Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Gli antenati dei nativi americani sono arrivati ​​dall’Asia in tre migrazioni

Gli antenati delle popolazioni native americane dalla punta del Cile nel sud al Canada nel nord, migrarono dall’Asia in almeno tre volte, secondo un nuovo studio internazionale pubblicato online su Nature questa settimana che coinvolse oltre 60 investigatori in 11 paesi dell’America , più quattro in Europa e in Russia.

In quello che descrivono come il più completo studio della diversità genetica nei nativi americani fino ad ora, i ricercatori hanno studiato la variazione delle sequenze di DNA dei nativi americani. Hanno scoperto che mentre la maggior parte delle popolazioni native americane discendono principalmente da una migrazione, ci sono state due successive che hanno anche apportato un contributo genetico significativo.

La prima migrazione, che portò alla maggioranza delle popolazioni native americane, fu di un singolo gruppo chiamato “I primi americani” che attraversò dall’Asia all’America in un ponte di terra chiamato Beringia, che esisteva durante le ere glaciali più di 15.000 anni fa, ad esempio i ricercatori, i cui sforzi sono stati coordinati dal professor Andrés Ruiz-Linares del dipartimento di Genetica, Evoluzione e Ambiente presso l’University College London (UCL) nel Regno Unito.

I successivi migranti arrivarono probabilmente in barca, dopo che il ponte di terra scomparve alla fine delle ere glaciali.

In una dichiarazione stampa, Ruiz-Linares spiega che per anni si è discusso se la colonizzazione delle Americhe provenisse da una o più migrazioni dalla Siberia.

“Ma la nostra ricerca risolve questo dibattito: i nativi americani non derivano da una singola migrazione, ma il nostro studio inizia anche a gettare luce sui modelli di humandispersal nelle Americhe”, aggiunge.

I risultati confermano ciò che il linguista Joseph Greenberg propose nel 1986. Dallo studio delle differenze linguistiche tra i nativi americani, disse che gli Americasmust sono stati popolati in tre ondate di migrazione.

Per lo studio, i ricercatori hanno cercato oltre 300.000 marcatori specifici di DNA o “snips” (SNP, polimorfismi a singolo nucleotide) da 52 gruppi di nativi americani e 17 siberiani, alla ricerca di modelli di geni simili e diversi.

Il coautore David Reich, professore di genetica presso la Harvard Medical School negli Stati Uniti, afferma di aver trovato prove di almeno tre “linee profonde”:

“Il lignaggio asiatico che conduce ai primi americani è il più anticamente divergente, mentre i lignaggi asiatici che hanno contribuito con il DNA agli Eskimo-Aleutspeakers e ai Chipewyan di lingua Na-Dene provenienti dal Canada sono più strettamente legati alle popolazioni dell’Asia orientale attuale, “dice Reich.

Sembra che il 50% del DNA degli altoparlanti di Eskimo-Aleut provenga dai primi americani, mentre nei chipewyan che parlano Na-Dene, il 90% dei loro DNAdescends dai primi americani.

L’analisi ha anche dimostrato che una volta che queste ondate migratorie sono arrivate nelle Americhe, i gruppi si sono espansi verso sud, abbracciando la linea costiera, dividendosi a metà strada. Dopo che si sono separati, i gruppi si sono mescolati molto poco l’uno con l’altro, specialmente quelli che sono finiti in Sud America.

Ma mentre la non-miscelazione sembrava essere il modello generale dopo la dispersione, i ricercatori hanno trovato due eccezioni sorprendenti. Uno mostra un re-mix Nord-Sud e l’altro un re-mix West-East.

Nel re-mix Nord-Sud, sembra che ci sia stata qualche back-migrazione dall’America del Sud verso nord, e questo si riflette nei genomi dei cimiteri del centroamericano, che contiene il DNA di due filoni di ascendenza Nativa ampiamente separati.

Nel re-mix West-East, sembra che alcuni oratori di Eskimo-Aleut siano migrati di nuovo in Asia, poiché i genomi di Naukan e le popolazioni costiere di Chukchi della Siberia nord-orientale portano del DNA “First American”.

L’analisi non era semplice, perché i ricercatori dovevano trovare un modo per escludere i geni dalla popolazione europea e africana che arrivava nelle Americhe dalla fine del XV secolo in poi.

Ruiz-Linares dice che sono riusciti a sviluppare un metodo per “sbucciare” l’aggiunta di quei geni al mix, che dice “ci ha permesso di studiare la storia di molte più popolazioni native americane di quanto avremmo potuto fare diversamente”.

Il team ha incluso ricercatori provenienti da: Argentina, Bolivia, Brasile, Canada, Cile, Colombia, Costa Rica, Francia, Guatemala, Messico, Perù, Russia, Spagna, Svizzera, Regno Unito e Stati Uniti.

Scritto da Catharine Paddock PhD

Like this post? Please share to your friends: