Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Erba di San Giovanni: dovrei usarlo?

L’erba di San Giovanni è un’erba che è stata a lungo pensata per avere qualità medicinali, specialmente per il trattamento della depressione.

Sembra inoltre avere proprietà antibatteriche e può agire come un agente antivirale.

Conosciuto anche come perforare la verruca di San Giovanni, l’erba di Tipton o l’erba di Klamath, l’erba di San Giovanni proviene da una pianta in fiore chiamata. È disponibile in tè, compresse, capsule e come trattamento topico.

La pianta contiene l’ipericina chimica attiva, e questo può essere ciò che dà all’erba la maggior parte della sua efficacia. Altri ingredienti come iperforina e flavonoidi possono avere un ruolo.

L’erba di San Giovanni può scontrarsi pericolosamente con alcuni farmaci da prescrizione, quindi bisogna fare attenzione con il suo uso e qualsiasi uso dovrebbe essere discusso prima con un medico.

Può anche portare ad un aumento della fotosensibilità, o sensibilità al sole, disturbi allo stomaco e reazioni allergiche.

Fatti veloci sull’iperico

  • L’erba di San Giovanni prende il nome da San Giovanni Battista, poiché la pianta è in piena fioritura il 24 giugno, festa di San Giovanni.
  • L’erba è usata in medicina alternativa per trattare la depressione, l’ansia e il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD).
  • Può essere assunto sotto forma di compresse, tinture o come infuso, utilizzando bustine di tè.
  • L’erba di San Giovanni non è stata approvata dalla Food and Drug Administration (FDA) per l’over-the-counter (OTC) o l’uso di prescrizione negli Stati Uniti (Stati Uniti).

Che cos’è?

Erba di San Giovanni

L’erba di San Giovanni prende il nome da San Giovanni Battista, il cui giorno di festa (24 giugno) si verifica quando la pianta è in piena fioritura.

Si dice che le macchie rosse compaiano sulle foglie della pianta il 29 agosto nell’emisfero settentrionale, tradizionalmente l’anniversario della morte di San Giovanni Battista. Si dice che le macchie rosse rappresentino il sangue versato quando San Giovanni fu decapitato.

Alcuni dicono che l’erba era usata per curare i feriti nelle crociate dai Cavalieri di San Giovanni.

Come funziona non è chiaro, ma la sua azione può essere simile a quella di un inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina (SSRI) come la fluoxetina o il Prozac, nell’aumentare la disponibilità di dopamina, serotonina e noradrenalina.

Usi medici

L’erba di San Giovanni è stata usata per centinaia di anni nella medicina popolare, soprattutto per le ferite di guarigione. Era usato per “cacciare il diavolo interno” in epoca medievale. Paracelso, un filosofo del XVI secolo, raccomandava l’erba per allucinazioni e “draghi” e ferite di guarigione.

Nel 1959 e nel 1971 le proprietà antibatteriche dell’erba di San Giovanni furono riportate scientificamente. La sua sostanza antibatterica, iperforina, è stata estratta e analizzata.

Al giorno d’oggi, l’erba di San Giovanni è ampiamente usata in Europa, in particolare in Germania, come trattamento a base di erbe per la depressione. Il suo uso terapeutico è cresciuto in altre parti del mondo negli ultimi 20 anni.

Negli Stati Uniti (USA), la Food and Drug Administration (FDA) non l’ha approvato né come over-the-counter (OTC) né come farmaco da prescrizione per il trattamento della depressione.

Una revisione degli studi del 2016 ha concluso che l’erba di San Giovanni è migliore di un placebo nel trattamento della depressione lieve o moderata. I ricercatori hanno ammonito, tuttavia, che le prove sono state viziate da una mancanza di ricerca sull’uso della terapia per la grave depressione e scarsa segnalazione di eventi avversi.

Tuttavia, non tutte le ricerche sono state costantemente affidabili.

Nella maggior parte dei paesi, l’erba di San Giovanni è disponibile OTC, ma in alcuni paesi, ad esempio in Irlanda, è richiesta una prescrizione.

La maggior parte delle persone prende l’erba in forma di compresse o capsule, ma è anche disponibile in bustine di tè. Per applicazione topica, è usato in tinture, un estratto medicinale in una soluzione di alcool.

Altri usi

L’erba di San Giovanni è stata testata in una serie di condizioni, con risultati variabili.

Disturbo depressivo: per il trattamento della depressione maggiore lieve-moderata, gli studi a breve termine, che durano fino a 12 settimane, indicano che l’erba è più efficace di un placebo e altrettanto efficace degli antidepressivi triciclici TCA nel trattamento della depressione.

Gli studi che confrontano l’erba di San Giovanni con inibitori selettivi del reuptake della serotonina (SSRI), come il Prozac (fluoxetina) o Zoloft (sertralina), sono più limitati, ma ci sono alcune prove che l’erba può essere efficace quanto questi farmaci e con meno effetti.

Non ci sono prove sufficienti a sostegno del suo utilizzo nei bambini.

Disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD): un piccolo studio ha suggerito che l’erba di San Giovanni potrebbe essere “leggermente efficace” nel trattamento dell’ADHD, ma altri hanno scoperto che non è stato d’aiuto.

Ci sono alcune preoccupazioni che potrebbe peggiorare i sintomi.

Disturbo d’ansia: non ci sono prove sufficienti per dire che l’erba di San Giovanni è efficace contro il disturbo d’ansia e può peggiorare i sintomi.

Dermatite atopica: uno studio sull’efficacia della crema di iperico ha suggerito che la dermatite atopica da lieve a moderata può rispondere positivamente al trattamento topico.

Disturbi somatoformi: alcune persone hanno sintomi fisici che non possono essere collegati a una malattia organica. L’erba di San Giovanni può essere utile nel trattamento di alcuni di questi, ma sono necessarie ulteriori prove.

HIV: alcuni studi su animali hanno suggerito che l’erba di San Giovanni può avere effetti antivirali, ma una sperimentazione umana non ha supportato questo.

L’uso di erba di San Giovanni per l’HIV o l’AIDS non è raccomandato, a causa del rischio di interazioni farmacologiche.

La ricerca ha anche esaminato l’uso di erba di San Giovanni per:

  • sintomi della peri-menopausa
  • sindrome premestruale (PMS)
  • disturbo affettivo stagionale (SAD)
  • fobia sociale
  • disturbo ossessivo-compulsivo (OCD)
  • dolore nervoso
  • sindrome della bocca infiammata
  • dolore post-operatorio

Sono necessarie ulteriori prove per confermare la sua efficacia.

Dosaggio

La dose abituale in capsule o in compresse a secco è di 300 milligrammi (mg) tre volte al giorno, con i pasti. Questo è per gli adulti. Non è raccomandato per i bambini.

Effetti collaterali

Se si verificano effetti collaterali, possono includere:

  • ansia
  • vertigini
  • bocca asciutta
  • mal di testa
  • sensibilità alla luce
  • irrequietezza
  • sedazione
  • disfunzione sessuale
  • reazioni cutanee
  • mal di stomaco
  • stanchezza o stanchezza

Potrebbero essere necessarie dalle 3 alle 6 settimane per sperimentare qualsiasi beneficio. L’interruzione dell’uso di erba di San Giovanni dovrebbe essere fatta gradualmente, per prevenire effetti collaterali.

rischi

Una persona con una diagnosi di depressione non dovrebbe usare l’erba di San Giovanni come alternativa alle terapie raccomandate da un medico. Se l’erba non è efficace, la depressione può peggiorare.

I pazienti non devono assumere l’erba di San Giovanni se stanno assumendo i seguenti farmaci, poiché il loro uso potrebbe renderli meno efficaci:

  • anticonvulsivanti
  • ciclosporina
  • digossina
  • Contraccettivi orali
  • Alcuni farmaci anti-HIV
  • La teofillina
  • warfarin

L’erba di San Giovanni può aumentare l’effetto degli antidepressivi SSRI. Questo può portare ad un aumento pericoloso della serotonina nel corpo.

I sintomi includono:

  • tremore
  • diarrea
  • confusione
  • rigidità muscolare
  • bassa temperatura corporea

Può essere fatale.

In alcuni casi, l’erba di San Giovanni può innescare psicosi. Le persone con disturbo bipolare o depressione maggiore non dovrebbero usarlo, poiché potrebbe causare una mania.

Può anche aggiungere all’effetto dei farmaci triptani usati per l’emicrania, come il sumatriptan.

Non è ancora chiaro se l’erba di San Giovanni sia sicura da usare durante la gravidanza o durante l’allattamento.

I pazienti devono sempre discutere con il proprio medico prima di assumere l’erba di San Giovanni o altri integratori o terapie alternative, soprattutto se stanno già assumendo farmaci.

Supplementi e rimedi a base di erbe sono fatti di sostanze chimiche, proprio come lo sono i farmaci convenzionali.

La ricerca pubblicata nel 2015 ha suggerito che, come l’erba di San Giovanni ha un profilo simile alla fluoxetina, può anche produrre le stesse reazioni avverse. Potrebbero verificarsi seri effetti collaterali se i due farmaci vengono assunti insieme.

Like this post? Please share to your friends: