Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Febbre ghiandolare: cosa sapere

La febbre ghiandolare, o mononucleosi infettiva, è un’infezione comune tra adolescenti, giovani adulti e studenti universitari. I sintomi includono febbre, mal di gola, affaticamento e ingrossamento dei linfonodi e delle ghiandole e talvolta epatite.

Normalmente è causato dal virus Epstein-Barr (EBV) un virus dell’herpes altamente contagioso. Si pensa che l’EBV sia presente nel 90-95% delle persone in tutto il mondo, ma non sempre causa sintomi e non sempre porta alla febbre ghiandolare.

Non esiste una cura e la febbre ghiandolare di solito passa senza trattamento, ma la fatica può durare per qualche tempo.

I citomegaloviruri (CMV) e la rosolia, o il morbillo tedesco, possono anche causare la febbre ghiandolare, ma la causa non è l’EBV e non è la mononucleosi. La toxoplasmosi può causare sintomi simili.

Fatti veloci sulla febbre ghiandolare:

Ecco alcuni punti chiave sulla febbre ghiandolare. Maggiori dettagli sono nell’articolo principale.

  • La febbre ghiandolare è solitamente causata dal virus Epstein-Barr (EBV).
  • EBV è un virus dell’herpes comune che molte persone hanno, spesso senza sintomi.
  • I sintomi includono mal di gola, febbre, gonfiore delle ghiandole e affaticamento.
  • I sintomi possono persistere per diverse settimane e la fatica può persistere per diversi mesi.
  • Non esiste una cura e la febbre ghiandolare di solito passa senza trattamento.

Sintomi

La febbre ghiandolare coinvolge i linfonodi ingrossati e il mal di gola.

La febbre ghiandolare ha un periodo di incubazione di 4-6 settimane. In altre parole, i sintomi compaiono da 4 a 6 settimane dopo l’infezione iniziale. I sintomi, e specialmente la fatica, possono continuare per diverse settimane.

Includono comunemente:

  • sintomi simil-influenzali, inclusi dolori muscolari e mal di testa
  • una temperatura di 38 gradi Celsius o superiore
  • un’eruzione cutanea diffusa, rossa e priva di prurito
  • nausea e perdita di appetito
  • malessere, stanchezza, stanchezza e debolezza
  • gonfiore e gonfiore intorno agli occhi
  • gola infiammata
  • gonfiore nelle ghiandole linfatiche
  • milza gonfia, che porta al dolore nella parte superiore dell’addome
  • dolore al fegato e ittero

Gola infiammata

Il mal di gola può essere lieve, ma spesso è molto dolente, rosso e gonfio, simile a quello della tonsilite. Se una persona ha una tonsillite severa che dura più a lungo del solito, questa può essere la febbre ghiandolare. La deglutizione è spesso dolorosa.

Le ghiandole linfatiche e la milza

Mentre il sistema immunitario del corpo combatte il virus, le ghiandole linfatiche si gonfiano. Questo può influenzare qualsiasi linfonodo nel corpo, ma le ghiandole nel collo e le ascelle sono di solito le più prominenti. Possono diventare gonfie e tenere.

La milza è un organo che fa parte del sistema immunitario. Si trova sotto le costole sul lato sinistro dell’addome. Come le ghiandole linfatiche, la milza può gonfiarsi e talvolta può essere percepita sotto le costole. Può causare dolore lieve nella parte superiore sinistra dell’addome.

Il fegato

Il virus può a volte causare una leggera infiammazione del fegato, nota come epatite. È più comune nelle persone con più di 30 anni.

I sintomi dell’epatite includono:

  • ittero, un ingiallimento della pelle e degli occhi
  • intolleranza all’alcol
  • perdita di appetito
  • nausea

I sintomi di ittero ed epatite dovrebbero scomparire quando la persona si riprende dalla febbre ghiandolare.

Il mal di gola e la febbre di solito migliorano dopo 2 settimane. L’affaticamento e i linfonodi ingrossati possono persistere più a lungo, a volte per diversi mesi.

Le persone possono essere infette da EBV ma non hanno sintomi. Questo è più probabile nei bambini più piccoli e nelle persone di età superiore ai 40 anni.

Trattamento

Non esiste una cura per la febbre ghiandolare e la maggior parte dei sintomi scompare normalmente entro 4-6 settimane senza trattamento, sebbene in alcuni casi la fatica possa persistere fino a 6 mesi. La maggior parte delle persone fa un pieno recupero.

I sintomi possono essere controllati con:

riposo

Il riposo completo aiuterà il recupero, specialmente durante il primo mese dopo la comparsa dei sintomi. Il paziente spesso si sente troppo stanco e non sta bene per continuare con la sua routine regolare. Mentre la persona si riprende, l’esercizio leggero può aiutarli a ritrovare la forza muscolare.

Bere liquidi

Questo aiuterà a prevenire la disidratazione, specialmente se c’è la febbre. Un mal di gola può rendere difficile la deglutizione, ma è importante consumare abbastanza liquido.

antidolorifici

Gli antidolorifici, come l’ibuprofene o il tilenolo (paracetamolo) possono essere acquistati da banco (OTC) o online. Possono aiutare a controllare la febbre e il dolore. L’aspirina non è adatta per i minori di 16 anni.

gargarismi

Fare i gargarismi con acqua salata o una soluzione dalla farmacia può aiutare ad alleviare il mal di gola.

steroidi

Se le tonsille sono molto infiammate o la respirazione è difficile, può essere prescritto un breve ciclo di corticosteroidi. Tuttavia, questo non è normalmente raccomandato.

Le cause

La maggior parte delle infezioni da EBV si verificano durante la prima infanzia. Quando l’infezione si verifica, il sistema immunitario produce anticorpi per combattere il virus.

L’infezione da EBV non porta sempre alla febbre ghiandolare e possono esserci pochi o nessun sintomo.

Dopo l’infezione, il virus rimarrà nel corpo per tutta la vita, giacendo inattivo in un numero di cellule del sangue e della gola. Gli anticorpi forniscono un’immunità permanente e la febbre ghiandolare raramente ritorna una seconda volta.

A volte, tuttavia, il virus diventa di nuovo attivo. Questo può occasionalmente causare sintomi, specialmente in una persona con un sistema immunitario indebolito.

Una persona che è stata infettata da EBV durante l’adolescenza o la prima età adulta ha maggiori probabilità di sviluppare la febbre ghiandolare. Questo è il motivo per cui la maggior parte dei casi si verifica tra i 15 ei 25 anni.

Almeno 1 su 4 o giovani adulti infetti da EBV svilupperanno la febbre ghiandolare.

Le persone possono sviluppare la febbre ghiandolare in altre età, ma è meno probabile.

Come si diffonde?

EBV è contagioso.Può essere trasmesso attraverso il contatto con la saliva di una persona che ha l’infezione, ad esempio attraverso tosse e starnuti e quando condivide posate e stoviglie, come tazze, piatti e cucchiai.

Può anche essere trasmesso attraverso i baci e talvolta viene chiamato la malattia del bacio.

Una persona rimane contagiosa per almeno 2 mesi dopo l’infezione iniziale con EBV. Alcune persone possono avere EBV nella loro saliva fino a 18 mesi dopo l’infezione. Se non hanno sintomi, potrebbero non sapere di avere l’infezione.

Se una persona non è stata infettata da EBV in passato e viene a contatto con la saliva infetta, può ammalarsi, anche se l’altra persona non mostra sintomi.

In primo luogo, il virus infetterà il rivestimento interno della gola. Quindi, un tipo di globuli bianchi noti come linfociti B possono diffondere l’infezione ad altre parti del corpo, incluso il fegato e la milza.

Una persona può diffondere EBV se ha l’infezione, anche se non ha sintomi. Se il virus si riattiva, può anche diffondersi ad altri, per quanto sia lungo dall’infezione originale.

Altre cause di febbre ghiandolare

La febbre ghiandolare può anche essere causata dal citomegalovirus (CMV) e dalla rosolia, o dal morbillo tedesco. Sintomi simili possono anche comparire in caso di toxoplasmosi, un’infezione parassitaria.

Cause non-EBV di febbre ghiandolare possono danneggiare un feto o un embrione. Una donna che viene infettata da una qualsiasi di queste condizioni durante la gravidanza può richiedere un trattamento speciale con antibiotici e anticorpi.

Diagnosi

Il medico effettuerà un esame fisico per rilevare i linfonodi ingrossati e per valutare le tonsille, il fegato e la milza.

Se il medico sospetta la febbre ghiandolare, può ordinare alcuni test.

Due esami del sangue possono aiutare a confermare una diagnosi:

  • Un test anticorpale può rilevare anticorpi specifici contro EBV.
  • Un test dei globuli bianchi può scoprire se ci sono più globuli bianchi del solito, suggerendo un’infezione, o se i globuli bianchi hanno un aspetto insolito.

Potrebbero esserci anche test per la funzionalità epatica.

Se una donna è incinta, i test possono mostrare se sono presenti la rosolia o la toxoplasmosi. EBV non danneggerà un feto o un embrione.

complicazioni

Le complicanze della febbre ghiandolare sono rare, ma possono essere gravi.

Loro includono:

  • danno alla milza
  • un’infezione secondaria, come polmonite, meningite o infiammazione del cuore
  • anemia, o un basso livello di globuli rossi
  • una condizione neurologica, come la sindrome di Guillan-Barre o la paralisi di Bell
  • ostruzione delle vie aeree superiori

Una persona con una milza danneggiata dovrebbe evitare sport di contatto come il calcio per 8 settimane dopo aver avuto la febbre ghiandolare.

Le infezioni secondarie sono rare, ma rappresentano un rischio per i pazienti con un sistema immunitario indebolito.

Gli studi hanno rilevato che tra il 9 e il 22% dei pazienti continua a soffrire di affaticamento 6 mesi dopo l’infezione.

prospettiva

La febbre di solito dura da 10 a 14 giorni, ma la fatica può persistere per diversi mesi. La maggior parte delle persone fa un pieno recupero.

Abbiamo scelto gli articoli collegati in base alla qualità dei prodotti ed elencato i pro e i contro di ciascuno per aiutarti a determinare quale funzionerà meglio per te. Collaboriamo con alcune delle aziende che vendono questi prodotti, il che significa che Healthline UK e i nostri partner potrebbero ricevere una parte dei ricavi se si effettua un acquisto utilizzando un link (s) di cui sopra.

Like this post? Please share to your friends: