Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Far fronte alla sindrome dell’intestino irritabile

Vivere con la sindrome dell’intestino irritabile può essere difficile, doloroso e imbarazzante e può influire sulla qualità della vita. Abbiamo compilato alcuni modi per affrontare la condizione che può aiutare a eliminare i sintomi spiacevoli che si verificano dalla sindrome dell’intestino irritabile.

donna che posa su un letto con una pancia dolorante

La sindrome dell’intestino irritabile (IBS) è un disturbo gastrointestinale comune che colpisce più del 10% degli adulti negli Stati Uniti, solo dal 5 al 7% dei quali ha ricevuto una diagnosi. La condizione è due volte più probabile che si verifichi nelle donne rispetto agli uomini e di solito accade nelle persone di 45 anni e più giovani.

IBS provoca disagio addominale, gas e cambiamenti nei modelli dei movimenti intestinali, così come la diarrea o la stitichezza. La causa dell’IBS è in gran parte sconosciuta, il che ostacola lo sviluppo di trattamenti efficaci.

Tuttavia, sembrano esserci trigger comuni per IBS, come certi cibi, stress e cambiamenti ormonali, sebbene questi possano variare da persona a persona.

Stabilire quali scintille e facilita il tuo IBS può aiutarti a gestire la condizione e riprendere il controllo della tua vita. Ecco cinque passaggi da eseguire per evitare i trigger, prevenire i riacutizzazioni dei sintomi e far fronte all’IBS.

1. Modifica la tua dieta

Fare semplici cambiamenti alla tua dieta può spesso dare sollievo dai tuoi sintomi IBS. Non esiste una dieta IBS specifica come tale, e ciò che funziona per una persona potrebbe non funzionare per un’altra. I cambiamenti legati alla dieta che funzionano meglio per te dipenderanno dai tuoi sintomi e dalla tua reazione ad alimenti particolari.

alimenti ricchi di fibre

Tenere un diario alimentare può aiutare a identificare gli alimenti che migliorano o esacerbano i sintomi. Traccia i cibi che mangi, i sintomi che hai e quando si presentano.

Secondo l’Istituto Nazionale di Diabete e Malattie Digestive e Rene, gli alimenti e le bevande che hanno dimostrato di peggiorare i sintomi dell’IBS includono:

  • cibi ricchi di grassi
  • alcuni prodotti lattiero-caseari
  • bevande alcoliche
  • caffeina
  • beve alto in dolcificanti artificiali
  • fagioli, cavoli e altri alimenti che causano gas

La Fondazione internazionale per i disturbi gastrointestinali funzionali evidenzia anche fibre insolubili, cioccolato e noci come alimenti che potrebbero causare problemi.

Fibra

Aumentare l’apporto di fibre può aiutare a migliorare i sintomi di stitichezza causati da IBS. Gli alimenti che contengono fibre includono frutta, verdura, cereali integrali e fagioli. Si raccomanda agli adulti di consumare da 22 a 34 grammi di fibre al giorno.

Quando aggiungi più fibra alla tua dieta, aumenta lentamente la quantità da 2 a 3 grammi al giorno. Aggiungere troppe fibre alla tua dieta in un sol colpo può causare gas e gonfiore e farti sentire ancora più dolore addominale.

Dieta FODMAP bassa

In caso di gonfiore, può essere efficace una dieta a basso contenuto di oligosaccaridi, disaccaridi, monosaccaridi e polioli (FODMAP). Questi sono tutti i tipi di carboidrati che sono scarsamente assorbiti nell’intestino tenue. Esistono cinque gruppi di FODMAP:

  • fruttani, tra cui grano, segale, cipolla, broccoli e aglio
  • galacto-oligosaccaridi, compresi ceci, lenticchie, prodotti a base di soia e fagioli
  • lattosio, compreso latte vaccino, gelato, yogurt e ricotta
  • fruttosio in eccesso, tra cui mele, mango, pere, anguria e miele
  • polioli, tra cui pesche noci, pesche, prugne, cavolfiori e funghi

I ricercatori suggeriscono che i FODMAP aumentano l’acqua nell’intestino tenue, che può contribuire alle feci e alla diarrea vaghe nell’IBS.

Inoltre, i FODMAP passano nell’intestino crasso, dove miliardi di batteri li fermentano, provocando gas e gonfiore. Ridurre l’assunzione di FODMAP può migliorare questi sintomi.

Alcune persone hanno sintomi attivati ​​da uno o due FODMAP, mentre altri hanno un problema con tutti e cinque. Gli alimenti dovrebbero essere limitati solo se contribuiscono ai sintomi dell’IBS.

Chiedere consiglio a un dietista può aiutarti a eliminare gli alimenti ad alto contenuto di FODMAP e poi a reintrodurli lentamente per trovare un livello di tolleranza adatto a te.

2. Aumentare l’attività fisica

Aumentare i livelli di esercizio può fornire un certo sollievo dall’IBS. L’esercizio fisico aiuta a stimolare le normali contrazioni dell’intestino e a ridurre lo stress, che allevia alcuni sintomi di IBS.

donna che indossa l'esercizio di abbigliamento

La ricerca ha dimostrato che la partecipazione da 20 a 30 minuti di esercizio da moderato a vigoroso tra le tre e le cinque volte alla settimana ha migliorato significativamente il dolore addominale, i problemi delle feci e la qualità della vita rispetto a un gruppo di controllo.

Inoltre, essere fisicamente attivi impediva regolarmente il deterioramento dei sintomi dell’IBS.

Se non ti sei esercitato per un po ‘, è meglio aumentare lentamente la frequenza e la durata dell’attività fisica. Il tuo obiettivo è di raggiungere 30 minuti di esercizio cinque volte a settimana, come raccomandato dall’American Heart Association (AHA).

3. Ridurre lo stress

Stressori fisici o psicologici, come un’infezione intestinale o una modifica al lavoro, possono causare un disturbo nelle complesse interazioni tra il cervello e il sistema digestivo e quindi esacerbare i sintomi dell’IBS.

Uomo che si rilassa e guardando una vista

Potresti scoprire di provare sollievo dai sintomi e migliorare il benessere integrando le tecniche di rilassamento nella tua giornata. Sia che tu abbia 5 minuti per risparmiare ogni giorno o 1 ora, gli esercizi di rilassamento regolari ti aiuteranno a sentire il controllo dei tuoi sintomi.

L’utilizzo di tecniche di rilassamento profondo come la respirazione addominale, il rilassamento muscolare progressivo e la visualizzazione sono associati a molti benefici per la salute, tra cui:

  • ansia ridotta
  • memoria e concentrazione migliorate
  • aumento della produttività e dei livelli di energia
  • sonno migliorato
  • diminuzione dell’affaticamento
  • ridotta tensione muscolare

Praticare tecniche di rilassamento ti aiuterà ad adottare misure positive per affrontare i sintomi dell’IBS e prepararti ad affrontare qualsiasi ulteriore stress che potrebbe presentarti in futuro.

La meditazione, l’assistenza e il sostegno, l’esercizio fisico regolare e il sonno sufficiente possono anche aiutarti a gestire i tuoi livelli di stress.

4. Provare i farmaci IBS

Non è chiaro cosa causa la sindrome dell’intestino irritabile, quindi i trattamenti mirano ad alleviare i sintomi per permettervi di vivere il più normalmente possibile. Se i tuoi sintomi non sono alleviati da cambiamenti nella tua dieta, stile di vita e livelli di stress, il tuo medico potrebbe suggerirti di provare i farmaci. Questi includono:

pillole che si rovesciano da una bottiglia

  • Supplementi di fibre. Psillio (Metamucil) o metilcellulosa (Citrucel) possono aiutare a controllare la stitichezza.
  • Lassativi osmotici. Latte di magnesia o polietilenglicole possono aiutare a costipazione.
  • Farmaci anti-diarrea. Loperamide (Imodium) può ridurre la diarrea in IBS.
  • Farmaci antispasmodici. Hyoscyamine (Levsin) e diciclommina (Bentyl) possono contribuire a ridurre gli spasmi intestinali.
  • Farmaci antidepressivi. Le basse dosi di antidepressivi triciclici e gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina possono aiutare con sintomi di dolore o depressione.
  • Antibiotici. Rifaximina (Xifaxan) potrebbe potenzialmente aiutare a trattare la crescita eccessiva batterica dell’intestino tenue – sebbene siano necessarie ulteriori ricerche.
  • Le capsule di olio di menta piperita possono ridurre i sintomi dell’IBS.

Sono stati anche approvati farmaci che hanno dimostrato di essere efficaci nel trattamento di sintomi multipli di IBS. Questi includono:

  • Alosetron (Lotronex), che rilassa il colon e rallenta il movimento dei rifiuti attraverso l’intestino inferiore per ridurre la diarrea e il dolore addominale.
  • Lubiprostone (Amitiza), che aumenta la secrezione di fluidi nell’intestino tenue per aiutare le feci a muoversi più facilmente.
  • Eluxadoline (Viberzi), che riduce il dolore addominale e migliora la consistenza delle feci.
  • Linaclotide (Linzess), che blocca i segnali di dolore e aumenta il passaggio del contenuto attraverso il tratto gastrointestinale.

Alcuni studi suggeriscono che i probiotici potrebbero aiutare con i sintomi dell’IBS. Tuttavia, non tutti i probiotici hanno lo stesso effetto e i loro benefici non sono al momento chiari.

5. Prendi in considerazione gli interventi psicologici

Se hai ancora problemi con i sintomi di IBS dopo aver esplorato tutti i metodi sopra elencati, potresti prendere in considerazione la terapia psicologica per migliorare i sintomi.

Terapia parlante

donna su un divano in una sessione di terapia parlante

Gli operatori sanitari utilizzano la terapia cognitivo comportamentale (CBT) e la terapia psicodinamica per trattare l’IBS.

La CBT si concentra sui tuoi pensieri e azioni, mentre la terapia psicodinamica si concentra su quale effetto hanno le tue emozioni sui tuoi sintomi di IBS.

Le terapie parlanti coinvolgono la gestione dello stress e le tecniche di rilassamento.

Ipnoterapia correlata all’intestino

Alcune ricerche hanno suggerito che l’ipnosi migliora l’ansia, la depressione, i sintomi gastrointestinali e la qualità della vita correlati all’IBS.

Durante l’ipnoterapia correlata all’intestino, un terapeuta usa l’ipnosi per aiutarti a imparare a rilassare i muscoli del colon e riprendere il controllo delle tue risposte fisiologiche.

Addestramento alla consapevolezza

Praticare la consapevolezza può aiutarti a focalizzare la tua attenzione sulle sensazioni che si verificano nel presente, invece di stressarti su quelle sensazioni e preoccuparti di ciò che potrebbero significare.

Attraverso la consapevolezza, puoi sviluppare la consapevolezza della tua mente e del tuo corpo e rilassarti, il che può aiutare a ridurre i sintomi dell’IBS e aumentare il tuo benessere fisico e mentale.

Non esiste un approccio a misura unica per trattare con IBS. Ma provando diverse combinazioni di dieta, esercizio fisico, gestione dello stress, farmaci e terapie psicologiche, dovresti essere sulla buona strada per ridurre il disagio dai sintomi dell’IBS.

Like this post? Please share to your friends: