Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Fibromialgia legata alla diminuzione della connettività cerebrale

Un nuovo studio svedese rivela che la fibromialgia è legata ad attività anomale in parti del cervello che elaborano segnali di dolore e li collegano ad altre regioni.

Il dott. Pär Flodin e colleghi del Karolinska Institute di Stoccolma riportano le loro scoperte sul diario.

La sindrome fibromialgica è una condizione comune e cronica di causa sconosciuta che colpisce per lo più in età avanzata, sebbene i sintomi possano spesso presentarsi prima. Le persone che soffrono in genere soffrono di grassi con dolore a lungo termine in diverse aree del corpo, oltre a tenerezza nei tessuti molli come i tendini, le articolazioni ei tendini.

Non sappiamo perché, ma mentre uomini e bambini possono anche averlo, la stragrande maggioranza delle persone con diagnosi di fibromialgia sono donne.

Secondo il National Institute of Arthritis e Musculoskeletal and Skin Diseases, gli scienziati stimano che la fibromialgia colpisca 5 milioni di americani adulti.

Diminuzione della connettività cerebrale nei pazienti con fibromialgia

Per il loro studio, i ricercatori di Karolinska hanno confrontato l’attività cerebrale in donne con e senza fibromialgia. Nei pazienti con fibromialgia, hanno trovato una ridotta connettività tra le aree del cervello che elaborano segnali dolorosensorimotori.

illustrazione del cervello umano

Essi suggeriscono che le loro scoperte mostrano una ridotta connettività cerebrale che può contribuire a una carente regolazione del dolore nelle persone con fibromialgia.

I risultati si basano su studi precedenti che hanno collegato l’attività anormale del cervello alla scarsa inibizione del dolore.

Per lo studio, 22 donne sane e 16 con fibromialgia sono state sottoposte a scansioni cerebrali con risonanza magnetica funzionale (fMRI) mentre sperimentavano diversi livelli di dolore mediante pressione applicata al pollice.

Il giorno prima delle scansioni, le donne hanno completato i test per calibrare la loro sensibilità al dolore. Lo stimolatore della pressione controllato da Acomputer applicava pressione al pollice sinistro, mentre valutava la sensibilità. Le intensità di pressione derivate da queste valutazioni sono state quindi consegnate in ordine casuale in quanto le donne hanno subito le scansioni cerebrali.

I partecipanti dovevano astenersi dall’assumere farmaci antidolorifici e sedativi 48 ore prima della valutazione del dolore e 72 ore prima della scansione fMRI. Complessivamente, ciascuno ha ricevuto 15 stimoli della durata di 2,5 secondi ciascuno, a intervalli di mezzo minuto.

La riduzione della connettività cerebrale potrebbe compromettere la percezione del dolore

I risultati hanno mostrato che i partecipanti alla fibromialgia avevano significativamente aumentato la sensibilità al dolore rispetto al gruppo di controllo.

Quando hanno analizzato le scansioni cerebrali, il team ha trovato differenze nei modelli cerebrali tra i partecipanti sani e quelli con fibromialgia. I partecipanti alla fibromialgia hanno mostrato un “funzionamentodecollegamento” tra le aree del cervello che elaborano i segnali del dolore e altre parti, inclusa quella che controlla l’attività sensomotoria del controllo.

Gli autori suggeriscono che questa riduzione della connettività cerebrale potrebbe compromettere la percezione del dolore.

Il co-editore capo della rivista, il dottor Christopher Pawela, un assistente professore al Medical College of Wisconsin negli Stati Uniti, descrive lo studio come “un primo passo importante” che capisce in che modo il cervello influisce sulla percezione diffusa del dolore, che è una caratteristica nota di offibromialgia.

Nel febbraio 2014, uno studio britannico che ha scoperto che il sonno è povero è legato al dolore diffuso e alla fibromialgia.

Like this post? Please share to your friends: