Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Esiste un “gene della felicità”?

Un vasto studio che ha coinvolto oltre 190 ricercatori in 140 centri di ricerca in 17 paesi ha individuato varianti genetiche associate alla felicità e ad altri tratti.

Lo studio descritto di seguito è uno dei più grandi studi mai pubblicati guardando i geni coinvolti nel comportamento umano.

Nella rivista, il team internazionale descrive come ha analizzato i dati genomici di centinaia di migliaia di persone per trovare varianti genetiche associate ai nostri sentimenti di benessere, depressione e nevroticismo.

Fatti veloci sul gene della felicità

Ecco alcuni punti chiave sul gene della felicità. Maggiori dettagli e informazioni di supporto sono nell’articolo principale.

  • Si stima che 350 milioni di persone soffrano di depressione, in tutto il mondo
  • L’attuale comprensione del ruolo della genetica nei tratti caratteriali è frammentaria
  • Questo studio più recente ha individuato varianti geniche associate a tratti depressivi e nevroticismo
  • Sballare il ruolo individuale dei geni e dell’ambiente è una sfida

L’opposto di felice

Un uomo che adegua la cravatta sorridente nello specchio

La depressione è una condizione debilitante che colpisce un numero incredibile di persone, a livello globale.

Caratterizzato da un continuo basso umore, sentimenti di disperazione e disperazione e bassa autostima, la depressione è un grosso problema.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) si riferisce alla depressione come la “principale causa di disabilità a livello mondiale” e la definisce “un importante contributo al carico globale complessivo della malattia”.

L’OMS stima che 350 milioni di persone soffrano di depressione, in tutto il mondo.

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) stimano che il 7,6 per cento degli americani di 12 anni o più soffrano di depressione in un periodo di 2 settimane tra il 2009-2012.

Quindi, anche se lo studio della felicità potrebbe, a prima vista, sembrare stravagante, è facile vedere come le scoperte in questo campo potrebbero essere utili altrove. Qualsiasi indagine che possa far luce sulle cause e sui potenziali trattamenti della depressione potrebbe avvantaggiare l’intero pianeta.

Ad oggi, sono disponibili pochissime informazioni sui ruoli specifici dei geni sui tratti caratteriali, la ricerca precedente è stata limitata dal numero limitato di partecipanti. L’attuale studio ha cercato di rettificare questo e scavato in sezioni più ampie di dati.

Gene della felicità

Uno dei ricercatori, Alexis Frazier-Wood, assistente professore di pediatria e nutrizione presso il Baylor College of Medicine di Houston, TX, afferma:

“Segnaliamo che abbiamo trovato tre varianti genetiche associate al benessere soggettivo – quanto felice una persona pensa o sente della sua vita.Abbiamo anche trovato due geni che ospitano varianti associate a sintomi depressivi e 11 geni in cui la variazione era associata al nevroticismo. “

Il team ha anche scoperto che le varianti del gene sono principalmente espresse nel sistema nervoso centrale e nei tessuti surrenali o del pancreas.

Precedenti studi, in particolare quelli che utilizzano il Registro dei Paesi Bassi Twin, hanno scoperto che esiste una componente genetica sul modo in cui gli individui sperimentano la felicità.

Per lo studio, il team ha effettuato una meta-analisi, cioè ha riunito i dati genomici di molti altri studi e ha utilizzato strumenti statistici avanzati per analizzare i dati raccolti come se provenissero da un enorme studio di 298.000 persone.

L’analisi ha individuato tre varianti geniche associate a sentimenti di benessere, due con sintomi depressivi e 11 con nevroticismo.

Geni e predisposizioni

Precedenti studi hanno suggerito che le differenze individuali di felicità e benessere potrebbero essere collegate alle differenze genetiche tra le persone. C’è un crescente interesse per l’argomento in quanto prove crescenti suggeriscono che il benessere sia un fattore sia per la salute mentale che fisica.

Tuttavia, i ricercatori avvertono che i geni non sono l’intera storia quando si tratta di determinare come le persone pensano e si sentono riguardo alle loro vite. Spiegano che l’ambiente e come interagisce con i geni è altrettanto importante.

Ma, studiando i geni, potremmo aiutarci a capire perché alcune persone potrebbero essere biologicamente predisposte a sviluppare questi sintomi, notano.

I ricercatori sperano anche che i risultati, disponibili per la ricerca di follow-up, contribuiranno a chiarire il quadro di ciò che causa le differenze di felicità. Vedono questa scoperta rivoluzionaria come l’inizio e credono che le varianti che hanno individuato siano solo una piccola parte di ciò che attende di essere scoperto.

“Questo studio è sia una pietra miliare che un nuovo inizio: una pietra miliare perché ora siamo sicuri che ci sia un aspetto genetico per la felicità e un nuovo inizio perché le tre varianti che conosciamo sono responsabili solo di una piccola parte delle differenze tra esseri umani. Prevediamo che molte varianti giocheranno una parte.

La sovrapposizione genetica con i sintomi depressivi che abbiamo trovato è anche una svolta. Ciò dimostra che la ricerca sulla felicità può anche offrire nuove intuizioni sulle cause di una delle più grandi sfide mediche del nostro tempo: la depressione “.

Prof. Meike Bartels, VU University Amsterdam

I ricercatori non hanno intenzione di fermare la loro ricerca; sono pronti a continuare le loro indagini sulle basi genetiche di ciò che rende gli umani più felici di altri. Le scoperte precedenti fungeranno da trampolino per un tuffo più profondo nei tratti umani.

Certo, la felicità è un argomento degno di studio, ma i risultati di indagini come questi mirano principalmente a scoprire la genesi della felicità ‘numero opposto – depressione.

Come uno dei disordini più diffusi e debilitanti nel mondo sviluppato, qualsiasi indizio sulle origini della depressione deve essere studiato a fondo. I marcatori genetici potrebbero alla fine funzionare come segnali premonitori, strumenti diagnostici o addirittura diventare la base di interventi medici.

Like this post? Please share to your friends: