Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Fasi della demenza: come cambia la malattia nel tempo?

La demenza non è una malattia o una malattia specifica. Comporta una varietà di sintomi associati a problemi di pensiero, memoria e comunicazione.

Per avere una diagnosi di demenza, il declino del funzionamento deve influenzare la capacità di una persona di svolgere le attività quotidiane.

Questo articolo esaminerà diversi tipi di demenza e come cambiano man mano che la condizione progredisce.

Tipi di demenza

placche beta amiloidi

La demenza può avere cause diverse. Le modifiche al cervello dipendono dal tipo di demenza che ha una persona.

I comuni tipi di demenza includono il morbo di Alzheimer, la demenza vascolare, la demenza con corpi di Lewy e la demenza mista.

Il morbo di Alzheimer

La causa più comune di demenza è la malattia di Alzheimer. Secondo l’Alzheimer’s Association, tra il 60 e l’80 per cento della demenza è causata dall’Alzheimer.

Non è del tutto chiaro cosa causi il morbo di Alzheimer, ma i grumi di una proteina chiamata beta-amiloide si trovano nel cervello di persone con questo tipo di demenza.

Demenza vascolare

La demenza vascolare può verificarsi quando vi è una ridotta circolazione del cervello a causa di un ictus o di altre condizioni, con conseguente danno ai vasi sanguigni nel cervello.

Demenza con corpi di Lewy

La demenza con corpi di Lewy avviene quando nel cervello si sviluppano proteine ​​anomale, chiamate corpi di Lewy. I depositi di proteine ​​possono essere trovati in tutto il cervello, compresa la corteccia cerebrale, l’area coinvolta nel linguaggio e nel pensiero.

Demenza mista

La demenza mista comporta più di una causa. Ad esempio, possono essere presenti problemi di vasi sanguigni e proteine ​​anomale nel cervello.

In che modo i sintomi della demenza cambiano nel tempo?

Indipendentemente dalla causa, i sintomi della demenza tendono a peggiorare nel tempo.

Il tasso di progressione varia da persona a persona. La genetica, l’età e la salute generale possono giocare un ruolo nella velocità con cui la malattia progredisce.

Primi sintomi

La demenza spesso, ma non sempre, inizia con un lieve declino nella capacità di pensare. Ad esempio, qualcuno potrebbe dimenticare una conversazione recente o il nome di un oggetto familiare.

A questo punto, la diminuzione della memoria potrebbe non influire molto sulla capacità di una persona di funzionare quotidianamente.

I primi sintomi possono anche includere una diminuzione della capacità di svolgere determinati compiti, come pagare le bollette o seguire una ricetta. Piccoli cambiamenti nella personalità possono anche essere notati da persone vicine a un individuo con demenza.

A questo punto, una persona con demenza può iniziare a rendersi conto che qualcosa non è giusto, ma possono scegliere di nascondere i sintomi.

Moderati sintomi di demenza

La vecchia signora è confusa e preoccupata con un laptop in grembo

Con il progredire della demenza, i sintomi diventano più difficili da nascondere. Possono manifestarsi sintomi più evidenti. Potrebbe essere necessario un aiuto con l’auto-cura o attività quotidiane.

I cambiamenti di personalità possono diventare più evidenti. La persona può provare paranoia o paura. I sintomi possono includere maggiore confusione e perdita di memoria.

Le persone con demenza moderata spesso dimenticano il loro indirizzo o altre informazioni personali, incluso il loro numero di telefono. I modelli di sonno e l’umore possono cambiare.

Sintomi di demenza in stadio avanzato o grave

Gradualmente, la demenza può progredire e diventare grave. La memoria è spesso influenzata in modo significativo. Qualcuno con demenza potrebbe non riconoscere i familiari.

Durante la demenza in stadio avanzato, i sintomi possono includere l’incapacità di comunicare, camminare e controllare la funzione dell’intestino e della vescica.

Una persona con demenza in stadio avanzato può avere rigidità muscolare e riflessi anormali. Di solito è necessaria un’assistenza personale a tempo pieno per mangiare, fare il bagno e vestirsi. Le persone con demenza grave sono vulnerabili alle infezioni, tra cui polmonite e piaghe da decubito.

In che modo le opzioni di trattamento cambiano nel tempo?

Attualmente, non esiste una cura per la demenza, compresa la malattia di Alzheimer, ma ci sono trattamenti. Il trattamento di solito mira a ridurre i sintomi e gestire i cambiamenti comportamentali.

Il trattamento può anche cambiare nel tempo. Possono essere prescritte diverse classificazioni di farmaci, in base allo stadio della malattia.

I farmaci possono ridurre i sintomi influenzando le sostanze chimiche che portano messaggi alle cellule cerebrali.

Questi farmaci sono chiamati inibitori della colinesterasi. Sono spesso prescritti per le persone con sintomi da lievi a moderati. Gli inibitori delle colinesterasi trattano i sintomi associati a confusione, comunicazione e memoria.

Nelle persone con demenza da moderata a severa, il trattamento può includere anche memantina. Memantine è un farmaco che può aiutare a migliorare il linguaggio, il pensiero e la memoria.

Memantina agisce regolando il glutammato, una sostanza chimica nel cervello che è coinvolta nella memoria e nell’apprendimento. Memantina può ritardare temporaneamente la progressione dei sintomi per alcune persone.

Le opzioni di trattamento possono includere farmaci che riducono i cambiamenti comportamentali, come ansia e problemi del sonno.

Negli stadi successivi possono essere necessari diversi farmaci, man mano che i sintomi si sviluppano. Particolari farmaci possono essere raccomandati per trattare sintomi specifici, come paura, irrequietezza e allucinazioni.

Con il progredire della demenza, il trattamento può anche concentrarsi sul miglioramento della qualità della vita. Ad esempio, la terapia occupazionale può essere utile per insegnare alle persone affette da demenza come utilizzare le attrezzature adattive o per migliorare le capacità motorie.

Diagnosi ed esito

giovani mani che tengono vecchie mani

Nessun singolo test può determinare se una persona ha la demenza. I test si concentreranno sulla capacità di pensare e sulla valutazione neurologica.

I test valutano abilità come ragionamento, linguaggio e memoria. Vengono esaminati anche il movimento, l’equilibrio e la percezione visiva.

Una storia medica e esami del sangue possono aiutare a escludere altre cause dei sintomi.

Studi di imaging, come una TC o una PET, possono determinare se una proteina specifica è depositata nel cervello o se c’è un’interruzione del flusso sanguigno al cervello.

Le scale di demenza possono aiutare a decidere se la demenza è presente e fino a che punto è progredita.

La scala di deterioramento globale può essere utilizzata per determinare la gravità della demenza generale.

Le valutazioni vanno da uno a sette, dove sette indica lo stadio più grave. Una combinazione di test può essere utilizzata per effettuare una valutazione.

Le prospettive per le persone con demenza varia. L’età alla diagnosi e la risposta al trattamento influenzano il progredire della condizione.

Le persone con demenza di Alzheimer spesso vivono per circa 10 anni dopo la diagnosi, secondo la Mayo Clinic.

Tuttavia, ognuno è diverso. Alcune persone con demenza sopravvivono 20 anni o più dopo la diagnosi.

Vivere con demenza nelle fasi successive

Potrebbe essere utile per una persona affetta da demenza essere coinvolta nelle decisioni sulla sua cura prima che diventino incapaci di comunicare i propri desideri.

La pianificazione avanzata dell’assistenza consente a un individuo affetto da demenza di indicare ciò che desidera e non vuole, ad esempio vivere in una casa di cura o essere curato a casa.

Vivere con la demenza in stadio avanzato può spesso essere difficile per i pazienti e gli operatori sanitari. Man mano che i sintomi progrediscono, è necessaria più attenzione.

Le strategie che possono aiutare qualcuno con demenza in stadio avanzato includono tecniche per jog memory, come indizi visivi o note.

I dispositivi di tecnologia assistiva comprendono ausili per le comunicazioni, dispositivi di spegnimento automatico e dispositivi di richiamo computerizzati.

I caregivers dovrebbero creare un ambiente calmo e sicuro. È importante identificare e correggere i problemi di sicurezza. Ciò include la rimozione dei rischi di inciampo e l’assicurazione che le stanze siano facili da aggirare.

I caregivers dovrebbero anche assicurarsi che i farmaci siano presi correttamente e che i bisogni nutrizionali siano soddisfatti. La demenza allo stadio può anche essere un momento difficile per i caregiver. Avere un forte sistema di supporto e concedere tempo per ricaricare è essenziale.

Like this post? Please share to your friends: