Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Essere mancino non è “nei geni”, mostra lo studio

Oltre il 10% della popolazione statunitense è mancino e questa percentuale sembra essere pressoché la stessa nella maggior parte dei paesi del mondo. Sebbene nessuno sappia esattamente cosa rende qualcuno destrorso o destrorso, è tentato di dire che è genetico. Ma una nuova ricerca dal Regno Unito sfida questa convinzione.

Il Prof. John Armour dell’Università di Nottingham e il Dr. Angus Davison, e il Prof. Chris McManus dell’Università di Londra, hanno escluso un “forte fattore genetico” nell’influenzare la manualità.

Lo studio, pubblicato sulla rivista, ha paragonato la sinistra e la mancina a quasi 2000 coppie di gemelli della London Twin Research Unit.

I ricercatori hanno studiato l’intero genoma di circa 4.000 soggetti, ma non sono stati in grado di trovare un forte fattore genetico nel determinare la manualità.

Se la genetica gioca un ruolo dominante nel determinare la mancinismo o la mancinismo, gli scienziati si aspettano di vedere una differenza nella parte del genoma che influenza questo. Ma la ricerca non ha confermato questo.

Questa scoperta mette in discussione i risultati di uno studio precedente condotto dall’Università di Oxford, la funzionale unità genomica MRC, che ha affermato di aver trovato un’associazione significativamente forte con la mano destra o mancina nel gene PCSK6.

‘Nessun posto in cui nascondersi’

Il Prof. Armor, professore di genetica umana dell’Università di Nottingham, ha dichiarato:

“Dovrebbe esserci uno spostamento rilevabile tra persone destrorse e mancine perché i moderni metodi per la tipizzazione della variazione genetica coprono quasi tutto il genoma.Un sondaggio che ha confrontato i genotipi dell’intero genoma per persone destrorse e mancine dovrebbe lasciare un tale gene da nulla da nascondere. “

Ma i professori non sono scoraggiati dalla mancanza di prove per un forte fattore genetico, concludendo che questi fattori devono essere relativamente sottili o deboli, piuttosto che essere una questione di scelta o di apprendimento.

William Brandler, della MRC Functional Genomics Unit della Oxford University e primo autore dello studio precedente che ha trovato un’associazione genetica, ha avvertito in precedenza che i loro risultati non spiegavano completamente la variazione della sinistra e della mano destra all’interno della popolazione umana:

“Come per tutti gli aspetti del comportamento umano, natura e cultura vanno di pari passo. Lo sviluppo della manualità deriva da una miscela di geni, ambiente e pressione culturale per conformarsi alla destrogenzione”.

E, come sottolineato dal Prof. Armor, i risultati di questo ultimo studio presentano opportunità per ulteriori ricerche.

“È probabile che ci siano molti fattori genetici relativamente deboli nelle mani, piuttosto che qualsiasi fattore forte, e studi molto più grandi di quelli necessari per identificare tali geni in modo non ambiguo. Di conseguenza, anche se questi geni verranno identificati in futuro è molto improbabile che la manualità possa essere utilmente prevista dall’analisi del DNA umano. “

Like this post? Please share to your friends: