Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Farmaci dell’acido allo stomaco legati alla malattia renale cronica

Prendendo una classe di farmaci comunemente usati per ridurre l’acido nello stomaco è legato ad un rischio più elevato di sviluppare malattia renale cronica, rispetto a non assumerli.

Stomaco ed esofago

Questo è stato il risultato di un nuovo studio condotto dalla Johns Hopkins University di Baltimora, MD, e pubblicato nel.

Tuttavia, gli autori sottolineano anche che la ricerca di un legame tra l’uso di inibitori della pompa protonica (PPI) e la malattia renale cronica non dimostra che i farmaci effettivamente causano la malattia – questo è il motivo per ulteriori studi da stabilire.

Potrebbe essere, suggeriscono, che i partecipanti a cui sono stati prescritti PPI potrebbero essere stati a più alto rischio di malattia renale cronica per ragioni estranee al loro uso di PPI.

Tuttavia, i ricercatori notano anche che studi precedenti hanno collegato l’uso di PPI a una forma di infiammazione renale chiamata nefrite interstiziale acuta.

Gli IPP sono tra i farmaci più usati in tutto il mondo. Sono utilizzati per alleviare i sintomi del reflusso acido e della malattia da reflusso gastroesofageo (GERD). Sono anche prescritti per il trattamento di ulcere peptiche o dello stomaco e danni all’esofago inferiore causati da reflusso acido.

Gli IPP funzionano riducendo la quantità di acido gastrico prodotto dalle cellule nel rivestimento dello stomaco. Non sono gli stessi degli antiacidi, che funzionano neutralizzando l’eccesso di acido dopo che è entrato nello stomaco.

Esistono molti tipi e marchi di PPI; alcuni esempi includono omeprazolo (nome commerciale Prilosec, disponibile anche senza prescrizione medica), esomeprazolo (Nexium) e lansoprazolo (Prevacid). Gli effetti collaterali variano da farmaco a farmaco.

In un articolo editoriale di accompagnamento – dove riassumono le recenti prove sugli effetti avversi dell’uso di PPI – Drs. Adam Jacob Schoenfeld e Deborah Grad, della University of California-San Francisco, osservano che:

“Un gran numero di pazienti sta assumendo PPI senza una ragione chiara – spesso sintomi remoti di dispepsia o ‘bruciore di stomaco’ che da allora si sono risolti”.

Rischio a 10 anni di malattia renale più elevato per gli utenti PPI

Per il loro studio, i ricercatori di Johns Hopkins e i loro colleghi hanno analizzato per la prima volta i dati su 10.482 partecipanti seguiti per una media di circa 14 anni nello studio ARIC (Atherosclerosis Risk in Communities).

Fatti veloci sul reflusso acido

  • Il reflusso acido, o reflusso gastroesofageo (GER), si verifica quando il contenuto dello stomaco ritorna nell’esofago
  • È sentito come bruciore di stomaco quando l’acido dello stomaco tocca il rivestimento dell’esofago
  • Una forma più grave e persistente – la malattia da reflusso gastroesofageo (GERD) – colpisce circa il 20% della popolazione statunitense.

Ulteriori informazioni sul reflusso acido

Hanno poi replicato i risultati in una coorte più ampia di 248.751 partecipanti seguiti per una mediana di 6 anni – questi partecipanti erano membri del sistema sanitario di Geisinger in Pennsylvania.

Hanno scoperto che all’inizio del periodo di monitoraggio, gli utenti PPI in entrambi i gruppi avevano maggiori probabilità di avere un indice di massa corporea più alto (BMI) e di assumere aspirina, statine o farmaci per controllare l’ipertensione.

Nel gruppo ARIC, 56 dei 332 partecipanti che utilizzavano PPI hanno sviluppato malattia renale cronica, rispetto a 1.382 su 10.160 non utilizzatori. Queste cifre si traducono rispettivamente in 14,2 e 10,7 per 1.000 persone. I partecipanti sono stati classificati come utenti PPI se stavano assumendo i farmaci all’inizio del follow-up.

Ulteriori analisi di questi dati ARIC hanno rivelato che il rischio assoluto a 10 anni di sviluppare malattia renale cronica negli utilizzatori di PPI era dell’11,8%, rispetto all’8,5% se non avevano usato gli IPP.

Quando hanno ripetuto la stessa analisi nella coorte Geisinger, i ricercatori hanno trovato 1.921 utenti da 16.900 PPI e 28.226 su 231.851 di nefropatie croniche non-utenti, che si traducono rispettivamente in 20.1 e 18.3 per 1.000 persone-anno.

Ancora una volta, un’ulteriore analisi della coorte più ampia ha mostrato che l’uso di PPI era associato ad un più alto rischio di malattia. Il rischio assoluto a 10 anni di sviluppare una malattia renale cronica tra gli utenti PPI era del 15,6%, rispetto al 13,9% se non avevano usato i farmaci.

Commentando le loro scoperte, gli autori sottolineano il fatto che il loro studio “è osservativo e non fornisce evidenza di causalità”, ma se il legame tra uso PPI e malattia renale cronica si rivela essere causale, allora potrebbe avere importanti implicazioni per il pubblico salute, dato l’uso diffuso dei farmaci.

Oltre 15 milioni di americani hanno utilizzato gli IPP di prescrizione nel 2013 con un costo di oltre 10 miliardi di dollari, notano e concludono:

“I risultati dello studio suggeriscono che fino al 70% di queste prescrizioni sono senza indicazione e che il 25% degli utilizzatori di PPI a lungo termine potrebbe interrompere la terapia senza sviluppare sintomi, anzi, ci sono già richieste per la riduzione dell’uso non necessario di PPI”.

Nel 2010, ha riportato come uno studio condotto da ricercatori dell’Ospedale Nazionale Universitario di Seoul nella Corea del Sud, pubblicato nel, ha anche scoperto che l’uso di PPI e un’altra classe di farmaci antideflagranti chiamati antagonisti del recettore istamina2 possono essere collegati a un più alto rischio di polmonite.

Like this post? Please share to your friends: