Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Giocare ai videogiochi può “migliorare l’apprendimento”

In un test di apprendimento, le persone che giocano ai videogiochi hanno prestazioni migliori rispetto a quelle che non lo fanno, e il loro cervello sembra essere più attivo nelle regioni legate all’apprendimento e alla memoria.

uomo che gioca a un videogioco

Così conclude uno studio della Ruhr-Università di Bochum in Germania che è stato pubblicato sulla rivista.

I ricercatori spiegano che recenti studi hanno suggerito che giocare ai videogiochi può giovare alla cognizione. Tuttavia, i meccanismi cerebrali coinvolti sono capiti male.

Si sono concentrati su “un’area ampiamente inesplorata nella ricerca sui giochi” chiamata “apprendimento di categorie probabilistiche”. Questo tipo di apprendimento riguarda l’acquisizione e la classificazione delle conoscenze e il loro utilizzo per prevedere eventi futuri.

Compito di previsione del tempo

Un modo tradizionale di testare l’apprendimento di categorie probabilistiche è il cosiddetto compito di previsione del tempo, che i ricercatori utilizzano per ottenere “informazioni sulle forme implicite di apprendimento, flessibilità cognitiva e l’uso di segnali di feedback nel cervello”.

Per le loro indagini, il team ha reclutato 17 videogiocatori e 17 non giocatori. Hanno reclutato i videogiocatori sulla base del fatto che hanno trascorso almeno 15 ore alla settimana a giocare ai videogiochi basati su azioni. I non giocatori non giocavano affatto o lo facevano solo di rado.

Entrambi i gruppi hanno svolto il compito di previsione del tempo. Mentre lo completavano, i ricercatori hanno usato la risonanza magnetica per registrare la loro attività cerebrale.

Per completare il compito, i partecipanti hanno dovuto guardare tre carte cue con modelli diversi su di loro e quindi prevedere il tempo. Gli è stato chiesto: “Ci sarà il sole o la pioggia?” A loro è stato poi detto subito se la loro risposta era giusta o sbagliata.

Poiché ogni carta è solo un predittore parzialmente preciso del tempo, la risposta corretta è determinata dalla probabilità prevista dalla combinazione.

Ad esempio, una combinazione di carte cue potrebbe contenere: una carta il cui schema indica una probabilità del 20 percento di pioggia e dell’80 percento di possibilità di sole; una seconda carta che significa l’80% di possibilità di pioggia e il 20% di possibilità di prendere il sole; e un terzo che significa il 60% di possibilità di pioggia e il 40% di possibilità di sole. Il risultato di questa combinazione sarebbe la pioggia.

I giocatori hanno mantenuto più conoscenze di fatto

I soggetti hanno ripetuto il compito ripetutamente, con diverse combinazioni di carte d’attesa. Pertanto, ricevendo feedback, hanno appreso quali combinazioni di carte erano correlate a quale condizione meteorologica.

Dopo aver terminato l’attività, i partecipanti hanno completato un questionario che ha verificato la conoscenza che avevano conservato circa le combinazioni delle carte segnale.

I ricercatori hanno scoperto che i videogiocatori si sono comportati molto meglio nel predire i risultati del tempo dalle combinazioni delle carte degli spunti rispetto ai non-giocatori.

Anche se alcune combinazioni di carte di spunto avevano un’alta incertezza, i giocatori hanno ancora superato i non giocatori.

Quando i ricercatori hanno analizzato le risposte al questionario dei partecipanti, hanno scoperto che i videogiocatori avevano conservato una conoscenza più concreta delle combinazioni delle carte degli spunti e dei risultati meteorologici associati.

‘Il gioco addestra l’ippocampo’

L’analisi delle scansioni MRI ha rivelato che sia i giocatori che i non-giocatori hanno mostrato lo stesso livello di attività nelle aree del cervello che sono collegate a “attenzione e funzione esecutiva” e ad alcune “regioni associate alla memoria”.

Tuttavia, le scansioni hanno anche mostrato notevoli differenze cerebrali tra giocatori e non giocatori. Ad esempio, i giocatori hanno mostrato una maggiore attività nell’ippocampo e in altre aree del cervello che sono importanti per “memoria semantica, immagini visive e controllo cognitivo”.

“Pensiamo che giocare ai videogiochi alleni determinate regioni cerebrali come l’ippocampo”, dice la scrittrice Sabrina Schenk.

I risultati dello studio saranno probabilmente significativi non solo per i giovani, ma anche per le generazioni più anziane, perché la riduzione della memoria è legata ai cambiamenti nell’ippocampo.

“Forse possiamo trattarlo con i videogiochi in futuro”, suggerisce Schenk.

“Il nostro studio dimostra che i giocatori sono più bravi ad analizzare rapidamente una situazione, a generare nuove conoscenze e a catalogare i fatti, specialmente in situazioni con elevate incertezze”.

Sabrina Schenk

Like this post? Please share to your friends: