Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Eritema infettivo, sindrome guancia schiaffeggiata o quinta malattia

L’infezione da Eythema è causata dal parvovirus B19. Coinvolge una febbre di basso grado, stanchezza e un’eruzione cutanea sul corpo e, in particolare, sulle guance.

A volte viene chiamata “sindrome schiaffeggiata schiaffeggiata”, perché l’eruzione rende le guance, o “quinta malattia”, come era 5 ° in un gruppo comune di malattie infantili con eruzioni cutanee simili. Questi erano il morbillo, la rosolia (morbillo tedesco), la scarlattina e la malattia di Dukes.

Il virus può colpire qualsiasi età, ma si verifica soprattutto tra i 5 e i 14 anni, e specialmente nei bambini di 5 e 7 anni. La maggior parte delle persone la cattura solo una volta, e quindi sono immuni. È più comune durante la primavera.

L’erythema infectiosum colpisce solo gli esseri umani. Alcuni tipi di parvovirus possono colpire gli animali, ma gli esseri umani e gli animali non possono catturare il parvovirus B19 l’uno dall’altro.

Gli effetti sono normalmente lievi, ma possono insorgere complicazioni potenzialmente letali. L’American Osteopathic College of Dermatology (AOCD) lo descrive come “relativamente comune e lievemente contagioso”.

Sintomi

[l'eruzione della sindrome guancia schiaffeggiata causa guance rosse]

I sintomi tendono ad essere miti. Richiedono poco o nessun trattamento.

Circa un paziente su tre non sviluppa sintomi. Un bambino può avere l’infezione senza accorgersene.

Il periodo di incubazione è di circa 13 a 18 giorni. In questo momento, la malattia è contagiosa.

I sintomi di solito non appaiono in questa fase, quindi possono diffondersi mentre le persone non sanno di averlo. Non appena compare l’eruzione, il paziente non è più contagioso.

Possibili sintomi precoci

Circa il 10% delle persone avrà sintomi simili al raffreddore per 5-10 giorni nelle prime fasi.

I possibili sintomi includono:

  • leggera febbre
  • stanchezza
  • pizzicore
  • mal di stomaco
  • gola infiammata
  • mal di testa
  • irritabilità

Tuttavia, questo è meno comune.

I sintomi principali

Con lo sviluppo del virus, sono possibili i seguenti segni e sintomi:

  • temperatura corporea leggermente elevata
  • sintomi influenzali
  • naso che cola
  • naso tappato
  • fatica
  • gola infiammata

Un’eruzione compare in tre fasi.

Sulle guance può comparire un rossore rosso chiazzato. Papule rosse emergono. Questi si riuniscono in poche ore per formare placche rosse, leggermente gonfie e calde. Non influenzano il naso o la bocca.

Dopo circa 4 giorni, può apparire una rete di segni rossi sulle braccia e sul tronco. Questi formano in un modello di pizzo.

Il terzo stadio è ricorrente. È invisibile, ma l’esposizione alla luce solare o al calore potrebbe causarne la comparsa. Dopo circa 3 settimane, l’eruzione normalmente scompare, ma può durare da 1 a 6 settimane.

L’eruzione cutanea può essere pruriginosa, ma raramente è dolorosa. Poiché tende a comparire verso la fine della malattia, può essere confuso con un’eruzione correlata alla droga o un’altra malattia.

I sintomi meno comuni sono:

  • nausea, diarrea o entrambi
  • dolore addominale
  • artralgia, o dolore alle articolazioni, normalmente solo negli adulti

Gli adulti possono provare dolore e dolore alle articolazioni, specialmente le mani, i polsi, le ginocchia e le caviglie. Il dolore alle articolazioni può durare da 2 settimane a oltre un anno.

Raramente, un adulto può avere problemi neurologici o cardiovascolari.

Cause e trasmissione

Parvovirus B19 è un virus a filamento singolo che colpisce i globuli rossi nel midollo osseo.

Il virus si diffonde tra l’uomo attraverso l’aria, la saliva o come risultato di un contatto ravvicinato.

La forma più comune di trasmissione è attraverso lo starnuto o la tosse, e talvolta il contatto corpo a corpo.

Può diffondersi rapidamente nei luoghi in cui si radunano molte persone, come scuole, asili e asili nido. Raramente, la trasmissione può avvenire attraverso prodotti sanguigni.

Esistono versioni del virus del cane e del gatto, chiamate parvovirus canino e virus della panleucopenia felina, ma il parvovirus B19 infetta solo gli esseri umani. Un umano non può prendere la quinta malattia da un animale e un animale non può prenderlo da un umano.

Quando compare l’eruzione, la persona non è più contagiosa. Possono passare il tempo con altre persone e non trasmetteranno la malattia.

Sebbene il parvovirus infetti principalmente gli scolari di età elementare durante i mesi invernali e primaverili, le persone di qualsiasi età possono essere colpite.

Diagnosi

Segni e sintomi di eritema infettivo tendono ad essere facili da rilevare, quindi la diagnosi è normalmente semplice. A volte è confuso con la scarlattina, ma l’eruzione è diversa.

I test per confermare la presenza del virus non sono generalmente ordinati.

Circa il 50% di tutti gli adulti è immune alle infezioni da parvovirus, probabilmente perché hanno avuto un’infezione durante l’infanzia, anche se sono passate inosservate.

Analisi del sangue

A volte un medico può raccomandare un esame del sangue per verificare la presenza di anticorpi.

[Un esame del sangue per i soggetti a rischio con parvovirus b19]

Questo può accadere se il paziente:

  • è incinta
  • ha un sistema immunitario compromesso, dovuto, per esempio, all’HIV o all’AIDS
  • ha una malattia cronica dei globuli rossi, come l’anemia falciforme

A seconda del risultato, sono possibili le seguenti azioni:

I risultati mostrano che il paziente è immune: non è richiesta alcuna ulteriore azione, poiché la reinfezione non è possibile.

I risultati mostrano una recente infezione da parvovirus: ulteriori test possono essere richiesti per scoprire se eventuali complicazioni, ad esempio l’anemia, richiedono un trattamento.

I risultati mostrano che una donna incinta è infetta: test aggiuntivi, tra cui un’ecografia e ulteriori esami del sangue, monitoreranno il feto in via di sviluppo per complicazioni

Trattamento

Nella maggior parte dei casi, non è richiesto alcun trattamento, ma i farmaci possono aiutare a ridurre i sintomi.

L’eruzione: il trattamento non è di solito necessario.

Prurito: gli antistaminici possono aiutare se c’è un forte prurito della pelle.

Mal di testa, febbri e sintomi simili al freddo: il medico può suggerire Tylenol (paracetamolo) o ibuprofene. I bambini più piccoli possono assumere antidolorifici in forma liquida.È importante controllare i dosaggi e la frequenza di utilizzo con un farmacista qualificato, un medico o leggendo l’opuscolo informativo (PIL) nel pacchetto.

Dolori articolari e gonfiore: il medico può consigliare riposo e prescrivere un farmaco antinfiammatorio, come l’ibuprofene. Nella maggior parte dei casi, non ci sono conseguenze a lungo termine e il dolore si risolve in pochi giorni o settimane.

Bere e riposare: bere molti liquidi, specialmente l’acqua, e riposarsi abbastanza può alleviare i sintomi e accelerare la guarigione.

Anemia grave: questo può richiedere il ricovero in ospedale e una trasfusione di sangue.

Sistema immunitario indebolito: i pazienti possono essere ricoverati in ospedale e gli anticorpi forniti attraverso una trasfusione di sangue.

Gravidanza: il medico monitorerà attentamente il feto. Se ci sono segni di anemia, CHF o edema, possono essere somministrate trasfusioni di sangue. Ciò ridurrà il rischio di aborto spontaneo.

complicazioni

La maggior parte delle persone non sperimenterà complicazioni. Tuttavia, il parvovirus B19 può causare problemi con la produzione di globuli rossi e questo può avere un impatto su alcuni pazienti.

[il lavaggio delle mani può aiutare a prevenire la diffusione della quinta malattia]

Gravidanza: il feto può essere a rischio se una donna incinta ha la quinta malattia.

Se una donna incinta viene infettata, c’è un leggero rischio che possa influenzare il feto in via di sviluppo e un piccolo rischio di aborto spontaneo. Il rischio di morte fetale è tra il 2 e il 6 percento.

Tuttavia, il rischio di infezione durante la gravidanza è molto piccolo e il rischio di complicazioni per il feto è ancora minore.

C’è una probabilità su 3 di una donna che ottiene la quinta malattia durante la gravidanza e, tra coloro che la ottengono, una probabilità stimata del 3% di complicanze fetali.

Una possibile complicazione è l’idrope fetale, che può portare a insufficienza cardiaca congestizia (CHF) e una forma grave di edema a causa di grave anemia.

Anomalie del sangue, come l’anemia falciforme: l’infezione da parvovirus B19 può causare anemia acuta e grave nei bambini con anemia ereditaria.

Sistema immunitario indebolito: i destinatari del trapianto di organi e quelli con malattie come l’HIV o l’AIDS hanno un rischio più elevato di sviluppare problemi al midollo osseo, portando ad anemia cronica.

Artrite: il dolore alle articolazioni può colpire le piccole articolazioni delle mani e dei piedi, specialmente negli adolescenti, ma anche nell’8% dei bambini più piccoli. I sintomi possono assomigliare a quelli dell’artrite reumatoide. I sintomi raramente continuano per più di alcune settimane o mesi e il danno a lungo termine è raro.

Prevenzione

Non esiste attualmente un vaccino che protegga le persone dall’infezione da parvovirus B19. Quelli che sono stati infettati sono immuni e non possono essere nuovamente infettati.

Una buona igiene delle mani aiuta a contenere la diffusione dell’infezione.

Like this post? Please share to your friends: