Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Gli acidi grassi omega-6 potrebbero aiutarci a vivere più a lungo?

Una nuova ricerca dalla Finlandia sostiene l’idea che una dieta ricca di acidi grassi omega-6 possa proteggerci dalla morte prematura.

oli e noci

Scienziati dell’Università della Finlandia orientale hanno analizzato i dati di uno studio che ha seguito quasi 2.500 uomini per oltre 20 anni.

È stato rivelato che livelli più alti di acido linoleico degli acidi grassi omega-6 erano legati ad un minor rischio di morte e morte per malattie cardiovascolari.

“L’acido linoleico”, afferma il primo autore Jyrki Virtanen, professore a contratto di epidemiologia nutrizionale, “è il più comune acido grasso omega-6 polinsaturo”.

Lui ei suoi colleghi riportano le loro scoperte a.

Gli acidi grassi Omega-6 sono un gruppo di acidi grassi polinsaturi che sono presenti in alimenti a base vegetale come oli vegetali, semi, noci, fagioli e cereali.

Prendono il loro nome dal fatto che il loro primo doppio legame si verifica al sesto legame carbonio-carbonio contando dall’estremità metilica (CH3) della loro spina dorsale idrocarburica.

Il dibattito sui benefici di omega-6

C’è attualmente molto dibattito sui benefici per la salute degli acidi grassi omega-6. Sebbene siano stati ampiamente elogiati per il loro effetto sui livelli di colesterolo, sono stati presi di mira perché si ritiene che possano anche causare danni, come promuovere l’infiammazione di basso livello, associata a malattie cardiovascolari.

La ragione di questo pensiero sta nel fatto che i nostri corpi convertono l’acido linoleico dietetico in un altro acido grasso omega-6 chiamato acido arachidonico, che, a sua volta, viene usato per produrre determinati composti proinfiammatori.

A differenza dell’acido linoleico, i livelli ematici di acido arachidonico non dipendono dalla dieta.

Tuttavia, l’idea che una dieta ricca di acidi grassi omega-6 come l’acido linoleico aumenta il rischio di malattia promuovendo l’infiammazione ignora il fatto che gli acidi grassi omega-6 promuovono anche composti anti-infiammatori.

Il prof. Virtanen e colleghi suggeriscono che la controversia mette in evidenza i tipi di problemi che sorgono quando gli scienziati si concentrano solo sui legami tra dieta e rischio di malattia.

Acido linoleico nel sangue più alto, minor rischio di morte

Per la loro ricerca, gli scienziati hanno utilizzato i dati dello studio Kuopio Ischemic Heart Factor Risk Factor (KIHD).

Lo studio KIHD è un ampio studio in corso sul rischio cardiovascolare che segue una popolazione di uomini di mezza età che vivono nella Finlandia orientale. Gli uomini in questa regione hanno alti tassi registrati di malattia coronarica.

I dati dello studio includono i livelli ematici di acidi grassi in 2.480 uomini che avevano 42-60 anni quando si unirono alla coorte nel 1984-1989.

Gli uomini sono stati seguiti per una media di 22 anni, durante il quale 1.143 di loro sono morti per cause correlate alla malattia. L’analisi escludeva gli uomini morti per altre cause come gli incidenti.

Per la loro analisi, i ricercatori hanno inserito gli uomini in cinque gruppi classificati in base al loro livello ematico di acido linoleico, e hanno poi confrontato i tassi di morte nei cinque gruppi.

Hanno scoperto che il gruppo con i più alti livelli ematici di acido linoleico presentava un rischio di morte inferiore del 43% rispetto al gruppo con i livelli più bassi.

Un’analisi più approfondita ha rivelato un modello simile per le morti causate da malattie cardiovascolari e anche per le morti dovute a cause diverse da malattie cardiovascolari o cancro.

Tuttavia, nessun modello è stato trovato per le morti dovute al solo cancro.

Modello simile e più debole per l’acido arachidonico

Questi risultati sono coerenti con quelli di altri studi che hanno seguito grandi gruppi e trovato legami tra alti livelli di dieta e sangue di acido linoleico e ridotto rischio di malattie come il diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari, mentre non aumentano il rischio di cancro.

Quando hanno eseguito di nuovo le analisi, questa volta utilizzando solo i livelli ematici di acido arachidonico, il Prof. Virtanen e colleghi hanno trovato modelli simili ma più deboli.

Questo risultato è un contributo nuovo e unico del loro studio, notano, e ora richiedono ulteriori studi per confermare che l’aumento di acido arachidonico nel sangue è legato a un minor rischio di morte.

I ricercatori notano anche un’altra importante scoperta: questo è che, indipendentemente dal fatto che gli uomini che hanno studiato abbiano avuto cancro, diabete o malattia cardiovascolare quando si sono arruolati nello studio, i risultati sono stati sostanzialmente gli stessi.

“Abbiamo scoperto che più alto è il livello di acido linoleico nel sangue, minore è il rischio di morte prematura”.

Prof. Jyrki Virtanen

Like this post? Please share to your friends: