Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Giornate senza alcool danno il tempo al fegato per recuperare dicono i medici del Regno Unito

I medici del Regno Unito raccomandano che gli uomini e le donne che bevono dovrebbero avere due o tre giorni senza alcool per settimana per dare il tempo di riprendersi. Il Royal College of Physicians (RCP) afferma che le linee guida del governo dovrebbero essere modificate in quanto implicano che il consumo di alcol è sicuro.

Il PCR ha fornito prove orali e scritte questo mese all’Inchiesta della Camera dei Comuni su Scienza e Tecnologia, la SelectCommittee sulla base delle prove per la consulenza sull’alcol. Il comitato ristretto ha avviato l’inchiesta il 18 luglio per scoprire, tra le altre cose, se la base delle prove e le fonti di consulenza scientifica al governo sull’alcol potrebbero essere migliorate.

L’attuale parere del governo, emesso dal Chief Medical Officers raccomanda che gli uomini non dovrebbero bere regolarmente più di 3-4 unità di alcol al giorno e le donne non dovrebbero bere regolarmente più di 2-3 unità al giorno. La linea guida spiega che “regolarmente” significa bere ogni giorno o quasi tutti i giorni della settimana e che le persone dovrebbero anche fare una pausa per 48 ore “dopo una sessione pesante” per consentire al corpo di riprendersi.

L’RCP dice che questo significa che è OK bere ogni giorno o quasi ogni giorno. Non sono d’accordo con questo, dicendo che il fegato ha bisogno di tempo per il ricovero, anche da piccole quantità di alcol. Esiste un rischio più elevato di malattia del fegato per le persone che bevono alcolici ogni giorno ogni giorno rispetto alle persone che bevono meno frequentemente, dice il PCR.

Sir Ian Gilmore, consigliere speciale sull’alcol RCP ha scritto di recente al Daily Mail sull’importanza di limitare la frequenza e la quantità:

“Oltre alla quantità, anche i limiti di alcol sicuri devono tenere conto della frequenza: esiste un aumentato rischio di malattia al fegato che consuma quotidianamente o quasi quotidianamente rispetto a chi beve periodicamente o in modo intermittente”.

Gilmore ha detto che il RCP raccomanda “un limite di sicurezza di 0-21 unità a settimana per gli uomini e 0-14 per le donne a condizione che l’importo totale non sia bevuto in uno o due periodi e che ci siano da due a tre giorni liberi da alcol alla settimana. livelli, la maggior parte delle persone difficilmente verrà a fare del male “.

In risposta alla domanda se le prove di base e le fonti di consulenza scientifica al governo sull’alcool potrebbero essere migliorate, nelle sue prove scritte al Comitato, il PCR ha detto che ritiene che le linee guida del governo possano essere migliorate in modo da riflettere le prove in un certo numero di aree , ad esempio:

  • Livelli globali di consumo “sicuri” o entro “limiti sensibili”,
  • Frequenza del consumo di alcol,
  • Gli effetti fisiologici dell’invecchiamento e
  • L’equilibrio tra i benefici per la salute del consumo di alcol per la malattia coronarica rispetto ai più ampi healthharms legati all’alcol.

Nella sua lettera ai parlamentari, l’RCP afferma che l’attuale linea guida del governo implica bere quotidianamente è a basso rischio, ma questo “corre di nuovo un’evidenza che suggerisce che la frequenza del bere è un fattore di rischio significativo per lo sviluppo della dipendenza da alcol e lo sviluppo di malattie epatiche alcoliche” .

Nella lista dei punti sulle prove per includere giorni senza alcool, si nota:

“Sebbene i meccanismi per il danno epatico correlato all’alcol non siano delineati completamente, ulteriori studi hanno mostrato un aumento del rischio di cirrosi per chi beve quotidianamente o quasi quotidianamente rispetto a chi beve periodicamente o in modo intermittente.”

Uno degli studi a cui fa riferimento il RCP è uno studio giapponese che mostrava forti bevitori che consumavano il loro alcol da 5 a 7 giorni più alti tassi di morte rispetto a quelli che lo consumavano in 1-4 giorni.

La lettera fa anche riferimento a un altro studio pubblicato nel 2009 che ha rilevato che gli aumenti delle morti epatiche nel Regno Unito erano il “risultato di bere pesante quotidianamente o quasi quotidianamente, non episodico o binge drinking, e che questo schema regolare di bevitori è spesso percepibile in anticipo “.

Nella sezione sulla frequenza del consumo di alcol la lettera conclude che:

“Le linee guida del governo dovrebbero riconoscere che l’assunzione di bevande pericolose ha due componenti: frequenza di bere e quantità di cibo.” Ignorare uno di questi componenti è scientificamente ingiustificato.Un’aggiunta molto semplice potrebbe rimediare a questa problematica raccomandazione di rimanere entro i limiti di sicurezza del consumo di alcol che le persone hanno tre giorni di benessere senza alcool “.

Qui puoi leggere le prove scritte complete dal PCR ai parlamentari.

Scritto da Catharine Paddock PhD

Like this post? Please share to your friends: