Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Febbre reumatica: cosa è necessario sapere

La febbre reumatica è una reazione infiammatoria che può svilupparsi come complicazione di un’infezione da streptococco di gruppo A, come mal di gola o scarlattina. Si verifica quando l’infezione non è stata trattata o sottoposta a trattamento.

Non tutti quelli che hanno un’infezione da streptococco svilupperanno la febbre reumatica (RF), ma se si sviluppa RF, i sintomi compaiono normalmente da 2 a 4 settimane dopo l’infezione.

Più comunemente colpisce ragazzi e ragazze di età compresa tra 5 e 15 anni, ma può verificarsi negli adulti e nei bambini più piccoli. Le complicanze neurologiche sembrano essere più comuni nelle donne.

La RF può avere complicanze a lungo termine, la più comune è la cardiopatia reumatica (RHD) che si sviluppa nel 30-45% di quelli con RF. In tutto il mondo, l’RHD è responsabile di 230.000 – 500.000 morti all’anno.

Prima dell’introduzione diffusa di antibiotici, la RF era una delle principali cause di cardiopatia acquisita nei paesi sviluppati, ma ora è relativamente rara in questi paesi. Grazie al trattamento di routine della gola di Strep, la RF ora si verifica solo in circa 0,04-0,06 casi ogni 1.000 bambini negli Stati Uniti continentali.

Sintomi

[ragazzo con la febbre]

La RF è causata da una reazione ai batteri che causano mal di gola, così che la diagnosi e il trattamento di questa condizione possono impedirne lo sviluppo in RF.

I sintomi dello streptococco includono:

  • gola infiammata
  • mal di testa
  • linfonodi gonfiati e teneri
  • difficoltà a deglutire
  • nausea e vomito
  • eruzione cutanea rossa
  • alta temperatura
  • tonsille gonfie
  • dolore addominale

Segni e sintomi generalmente si sviluppano da 2 a 4 settimane dopo un’infezione da streptococco.

Alcuni individui sperimenteranno solo uno o due dei seguenti sintomi, ma altri potrebbero sperimentare la maggior parte di essi:

  • fatica
  • battito cardiaco accelerato
  • diminuita capacità di esercizio
  • dolore articolare e gonfiore
  • febbre
  • eruzione cutanea chiazzata
  • contrazioni e movimenti incontrollabili

L’artrite, o dolore e gonfiore delle articolazioni, colpisce il 75% dei pazienti. Normalmente inizia nelle articolazioni più grandi, come ginocchia, caviglie, polsi e gomiti, prima di spostarsi su altre articolazioni. Questa infiammazione normalmente si risolve entro 4-6 settimane, senza causare danni permanenti.

L’infiammazione del cuore può portare a dolore al torace, palpitazioni, sensazione che il cuore stia svolazzando o battendo forte, ansimando, mancanza di respiro e stanchezza.

In media, circa il 50% dei pazienti sviluppa cardite o valvulite, un’infiammazione potenzialmente fatale del cuore che può avere gravi effetti a lungo termine. I bambini più piccoli sono più sensibili.

L’infiammazione dei nervi può portare a sintomi della corea di Sydenham, tra cui:

  • corea, l’incontrollabile sussulto di ginocchia, gomiti, polsi e caviglie
  • piangere o ridere in modo inappropriato
  • irritabilità e umore
  • difficoltà nel controllare i movimenti della mano
  • problemi con l’equilibrio

I sintomi di solito passano entro pochi mesi ma possono durare fino a 2 anni. Non sono normalmente permanenti.

Altri sintomi includono un’eruzione cutanea rossa, a chiazze, che compare in 1 caso su 10. Meno comuni sono epistassi, dolori addominali, protuberanze e noduli, o noduli, sotto la pelle e febbre alta oltre 102 gradi Fahrenheit.

L’infiammazione può anche portare a mal di testa, sudorazione, vomito e perdita di peso.

Trattamento

Il trattamento mira a distruggere i batteri, alleviare i sintomi, controllare l’infiammazione e prevenire le recidive della RF.

Gli antibiotici, come la penicillina, possono essere somministrati per distruggere eventuali residui di batteri dello streptococco nel corpo. Ulteriori antibiotici possono essere prescritti, per prevenire il ripetersi. Questo può continuare per 5-10 anni a seconda dell’età della persona e se il cuore è interessato o no.

Gli antibiotici preventivi a lungo termine e anche per tutta la vita possono essere necessari per prevenire l’infiammazione ricorrente del cuore.

È importante rimuovere tutte le tracce di batteri streptococcici, poiché ogni batterio rimasto può causare ripetuti episodi di RF e un rischio significativamente maggiore di danni al cuore, che può diventare permanente.

Farmaci anti-infiammatori: Naproxen, per esempio, può aiutare a ridurre il dolore, l’infiammazione e la febbre.

Corticosteroidi: il prednisone può essere somministrato se il paziente non risponde a farmaci antinfiammatori di prima linea o se vi è infiammazione al cuore.

Aspirina: di solito non è raccomandata per i bambini di età inferiore a 16 anni a causa del rischio di sviluppare la sindrome di Reye, che può causare danni al fegato e al cervello e persino la morte, ma di solito si fa eccezione nei casi di RA perché i benefici sono maggiori di i rischi.

Farmaci anticonvulsivanti: questi possono trattare i sintomi gravi della corea. Esempi includono acido valproico (Depakene o Stavzor), carbamazepina (Carbatrol o Equetro), aloperidolo (Haldol) e risperidone (Risperdal).

Chiunque abbia una RF da bambino dovrà informare il proprio medico quando invecchierà, perché i danni al cuore possono comparire molti anni dopo.

Diagnosi

Il medico chiederà i sintomi del paziente e la recente anamnesi. Presterà particolare attenzione a qualsiasi malattia recente insieme al seguente:

  • gonfiore, dolore e rigidità delle articolazioni
  • qualsiasi movimento a scatti involontari
  • un’eruzione cutanea rossa o rosa
  • piccoli noduli o grumi e protuberanze sotto la pelle, specialmente sui gomiti, caviglie, ginocchia e nocche
  • ritmo cardiaco irregolare

I test possono includere:

  • Elettrocardiogramma (ECG): un tracciamento elettrico del cuore per rilevare ritmi cardiaci anormali che suggeriscono infiammazione
  • Ecocardiografia: ecografia del cuore alla ricerca di infiammazione o danno alla valvola cardiaca
  • Analisi del sangue

Test aggiuntivi possono rilevare infezioni da streptococco specifiche.

complicazioni

[dottore che controlla il cuore]

I sintomi della RF, e in particolare l’infiammazione, possono persistere per settimane, mesi o più a lungo, causando problemi a lungo termine.

La cardiopatia reumatica (RHD) è la complicanza più comune e più grave.

A livello globale, si stima che l’RHD colpisca più di 15 milioni di persone all’anno e causi più di 230.000 morti.

L’infiammazione provoca danni permanenti al cuore, più comunemente la valvola mitrale, la valvola tra le camere superiore e inferiore del lato sinistro del cuore.

Questo può portare a:

  • Stenosi valvolare: la valvola si restringe, causando una diminuzione del flusso sanguigno
  • Rigurgito valvolare: il sangue scorre nella direzione sbagliata a causa di una perdita
  • Danni al muscolo cardiaco: l’infiammazione indebolisce il muscolo cardiaco in modo che il cuore non possa pompare correttamente

Altre condizioni che possono svilupparsi in presenza di danni al tessuto cardiaco, alla valvola mitrale o ad altre valvole cardiache includono:

  • Insufficienza cardiaca: questa è una condizione grave in cui il cuore non sta pompando il sangue in tutto il corpo in modo efficiente. Questo può influenzare il lato sinistro, il lato destro o entrambi i lati del cuore.
  • Fibrillazione atriale: un ritmo cardiaco anormale in cui le camere superiori del cuore (gli atri) non si coordinano con la parte inferiore del cuore (i ventricoli). Questo fa sì che il muscolo cardiaco si contragga in modo irregolare, eccessivamente veloce, o entrambi rendono inefficiente la sua capacità di pompaggio. Questo ritmo anormale può anche portare ad un ictus.

La RF è ora rara nei paesi sviluppati, ma rimane un rischio altrove. I ricercatori continuano a cercare modi efficaci per prevenire la RF e le sue complicanze.

Le cause

La causa principale della RF è lo streptococco di gruppo A (GAS), un batterio che può causare infezioni come la gola di Strep con o senza scarlattina e infezioni della pelle come impetigine e cellulite.

Tuttavia, non tutti i ceppi di batteri streptococcici porteranno a RF, e non tutti coloro che hanno un’infezione da GAS svilupperanno RF.

I fattori genetici possono aumentare il rischio. La possibilità di avere RF sembra essere più alta se un altro membro della famiglia ha avuto.

Il legame esatto tra infezione da streptococco di gruppo A e RF non è chiaro, ma gli scienziati ritengono che non sia il batterio stesso a causare la malattia, ma piuttosto la reazione difettosa del sistema immunitario ad esso.

I batteri dello streptococco hanno una proteina che assomiglia a quella che si trova in alcuni tessuti del corpo. Le cellule del sistema immunitario che di solito colpiscono i batteri possono invece attaccare i tessuti del corpo, come se fossero tossine o agenti infettivi.

In RF, i tessuti che attaccano sono quelli del cuore, delle articolazioni, del sistema nervoso centrale (SNC) e della pelle. Questi tessuti reagiscono diventando infiammati.

Se un paziente con batteri Strep prende un ciclo completo di trattamento antibiotico, le possibilità di sviluppo della RF sono molto basse.

prospettiva

In 8 casi su 10, i segni e i sintomi della risoluzione RF si risolvono entro 12 settimane. Tra il 30 e il 45 per cento delle persone con RF svilupperà problemi cardiaci. Le recidive di febbre reumatica si verificano spesso entro 5 anni.

In passato, la RF era una delle principali cause di mortalità, ma ora è rara nei paesi industrializzati. Tuttavia, la RF è fatale nell’1,5 percento dei casi in tutto il mondo.

Fattori di rischio

I fattori ambientali, come il sovraffollamento, le scarse condizioni igienico-sanitarie e lo scarso accesso all’assistenza sanitaria aumentano il rischio di sviluppare RF.

Lasciando il mal di gola o la scarlattina non trattata o parzialmente trattata non terminando un ciclo completo di antibiotici aumenta significativamente il rischio di RF.

Like this post? Please share to your friends: