Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Equilibrio vita-lavoro per i medici: il cosa, il perché e il come

I tassi di burnout e l’insoddisfazione dei medici sono ai massimi storici. L’equilibrio tra lavoro e vita privata è la parola d’ordine spesso citata per risolvere questi problemi, ma incorporare la “vita” nella carriera di un medico è più facile a dirsi che a farsi.

Stress medico

Il dizionario di Cambridge definisce l’equilibrio tra lavoro e vita privata “la quantità di tempo che dedichi a svolgere il tuo lavoro rispetto al tempo che passi con la tua famiglia e alle cose che ti piacciono”.

Per i medici, il concetto di equilibrio tra lavoro e vita privata non è così semplice, come sottolineato da Siva Raja, M.D., della Cleveland Clinic Foundation in Ohio e Sharon Stein, M.D., del Medical Center Hospital University Center di Cleveland, OH.

“Nelle tre” A “dell’eccellenza del medico – disponibile, disponibile e disponibile – è spesso la più facile da perfezionare”, ha scritto il dott. Raja.

Definire cosa significhi il tempo di lavoro è complesso nella medicina moderna. Le mansioni tipiche del medico comprendono il contatto con il paziente, compiti amministrativi, creazione di grafici, insegnamento, riunioni e attività di sensibilizzazione della comunità. E con l’aggiunta della tecnologia mobile, il tempo di lavoro può facilmente insinuarsi nella vita.

Anche così, l’aspetto vitale dell’equilibrio vita-lavoro è più semplice. Il tempo al di fuori del lavoro può includere bisogni di benessere come il sonno, la nutrizione, l’esercizio fisico, le attività spirituali e le interazioni con la famiglia e gli amici.

Ma, come ha sottolineato la dott.ssa Raja, include anche attività quotidiane come i bisogni della famiglia, tra cui generi alimentari, lavanderia, pulizia e pagamento delle bollette.

Con la maggior parte dei medici che lavorano da 40 a 60 ore settimanali e quasi il 20% che riferisce da 61 a 80 ore ogni settimana, dopo il sonno, quanto è facile adattarsi a questo “tempo fuori dalla medicina” elusivo? E tutti i medici dovrebbero sforzarsi per l’equilibrio tra vita professionale e vita privata o una carriera in medicina incompatibile con questo concetto?

L’equilibrio tra lavoro e vita privata è solo esagerato?

Arun Saini, M.D. – un assistente professore nella divisione di Critical Care Medicine presso l’Università del Tennessee Health Science Center di Memphis – ha descritto le ragioni per i medici che cercano l’equilibrio tra lavoro e vita personale varia e personale, in un articolo pubblicato in.

“Insoddisfazione, depressione e burnout sono comuni nei medici”, ha scritto il dott. Saini. Infatti, un recente articolo sul burnout del medico pubblicato da punti di ricerca mostra un aumento di insoddisfazione del lavoro, nonostante una diminuzione delle ore lavorative.

“La maggior parte dei medici millenari sta dando più importanza all’equilibrio vita-lavoro dopo aver visto l’effetto di prima mano del burnout nei loro colleghi e tra i membri della famiglia. C’è anche un cambiamento nelle dinamiche familiari del millenario come la maggior parte delle famiglie hanno entrambi i genitori lavorano e hanno un sostegno limitato da parte dei familiari più stretti, il che ha esercitato un’ulteriore pressione sulle loro capacità di gestire l’equilibrio tra lavoro e vita privata “, ha detto il dott. Saini.

Un’indagine dell’American Medical Association ha rilevato che il 92% dei medici di 35 anni o più giovani riteneva che l’equilibrio tra vita lavorativa e vita privata fosse importante.

Un intervistato ha osservato: “Siamo concentrati sul mantenimento delle nostre identità e relazioni al di fuori del lavoro, e molti medici anziani hanno sacrificato la vita per essere buoni medici”.

In particolare, le donne in medicina riportano l’equilibrio tra lavoro e vita privata come una preoccupazione significativa, con l’obiettivo di raggiungere l’equilibrio tra vita lavorativa e vita privata che spesso influisce sulle loro scelte professionali.

Sebbene le statistiche mostrino l’aumento del numero di medici donne negli Stati Uniti – dove il 47% degli studenti di medicina e il 46% dei residenti sono donne – la ricerca suggerisce che ci sono stati pochi cambiamenti per le donne in termini di compiti e responsabilità domestiche.

Eppure alcuni fanno eccezione al concetto di conciliazione vita-lavoro.

Andreas Schwingshackl, MD – assistente professore di pediatria all’Università della California, a Los Angeles, e Mattel Children’s Hospital di Los Angeles, CA – ha suggerito in un articolo pubblicato in merito alla ricerca dell’equilibrio lavoro-vita che può effettivamente peggiorare la vita di un medico qualità della vita “aggiungendo aspettative addizionali, spesso irrealistiche, alle [loro] vite già stressanti”.

Il Dr. Schwingshackl ha suggerito che cercare l’equilibrio tra lavoro e vita privata implica che “la vita si verifica solo quando non siamo al lavoro” e assume che “la vita è buona e il lavoro è cattivo”.

Per lui, questa separazione significa che c’è sempre un conflitto. Suggerisce invece un approccio diverso.

“Una volta che sono stato in grado di integrare piuttosto che separare tutte le mie attività quotidiane, [e] armonizzare piuttosto che dividere il mio tempo non solo tra lavoro e vita ma anche tra assistenza clinica e ricerca, il perseguimento dell’equilibrio spostato dalla vita lavorativa alla vita- natura-universo Il risultato è stato una travolgente sensazione quotidiana di equilibrio “, ha spiegato il Dr. Schwingshackl.

Qualunque sia la definizione, quali consigli pratici possono seguire i medici per evitare insoddisfazione e burnout raggiungendo l’equilibrio che è importante per loro personalmente?

Quattro consigli per trovare il tuo equilibrio vita-lavoro

“Nel trambusto degli impegni di lavoro e delle faccende quotidiane, i giovani medici spesso si lasciano operare con il pilota automatico”, ha sottolineato il dott. Saini nel suo articolo.

Di seguito sono riportati i quattro elementi che considera fondamentali per trovare un equilibrio tra lavoro e vita privata.

1. Scopo

I giovani medici possono perdere la passione o la soddisfazione per il loro lavoro perché non trovano più significato nel loro lavoro o hanno perso di vista il suo scopo.

Trovare un significato nel proprio lavoro dovrebbe anche tenere conto delle esigenze familiari e allineare le proprie esigenze con quelle della propria organizzazione.

Lori Bryant, M.D.- Un pediatra di Hyde Park Pediatrics Cincinnati, OH – ha dichiarato: “Faccio intenzionalmente più cose che mi ricordano perché sono andato in medicina, ho chiamato i pazienti / genitori a casa pochi giorni dopo la visita per controllarli, inviare le carte a i bambini a casa per incoraggiarli o lodarli nei loro successi scolastici, trattare il mio staff come amici, così ci divertiamo al lavoro. “

2. Gestione del tempo

Il bilanciamento del lavoro e dei ruoli di vita richiede buone capacità di gestione del tempo. Una gestione del tempo efficace comporta l’impostazione di obiettivi a lungo ea breve termine, la pianificazione e l’organizzazione e non l’impegno in attività che comportano perdite di tempo.

Le abilità di gestione del tempo del dottor Bryant includono una “riunione” sui pazienti prima della clinica, la preparazione di modelli di cartelle cliniche elettroniche, liste di controllo cliniche, lavori di casa in outsourcing, pasti per cucinare in batch, stare in cima al bucato ogni giorno e trattare se stessa e la sua famiglia andare in giro per lunghi giorni.

3. Prioritizzazione

Tra le varie responsabilità, è importante identificare ciò che è importante per te. La dottoressa Bryant, che ha una doppia famiglia di medici, ha detto che mette la famiglia al primo posto. Di conseguenza, lavora 3 giorni alla settimana per rimanere in cima alla sua vita familiare.

4. Rivalutazione e ripristino

Durante le transizioni di vita come il completamento della formazione, il matrimonio, il parto e la morte dei membri della famiglia, prendere tempo per rivalutare e ripristinare sia gli obiettivi di lavoro che quelli di vita può essere utile per creare equilibrio.

“Non mi sento come se dovessi sempre dire di sì, è meglio dire di no e avere successo su ciò che è già nel tuo piatto, piuttosto che dire di sì e di comportarmi male o peggio”, suggerì la dottoressa Bryant.

Nel suo articolo, il Dr. Saini spiega che per lui “si tratta di trovare il tuo scopo nella vita sia sul lavoro che a casa – e sforzandoti di realizzarlo. L’equilibrio è in movimento, quindi mantieni il ciclo in movimento”.

Questo sentimento è echeggiato da Drs. Raja e Stein nel loro articolo.

“Nella ricerca e nella stesura di questo articolo, è diventato evidente che non esiste uno standard unico per l’equilibrio tra lavoro e vita privata, quindi il successo è possibile solo quando si cerca il proprio equilibrio personale lavoro-vita”.

Siva Raja, M.D.

Like this post? Please share to your friends: