Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Fumo legato ad un aumentato rischio di mal di schiena cronico

Le persone che fumano hanno molte più probabilità di sviluppare mal di schiena cronico rispetto a quelli che non fumano. Questi sono i risultati di un nuovo studio condotto da ricercatori della Northwestern University di Evanston, Illinois.

Uomo con dolore lombare

Questo non è il primo studio a collegare il fumo al dolore cronico. Ma secondo il gruppo di ricerca, guidato da Bogdan Petre della Feinberg School of Medicine della Northwestern, è il primo studio a suggerire che il fumo interferisca con un circuito cerebrale associato al dolore, rendendo i fumatori più inclini al mal di schiena cronico.

Il mal di schiena è uno dei problemi medici più comuni negli Stati Uniti, che si stima influisca su 8 americani su 10 a un certo punto della loro vita. Secondo l’American Chiropractic Association, il mal di schiena è il motivo principale per i giorni mancati al lavoro e il secondo motivo più comune per le visite mediche.

Quest’ultimo studio, pubblicato sulla rivista, suggerisce che i fumatori potrebbero ridurre il rischio di sviluppare mal di schiena cronico abbandonando l’abitudine.

Per raggiungere i loro risultati, i ricercatori hanno analizzato 160 partecipanti che avevano recentemente sviluppato mal di schiena subacuto, definito come dolore alla schiena di 4-12 settimane. Hanno anche valutato 32 partecipanti con dolore cronico alla schiena – definito come mal di schiena da 5 anni o più – e 35 partecipanti senza dolore alla schiena.

In cinque diverse occasioni per un periodo di 1 anno, tutti i partecipanti hanno compilato questionari che hanno raccolto informazioni sul loro stato di fumo e su altre condizioni di salute. Sono stati anche sottoposti a scansioni cerebrali con risonanza magnetica (MRI).

Le scansioni del cervello, dicono i ricercatori, sono state utilizzate per valutare l’attività tra due regioni cerebrali: il nucleo accumbens e la corteccia prefrontale mediale. Entrambe queste regioni svolgono un ruolo nel comportamento avvincente e nell’apprendimento motivato.

Il fumo aumenta l’attività cerebrale che riduce la resilienza al mal di schiena cronico

Petre e il suo team hanno scoperto che la connessione tra queste due regioni cerebrali gioca un ruolo cruciale nello sviluppo del dolore cronico. Spiegano che più forte è la connessione tra loro, meno un individuo è resiliente al dolore cronico.

Il fumo sembra influenzare questa connessione. I ricercatori hanno scoperto che rispetto ai partecipanti non fumatori, quelli che fumavano avevano una connessione più forte tra il nucleo accumbens e la corteccia prefrontale mediale, aumentando il rischio di lombalgia cronica. Il team ha calcolato che i fumatori hanno tre volte più probabilità di sviluppare il mal di schiena cronico rispetto ai non fumatori.

“Ma abbiamo visto un calo drammatico dell’attività di questo circuito nei fumatori che – a loro piacimento – hanno smesso di fumare durante lo studio”, spiega Petre. “Così quando hanno smesso di fumare, anche la loro vulnerabilità al dolore cronico è diminuita.”

Commentando i loro risultati, i ricercatori dicono:

“Concludiamo che il fumo aumenta il rischio di transizione al mal di schiena cronico, un effetto mediato da circuiti corticostriatali coinvolti in comportamenti di dipendenza e apprendimento motivato.”

Il team sottolinea che i fumatori che hanno gestito il loro mal di schiena cronico con farmaci – come i farmaci anti-infiammatori – hanno sperimentato una riduzione del dolore, ma che questi farmaci non hanno alterato i circuiti cerebrali.

Come tali, suggeriscono che i fumatori potrebbero ridurre il rischio di lombalgia cronica impegnandosi in programmi per smettere di fumare o altri interventi comportamentali che potrebbero aiutarli a smettere di fumare.

Poiché i risultati del team mostrano che il fumo influisce sui circuiti cerebrali legati al dolore cronico, essi suggeriscono che potrebbe esserci un legame tra dipendenza e dolore cronico in generale.

Il mese scorso, ha riportato uno studio pubblicato nel suggerire che circa 14 milioni di condizioni mediche importanti negli Stati Uniti sono attribuibili al fumo.

Like this post? Please share to your friends: