Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Fitness: come influiscono i post sui social media degli amici?

Condividete tutti i punti di riferimento del fitness sui social media? Vedi spesso le foto degli amici di addominali tonica e muscoli sollevati? Scommetto che la risposta ad almeno una di quelle domande è “sì”, ma come fanno questi post relativi all’esercizio a influenzare gli altri? Un nuovo studio risolve questo problema.

amici che fanno un selfie in palestra

Le ragioni per cui noi – e i nostri amici – potremmo voler condividere i successi degli allenamenti sui social media sono molteplici.

Forse è semplicemente un modo per seguire questo difficile viaggio e cercare la motivazione attraverso l’incoraggiamento dei nostri amici.

O forse proviamo a inviare noi stessi messaggi motivazionali, implicando, “Se posso farlo, così può!” (Anche perché non andare avanti e ammettere che probabilmente è solo onesto vantarsi?)

Ma quale risposta fa pubblicare post su questi risultati sui social media da amici e follower? Quindi, al di là dei “mi piace”, piccoli cuori e commenti di “vai, amico mio!” o “ben fatto”, in che modo questi post influenzano la psiche degli altri?

Stephen Rains, all’Università dell’Arizona a Tucson, e Tricia Burke, alla Texas State University di San Marcos, hanno recentemente condotto uno studio per indagare “gli esiti di ricevere post [social network] sull’esercizio”.

Post di fitness e immagine del corpo

Le scoperte dei ricercatori – pubblicate sulla rivista – indicano che le persone che vedono molti post relativi al fitness dai loro amici possono diventare più consapevoli del proprio corpo.

“Quando le persone ricevevano più post sull’esercizio fisico, li rendevano più preoccupati per il loro peso – più autocoscienti – e non è una buona cosa”, dice Rains.

Nel loro studio, Rains e Burke hanno lavorato con 394 partecipanti, di cui 304 hanno fornito serie complete di dati. Di questi, 232 partecipanti “hanno riferito di aver praticato almeno un po ‘di esercizio”, quindi il campione finale era limitato a questo gruppo.

Ai partecipanti è stato richiesto di accedere al loro account social più utilizzato e visualizzare i post che i loro amici avevano inserito negli ultimi 30 giorni. Poi è stato chiesto loro di contare quanti di questi post erano collegati alla routine di allenamento dei loro amici, che potrebbe includere una vasta gamma di attività fisiche – dal camminare alla palestra.

Per valutare l’impatto di tali post, ai partecipanti è stato quindi detto di identificare i primi tre “poster di fitness” nella loro lista di amici e di dire quanto pensavano fossero simili a ciascuna di quelle persone – considerando, ad esempio, se avevano simili sfondi, tipi di corpo o età.

Alla fine, è stato chiesto loro di completare i questionari in cui hanno riferito come si sentivano riguardo al loro stesso peso, quale fosse il loro atteggiamento nei confronti dell’esercizio fisico, e se erano suscettibili di fare “rialzi” o “confronti sociali verso il basso”.

Qui, “confronti sociali verso l’alto” si riferisce al pensare a qualcun altro come a una persona alla quale aspiri ad essere simile, mentre i confronti “al ribasso” si riferiscono a percepire gli altri come “meno di”.

“I nostri risultati sono stati contrastanti”, afferma Rains, sottolineando che l’impatto dei post relativi all’esercizio fisico sugli spettatori potrebbe funzionare sia in meglio che in peggio.

“Il bene può uscire da questo, nel senso che può rendere alcune persone più interessate all’esercizio fisico e sentirsi meglio nell’esercizio fisico, ma potrebbe far sentire le altre persone peggio di se stesse se sono più preoccupate del loro peso”.

Stephen Rains

Tutto dipende dalla percezione dei pari

Rains e Burke hanno notato che le reazioni degli spettatori ai post sui social media relativi all’esercizio fisico dipendevano in gran parte dalla loro percezione della loro relazione con il poster.

“Abbiamo pensato a questo dalla prospettiva della teoria del confronto sociale e all’idea che usiamo gli altri come punti di riferimento per capire dove siamo”, spiega Rains.

Aggiunge anche che “[s] l’imilarità accresce il confronto sociale, quindi se la persona che pubblica un esercizio è qualcuno che ha la tua età, ha una build simile, o uno sfondo simile, potresti pensare che sia un riferimento abbastanza buono, e che potrebbe innescare in te una preoccupazione ancora maggiore. “

Quindi, nel peggiore dei casi, gli individui che percepivano che i loro compagni di esercizio erano molto simili a se stessi sotto altri aspetti si preoccupavano più del loro stesso peso e la loro immagine corporea era più probabile che peggiorasse.

Sono possibili anche effetti positivi. Le persone che si impegnano più facilmente in confronti sociali ascendenti, guardano agli amici e si sforzano di migliorare se stesse useranno probabilmente i post relativi all’esercizio dei loro pari come leva motivazionale per i loro sforzi di fitness.

“Con confronti sociali verso l’alto, tendi a confrontarti con quelli che percepisci come superiori a te”, osserva Burke. “In termini di esercizio,” dice, “se una persona sta postando molto sull’esercizio, devono essere davvero in forma, quindi la stai usando come motivatore”.

Allo stesso tempo, le persone che danno libero dominio ai confronti sociali al ribasso tendono a guardare in basso ai loro coetanei e non saranno influenzati dai loro post sui social media in alcun modo.

Rains e Burke notano anche che i social media rimangono uno sbocco in gran parte misterioso quando si tratta di capire come influenza i suoi utenti.

“Questo è ancora un terreno abbastanza nuovo, e stiamo cercando di dare un senso a cosa significa, e se e perché è importante”, osserva Rains.

Burke conclude dicendo che il loro prossimo passo da qui potrebbe essere quello di scoprire di più “sul perché le persone pubblicano circa [i loro sforzi fisici] e su come prendono decisioni su cosa pubblicare”.

Like this post? Please share to your friends: