Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Esperienze extracorporee: neuroscienze o paranormali?

Mentre giace nel sonno, il tuo corpo spirituale si libera e si muove verso l’alto mentre il tuo corpo fisico è lasciato solo sul letto sottostante, collegato solo da una fragile corda argentea. Ti volti e ti osservi in ​​pace dormendo. Potrebbe essere la prova dell’anima? Potrebbe essere la prova della vita dopo la morte?

Esperienza extracorporea

Le segnalazioni di esperienze extracorporee (OBE) variano. Alcuni consistono in poco più di una sensazione fugace che il corpo e la mente si sono allentati, mentre altri raccontano storie di fluttuare lontano dal corpo fisico della persona e di viaggiare verso pianure ultraterrene. In ogni caso, gli OBE hanno affascinato l’umanità per secoli, entrando nel folklore, nella credenza spirituale e nella mitologia.

Nel diciannovesimo secolo, per esempio, gli OBE divennero un argomento popolare del movimento letterario romantico, e non sorprendentemente, furono discussi con entusiasmo dai primi ricercatori psichici.

“All’improvviso mi sono sembrata divisa in due esseri distinti. […] Uno di questi esseri è rimasto immobile sul divano, l’altro poteva muoversi un po ‘più lontano e poteva effettivamente guardare il corpo immobile sul divano.”

Journal of Society for Psychical Research, luglio 1894

Secondo i sondaggi, circa il 10% della popolazione ha avuto un’esperienza di OBE almeno una volta, quindi deve esserci qualcosa di più del desiderio di vivere per sempre o di una fantasia eccessiva.

Sebbene, storicamente, la maggior parte delle ricerche sulle OBE provenissero dai margini inconsapevoli della scienza, ha attirato un’attenzione un po ‘più seria negli ultimi anni. In questo articolo, discuteremo alcuni di questi risultati.

Quando si verificano gli OBE?

Gli OBE sono stati documentati in una varietà di situazioni. Questi possono essere suddivisi in due categorie: spontanei e indotti.

OBE spontanee

Una varietà di fattori potrebbe innescare un OBE spontaneo. Questi includono:

Sonno: le OBE spontanee sono segnalate più comunemente come si verificano appena prima di addormentarsi o appena prima del risveglio. È più probabile che si verifichino quando il sonno non è particolarmente profondo, ad esempio a causa di rumore, stress o malattie.

Sforzo fisico: sono stati segnalati anche OBE dopo o durante lo sforzo estremo.

Esperienze di pre-morte (NDE): le OBE si verificano a volte accanto alle visioni di “luce alla fine del tunnel”.

Altre OBE spontanee sono state segnalate durante la meditazione, incidenti non mortali, anestesia, ipnosi, parto, quando soffocante, dopo essere stato colpito, mentre balla o parla, o, come racconta un poliziotto di 36 anni, durante prima notte al lavoro.

“Quando io e altri tre agenti abbiamo fermato il veicolo e iniziato a sospettare […] il sospetto […] ho avuto paura, sono uscito dal mio corpo e sono salito in aria a circa 20 piedi sopra la scena. estremamente calmo, mentre osservavo l’intera procedura, incluso il guardarmi fare esattamente ciò che ero stato addestrato a fare “.

OBE indotti

Da un punto di vista scientifico, gli OBE indotti offrono uno sguardo più allettante sulla base fisica delle OBE. Loro includono:

Farmaci: i farmaci allucinogeni e gli allucinogeni dissociativi in ​​particolare – come DMT, MDA, LSD e ketamina – possono dare origine a OBE indotte.

Privazione sensoriale o sovraccarico: anche le scarse informazioni sensoriali (serbatoi di galleggiamento o ascolto del rumore bianco) o troppo (tortura) possono attivarle.

Forti forze G: i piloti e gli astronauti occasionalmente sperimentano OBE. Per esempio, quando si incontrano forze G estreme, il sangue può parzialmente defluire da certe parti del cervello. Questo, sembra, ha il potere di indurre un OBE.

In questo caso, gli OBE si verificano come parte di un fenomeno chiamato “perdita di coscienza indotta dalla gravità”. Le parti più surreali di questa esperienza non sono liberamente discusse dalla maggior parte dei piloti, ma alcune forniscono resoconti vivaci.

“Ero lì, ma io non ero lì, galleggiavo, guardavo me stesso da fuori”.

Col. Dan Fulgham

Non sono solo le forze G estreme che possono innescare gli OBE nei piloti. Anche durante i voli standard, i piloti possono sopportare strane esperienze sensoriali, che vengono definite collettivamente come disorientamento spaziale (SD). In un particolare episodio della SD, noto come “fenomeno di rottura”, un pilota può sentirsi come se fosse seduto sull’ala, osservando se stesso volare l’aereo.

La SD è considerata uno dei fattori più comuni che contribuiscono agli incidenti aerei. Fatica, stress, droghe, bassi livelli di luce e sovraccarico o privazione sensoriale sono tra i fattori potenzialmente coinvolti.

Verifica della percezione veridica

Forse l’aspetto più controverso delle OBE è la percezione veridica, che è l’affermazione che durante un OBE, lo spettatore è in grado di letteralmente galleggiare fuori dal proprio corpo e testimoniare qualcosa o qualcuno che altrimenti non avrebbero potuto vedere.

Un esempio ben noto è il caso di Pam Reynolds, un paziente operato al cervello che ha subito un’operazione altamente invasiva per rimuovere un tumore al cervello.

Chirurghi al lavoro in chirurgia

Dopo l’intervento, Reynolds è stato in grado di descrivere aspetti della procedura che era accaduta in un momento in cui era morta clinicamente. Ha affermato di aver esaminato la scena durante un OBE.

Anche se lo scetticismo abbonda, i fautori dell’aldilà hanno ripetutamente usato questa storia come “prova” di una capacità di galleggiare oltre il corpo.

Alcune di queste storie sono intriganti e avvincenti. Ma in questa fase, non sono altro che storie non verificabili.

Uno studio del 2014, intitolato Awareness during Resuscitation (AWARE), è stata la prima seria indagine su larga scala per esaminare le NDE. Lo studio ha affrontato la possibilità della percezione veridica durante le OBE.

La ricerca ha coinvolto più ospedali e centinaia di interviste con sopravvissuti all’arresto cardiaco. Per verificare se alcuni individui avessero realmente galleggiato sopra di loro e osservato ciò che li circondava, i ricercatori hanno posizionato le foto su scaffali che sarebbero stati visibili solo dall’alto. In questo modo, potrebbero testare se le persone che vivono l’OBE potrebbero realmente lasciare il proprio corpo.

Sebbene durante lo studio ci fossero solo due OBE veridici, nessuno dei due avrebbe potuto correlare con precisione le immagini dagli scaffali. Attendiamo con impazienza la fase successiva, nota come AWARE II. Come scrivono gli autori, “Un altro richiamo veridico è una possibilità reale negli oltre 1000 casi monitorati, e chissà, che il richiamo visuale mai elusivo possa ancora essere trovato.”

Stimolazione cerebrale diretta

Nel 1955, un neurochirurgo canadese chiamato Wilder Penfield stimolò elettricamente il cervello di persone con epilessia. In un’occasione, ha stimolato il lobo temporale destro del paziente e il paziente ha esclamato: “Oh Dio, sto lasciando il mio corpo”.

La giunzione temporo-parietale

Nel 2002, un gruppo svizzero che lavorava anche su pazienti con epilessia ha passato una corrente debole attraverso il giro angolare destro del paziente, che è dove il lobo parietale incontra il lobo temporale. Questa regione è anche chiamata giunzione temporoparietale.

Il paziente trasmise una sensazione di “caduta da un’altezza”. Mentre aumentavano la corrente, lei disse: “Mi vedo sdraiata sul letto, dall’alto, ma vedo solo le mie gambe e il tronco inferiore”.

I nostri cervelli fanno un lavoro così meraviglioso da bloccarci in realtà che spesso dimentichiamo che gli spilli sono un’illusione e quindi, a volte, possono essere sciolti. Blanke, uno degli scienziati coinvolti nell’esperimento svizzero, ritiene che “gli OBE sono correlati alla mancata integrazione delle informazioni multisensoriali dal proprio corpo alla giunzione temporoparietale (TPJ)”.

In un altro studio condotto da Blanke, lui e il suo team hanno studiato sei pazienti neurologici con lesioni cerebrali che li hanno indotti a sperimentare OBE occasionali. Hanno trovato “il giro angolare da coinvolgere in tutti e cinque i pazienti in cui l’analisi delle lesioni potrebbe essere eseguita”.

Cosa fa la giunzione temporoparietale?

Gli studi più recenti posizionano gli OBE direttamente nel tribunale del TPJ. Allora, cosa sappiamo di questa regione del cervello?

Il TPJ è un’area che raccoglie una serie di informazioni. È un centro di attività, con input dal talamo (che trasmette informazioni sensoriali) e il sistema limbico (che è importante nelle emozioni e nella memoria). Prende anche i dati dai sistemi visivo, uditivo e somatosensoriale (sensazioni corporee).

Il TPJ integra informazioni dall’ambiente esterno e dall’interno del corpo. Si ritiene che svolga un ruolo nella distinzione tra sé e gli altri, il che rende il TPJ un contendente principale per la sede degli OBE.

Perché gli OBE dovrebbero accadere a persone che sono altrimenti in buona salute è ancora un mistero. Ma forse l’illusione è, fisiologicamente, non più significativa di molti altri trucchi della mente che prendiamo nel nostro passo, come il déjà vu. La differenza con gli OBE è che attaccano il nostro senso di sé, qualcosa che riteniamo caro, ma che diamo per scontato.

Per un momento, ci sentiamo eterei – ci sentiamo come se non siamo uno, percependo la nostra fragile natura transitoria. Naturalmente, le nostre personalità, emozioni, ricordi e desideri sono poco più di picchi e tralci di livelli di energia e di sostanze chimiche. Lo sappiamo, ma i nostri cervelli normalmente non ci permettono di sentirlo.

Ci siamo visti tutti da fuori, in medium come foto e specchi. Abbiamo visto tutte le stanze dall’alto e abbiamo intrecciato le favole nella nostra mente. Pertanto, non è una tale spinta immaginare che il nostro cervello possa produrre un OBE e presentarlo a noi come una realtà fugace.

Il nostro cervello svolge un potente lavoro di nascondere la verità da noi. Ci sentiamo come se fossimo un’entità solida, singolare, con la nostra mente e il nostro corpo uniti e sicuri nei loro luoghi legittimi, un monolite nel cosmo. Gli OBE svelano questo senso di sé, dimostrando che, dopo tutto, siamo poco più di un’illusione neurologica abile.

Like this post? Please share to your friends: