la causa più comune di nuove crisi. La storia familiare e le lesioni cerebrali rappresentano altri casi.

Tuttavia, la Fondazione Epilepsy afferma che la causa è sconosciuta nel 60% delle persone.

Otto rimedi naturali per l’epilessia

Le persone con epilessia e i loro medici esprimono un crescente interesse per terapie alternative.

Sebbene i farmaci antiepilettici (AED) aiutino la maggior parte delle persone a controllare i loro sintomi, questi non funzionano per tutti. Inoltre, alcune persone sono preoccupate per la sicurezza a lungo termine di questi farmaci.

Le pratiche di salute complementare per l’epilessia, come gli otto rimedi naturali discussi qui, sono progettate per l’uso in combinazione con gli AED.

Dopo aver parlato con un medico e prima di iniziare i trattamenti naturali, le persone con epilessia dovrebbero assicurarsi di lavorare con un terapeuta qualificato e informato.

I trattamenti complementari comuni per l’epilessia includono quanto segue:

Marijuana medica

o la marijuana, come è comunemente noto, è stata usata per trattare le convulsioni per secoli. Oggi sta attirando una crescente attenzione da parte di persone con epilessia, clinici e ricercatori.

L’interesse per l’uso della marijuana medica è particolarmente forte per circa 1 milione di residenti negli Stati Uniti i cui sequestri non sono controllati dagli AED. Alcune famiglie con bambini piccoli, che soffrono di gravi crisi, si sono trasferite in uno dei 22 stati in cui l’uso di marijuana medica è legale.

La rete di Charlotte è un ceppo di cannabis allevato per contenere alti livelli di CBD, una parte della pianta che mostra la promessa contro i sequestri. Prende il nome da un bambino le cui convulsioni cadute da più di 300 a settimana a 2-3 al mese con questo trattamento.

Tuttavia, poiché studi scientifici di ampia portata e ben progettati devono ancora dimostrare l’efficacia della marijuana nel trattamento dell’epilessia, i medici generalmente non ne consigliano l’uso.

Dieta

La dieta chetogenica

La dieta è una delle prime forme di trattamento per l’epilessia e viene utilizzata con variazioni contemporanee per facilitare l’adozione da parte di bambini e adulti.

La dieta chetogenica è una dieta ricca di grassi e povera di carboidrati che ha avuto un certo successo nel ridurre le convulsioni nei bambini che non possono tollerare o beneficiare degli AED. Richiede un impegno e un monitoraggio approfonditi.

La dieta Atkins è una dieta ricca di proteine ​​e basso contenuto di carboidrati che è meno restrittiva e ha mostrato effetti positivi.

Il basso indice di trattamento glicemico (LGIT) è simile ma consente un livello mirato di consumo di carboidrati.

Trattamenti a base di erbe

Le erbe sono usate per molte malattie dall’80 per cento della popolazione mondiale. I rimedi basati sulle tradizioni cinesi hanno mostrato risultati promettenti nel trattamento dell’epilessia.

Alcune erbe, come la camomilla, la passiflora e la valeriana, possono rendere gli AED più efficaci e calmanti.

Tuttavia, il ginkgo, il ginseng e le erbe stimolanti contenenti caffeina ed efedrina possono peggiorare le convulsioni.

L’erba di San Giovanni può interferire con i farmaci e rendere più probabili le convulsioni, analogamente all’enotera e alla borragine.

Si consiglia cautela quando si lavora con tutte queste erbe.

È importante ricordare che le erbe non sono monitorate dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti. Se vengono utilizzate erbe, dovrebbero essere ricercate e acquistate da fonti affidabili.

Vitamine

È stato noto che bassi livelli di vitamina B6 causano convulsioni.

Il magnesio, la vitamina E e altre vitamine e integratori alimentari sono stati identificati come promettenti o problematici nel trattamento dell’epilessia.

Le persone che assumono DAE sono spesso consigliate di assumere integratori di vitamina D per mantenere i loro sistemi in equilibrio.

Insieme alla vitamina B6, al magnesio e alla vitamina E, che si sono rivelati utili nel trattamento dell’epilessia, i medici hanno scoperto che anche il trattamento con manganese e taurina riduce le convulsioni.

La tiamina può aiutare a migliorare la capacità di pensare nelle persone con epilessia.

Biofeedback

Quando i DAE non funzionano, alcune persone hanno usato con successo il biofeedback per ridurre le convulsioni.

Con l’uso di una vasta formazione e di una macchina che rileva l’attività elettrica nel cervello, la tecnica insegna alle persone a riconoscere i segnali di avvertimento di convulsioni e addestrare il loro cervello per prevenire un attacco in piena regola.

Rilassamento

Lo stress e l’ansia sono entrambi collegati alle convulsioni.

Ci sono molte pratiche diverse che le persone con epilessia possono seguire da sole per aiutarle a sentirsi più tranquille, rilassare i muscoli, dormire meglio e godere di uno stato mentale migliore.

Tutte queste azioni prese insieme possono aiutare a ridurre le convulsioni e rendere più facile per le persone gestire la loro epilessia.

Le persone dovrebbero essere caute se provano a meditare, poiché questo può cambiare i segnali elettrici nel cervello.

Alcuni oli essenziali utilizzati in aromaterapia, come lavanda, camomilla, gelsomino e ylang-ylang, sono stati trovati per essere efficace nel prevenire le crisi quando usato con tecniche di rilassamento.

Tuttavia, la Società per l’Epilessia riferisce che altri potrebbero provocare convulsioni. Questi includono spiga di lavanda, eucalipto, canfora, salvia, rosmarino, issopo e finocchio.

Agopuntura e chiropratica

agopuntura

Mentre l’agopuntura non sembra essere utile nel prevenire le convulsioni, le persone con epilessia trovano che può ridurre lo stress di vivere con la condizione.

Ci sono poche prove sulla cura chiropratica, ma può anche essere tra i trattamenti naturali che le persone con epilessia trovano utili.

Educazione ed evitare inneschi

L’educazione e l’evitamento possono avere un grande impatto sulla qualità della vita delle persone con questa condizione.

Molti di quelli con epilessia trovano che i loro attacchi si sviluppano in risposta a specifici fattori scatenanti. Questo è il caso delle persone con epilessia fotosensibile.

Imparare come evitare situazioni e stimoli che potrebbero scatenare un attacco può essere molto utile. Alcuni bambini potrebbero imparare ad evitare di usare i videogiochi in stanze buie, ad esempio, o di coprire un occhio se esposti a luci lampeggianti.

I trattamenti naturali per l’epilessia funzionano?

Per molte pratiche, non c’è stato abbastanza studio per dare una risposta definitiva a questa domanda, in un modo o nell’altro.

La seguente panoramica dei migliori trattamenti naturali per l’epilessia offre un rapido riepilogo della loro efficacia riportata:

  • Dieta: la dieta chetogenica, di solito prescritta per i bambini la cui epilessia non risponde ai farmaci antiepilettici, ha dimostrato di dimezzare le crisi e di eliminare completamente le crisi per il 10-15% di quelle studiate.
  • Trattamenti a base di erbe: due studi sui composti a base di erbe cinesi li hanno giudicati efficaci nel ridurre le convulsioni nei bambini e negli adulti. Ma alcune erbe, come l’erba di San Giovanni, possono peggiorare le convulsioni.
  • Vitamine: molti studi hanno collegato bassi livelli di vitamina B6, magnesio e vitamina E alle convulsioni. Trattare le persone con dosi supplementari ha contribuito a ridurre la frequenza delle convulsioni.
  • Biofeedback: Ricercatori in 10 diversi studi hanno dimostrato che il 74% delle persone la cui epilessia non può essere trattata con farmaci, ha riportato un minor numero di crisi dopo aver appreso questa tecnica.
  • Rilassamento: secondo le ricerche, i bambini che hanno preso parte alle sperimentazioni hanno riportato meno convulsioni e una migliore qualità della vita.
  • Agopuntura e chiropratica: studi scientifici non hanno trovato l’agopuntura efficace per le persone con epilessia. Tuttavia, sono stati riportati esiti positivi per alcuni bambini con epilessia resistente ai farmaci che hanno provato la terapia chiropratica.
  • Istruzione: dopo aver appreso di più sull’epilessia, sulle strategie di coping per questo e su come assumere i farmaci, è stata osservata una migliore qualità della vita per le persone di tutte le età con epilessia.

Conclusione

Molte relazioni sull’efficacia dei trattamenti complementari per l’epilessia provengono dall’esperienza personale e da studi che non sono considerati conclusivi.

Soprattutto, le persone dovrebbero sempre parlare con il proprio medico prima di provare trattamenti naturali per alleviare i loro sintomi.

Like this post? Please share to your friends: