Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

FIV: cosa comporta?

La fecondazione in vitro, o IVF, è il tipo più comune ed efficace di tecnologia di riproduzione assistita per aiutare le donne a rimanere incinta.

Implica la fecondazione di un uovo fuori dal corpo, in una capsula di laboratorio, e quindi l’impianto nell’utero di una donna.

Entro il 2016, circa 6,5 ​​milioni di bambini sono nati utilizzando la fecondazione in vitro (FIV). Secondo il Centers for Disease Control and Prevention (CDC), circa l’1,6 per cento dei bambini nati negli Stati Uniti ogni anno sono concepiti attraverso la tecnologia di riproduzione assistita (ART).

Fatti veloci sulla fecondazione in vitro (FIV)

  • La fecondazione in vitro (FIV) può aiutare a raggiungere la gravidanza quando altri trattamenti non hanno funzionato.
  • Il processo prevede la fecondazione di un uovo fuori dal corpo e l’impianto per continuare la gravidanza.
  • L’1% dei bambini nati negli Stati Uniti è concepito attraverso la fecondazione in vitro.
  • C’è una maggiore probabilità di una nascita multipla con IVF.

Panoramica

La fecondazione in vitro comporta la fecondazione dell'uovo in un piatto di laboratorio.

In una gravidanza normale, uno spermatozoo maschile penetra nell’uovo di una donna e lo concentra nel suo corpo dopo l’ovulazione, quando un uovo maturo è stato rilasciato dalle ovaie.

L’uovo fecondato si attacca quindi al muro dell’utero, o grembo, e inizia a svilupparsi in un bambino. Questo è noto come concezione naturale.

Tuttavia, se la concezione naturale o non assistita non è possibile, il trattamento della fertilità è un’opzione.

Esempio di IVF

La FIV è stata utilizzata dalla fine degli anni ’70. Il 25 luglio 1978 nacque la prima “bambina in provetta”, Louise Brown. Robert Edwards e Patrick Steptoe, che hanno collaborato alla procedura, sono considerati i pionieri dell’IVF.

Nel 2010, Robert Edwards ha ricevuto il Premio Nobel per il 2010 in Fisiologia o Medicina “per lo sviluppo della fecondazione in vitro”.

Nel luglio 2013, una coppia americana ha avuto il primo bambino a nascere attraverso la fecondazione in vitro come risultato del sequenziamento del DNA di nuova generazione, un nuovo modo di esaminare gli embrioni che migliora i tassi di successo della fecondazione in vitro e riduce significativamente il costo del trattamento.

La tecnologia di sequenziamento del DNA aiuta i medici a visualizzare gli embrioni creati dalla FIV per identificare quelli che hanno maggiori probabilità di condurre a gravidanze di successo.

Procedura

Le tecniche possono differire a seconda della clinica, ma la FIV di solito comporta i seguenti passaggi:

1. Soppressione del ciclo mestruale naturale

La donna riceve un farmaco, di solito sotto forma di iniezione giornaliera per circa 2 settimane, per sopprimere il suo ciclo mestruale naturale.

2 Super ovulazione

Alla donna vengono somministrati farmaci per la fertilità contenenti l’ormone della fertilità ormone follicolo-stimolante (FSH). L’FSH fa sì che le ovaie producano più uova del solito. Le ecografie vaginali possono monitorare il processo nelle ovaie.

3. Recupero delle uova

Le uova vengono raccolte attraverso una procedura chirurgica minore nota come “aspirazione follicolare”. Un ago molto sottile viene inserito attraverso la vagina e in un’ovaia. L’ago è collegato a un dispositivo di aspirazione. Questo succhia le uova. Questo processo viene ripetuto per ogni ovaia.

Nel 2011, i ricercatori hanno suggerito che la raccolta di 15 uova dalle ovaie in un ciclo offre le maggiori possibilità di una gravidanza di successo.

Possono anche essere usate uova congelate o donate.

4. Inseminazione e fecondazione

Le uova che sono state raccolte sono collocate insieme allo sperma maschile e conservate in una camera controllata dall’ambiente. Dopo alcune ore, lo sperma dovrebbe entrare nell’uovo.

A volte lo sperma viene iniettato direttamente nell’uovo. Questo è noto come un’iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi (ICSI).

Si può usare lo sperma congelato, recuperato attraverso la biopsia testicolare. Si ritiene che sia efficace quanto lo sperma fresco nel raggiungere una gravidanza di successo.

L’uovo fecondato si divide e diventa un embrione.

A questo punto, alcuni centri offrono diagnosi genetica preimpianto (PGD) che possono schermare un embrione per disordini genetici. Questo è un po ‘controverso e non è sempre usato.

Uno o due dei migliori embrioni vengono selezionati per il trasferimento.

Alla donna viene quindi somministrato progesterone o gonadotropina corionica umana (hCG) per aiutare il rivestimento dell’utero a ricevere l’embrione.

5. Trasferimento degli embrioni

A volte, più di un embrione viene inserito nell’utero. È importante che il dottore e la coppia che desiderano avere un figlio discutano sul numero di embrioni da trasferire. Normalmente, un medico trasferirà solo più di un embrione se non sono disponibili embrioni ideali.

Il trasferimento dell’embrione viene effettuato utilizzando un tubo sottile o un catetere. Entra nell’utero attraverso la vagina. Quando l’embrione si attacca al rivestimento dell’utero, può iniziare una crescita sana dell’embrione.

Video: come funziona la fecondazione in vitro

Questo video animato in 3D spiega come funziona l’IVF.

I candidati

La fecondazione in vitro è ideale per le donne che non sono state in grado di rimanere incinte attraverso rapporti sessuali non protetti o dopo 12 cicli di inseminazione artificiale.

La fecondazione in vitro può essere un’opzione se:

  • entrambi i partner hanno ricevuto una diagnosi di infertilità inspiegabile
  • altre tecniche, come l’uso di farmaci per la fertilità o l’inseminazione intrauterina (IUI), non hanno funzionato
  • le tube di Falloppio della donna sono bloccate

Tasso di successo

Nel 2016, il 26% delle procedure ha portato a un parto vivo.

Nel 2010, il National Health Service (NHS) del Regno Unito ha stimato che la possibilità di un parto in vita era:

  • 32,2 per cento per le donne di età inferiore a 35 anni
  • 27,7 per cento per le donne di età compresa tra 35 e 37 anni
  • 20,8 per cento per le donne di età compresa tra 38 e 39 anni
  • 13,6 per cento per le donne di età compresa tra 40 e 42 anni
  • 5 per cento per le donne tra i 43 ei 44 anni
  • 1,9 per cento per le donne di età superiore a 44 anni

Queste statistiche variano a seconda di dove viene eseguita la fecondazione in vitro.

Altri fattori che possono influenzare il successo

A prescindere dall’età, la probabilità di successo dipende da fattori quali:

  • per quanto tempo hai cercato di rimanere incinta
  • la causa della sterilità
  • se prima o dopo la gravidanza o un parto vivo
  • la strategia che verrà utilizzata

fornisce un calcolatore online che può dare un’idea di quanto sia probabile che l’IVF abbia successo.

Il calcolatore si basa sui dati raccolti dagli scienziati tra il 2003 e il 2007. Vale la pena ricordare che ogni caso è diverso e che i nuovi progressi della medicina stanno gradualmente aumentando le opzioni disponibili.

Uno studio, pubblicato su CMAJ Open nel 2013, ha suggerito che le donne che hanno livelli sufficienti di vitamina D sono “significativamente più propense” a rimanere incinta con la fecondazione in vitro rispetto a coloro che hanno bassi livelli di questa vitamina. Non è noto se l’assunzione di supplementi di vitamina D possa influire sulle probabilità di rimanere incinta, sia naturalmente che con la fecondazione in vitro.

rischi

Alcuni rischi sono associati alla fecondazione in vitro.

Effetti collaterali del farmaco

Alcune donne possono avere reazioni ai farmaci che vengono somministrati durante il trattamento.

I possibili effetti collaterali dei farmaci FIV includono:

  • nausea e vomito
  • respirazione difficoltosa
  • irritabilità
  • vampate
  • allargamento delle ovaie
  • difficoltà a dormire
  • dolore addominale

Lividi possono anche derivare da iniezioni giornaliere ripetute.

Rischi per la salute della madre

Raramente, i farmaci possono causare la sindrome da iperstimolazione ovarica (OHSS). Ciò accade quando le ovaie rispondono in modo eccessivo alle gonadotropine, in modo che si sviluppino troppe uova nelle ovaie. Può causare gonfiore addominale grave e mancanza di respiro. Se si verifica OHSS, il medico può suggerire di riavviare l’intero ciclo con una dose inferiore di gonadotropina.

La ricerca pubblicata nel ha collegato IVF con un più alto rischio di embolia polmonare, o blocco dell’arteria principale del polmone e tromboembolia venosa, o coaguli di sangue, durante il 1 ° trimestre di gravidanza.

Perdita di gravidanza

La principale causa di perdita della gravidanza, sia in fecondazione in vitro sia in concepimento naturale, è un numero anormale di cromosomi, noto come aneuploidia cromosomica. Rilevare l’aneuploidia nell’uovo o nello sperma prima di eseguire la fecondazione in vitro, o in un embrione prima dell’innesto, può aiutare ad aumentare le possibilità di una gravidanza riuscita.

Nel 2013, gli scienziati hanno annunciato di aver sviluppato una nuova tecnologia chiamata imaging time-lapse. La tecnica può aumentare le possibilità di selezionare un embrione adatto per una fecondazione in vitro di successo, anche se è necessario effettuare ulteriori ricerche.

Nascite multiple

Quando più di un embrione viene trasferito nell’utero, c’è una maggiore possibilità di avere gemelli, terzine o più bambini.

Le gravidanze con più di un feto possono comportare:

  • nascita pretermine o basso peso alla nascita
  • raddoppiare il rischio della madre di sviluppare il diabete
  • aumento significativo della pressione sanguigna della madre

Il medico può raccomandare che dovrebbe esserci un solo trasferimento di embrioni nelle donne con una maggiore probabilità di avere due gemelli.

Like this post? Please share to your friends: