Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Gli antidolorifici potrebbero prevenire ricorrenti infezioni del tratto urinario?

Si stima che il 50% di tutte le donne sperimenterà un’infezione delle vie urinarie ad un certo punto della loro vita e il 20-40% di queste donne avrà infezioni ricorrenti, mettendole a rischio di infezioni renali e del flusso sanguigno. Ma ora, una nuova ricerca suggerisce che gli antidolorifici da banco potrebbero aiutare a prevenire il verificarsi di tali infezioni.

Gli investigatori della Scuola di Medicina dell’Università di Washington a St. Louis, MO, hanno presentato i loro risultati all’incontro annuale dell’American Society for Microbiology.

Hanno scoperto che, inibendo una proteina immunitaria che causa l’infiammazione – chiamata COX-2 – erano in grado di eliminare le infezioni del tratto urinario ripetuto nei topi. Il team spiega che la COX-2 può essere bloccata da farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS), che includono l’ibuprofene.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), le infezioni del tratto urinario (UTI) sono responsabili di circa 4 milioni di visite ambulatoriali all’anno negli Stati Uniti.

La maggior parte delle UTI sono causate dal batterio, che vive nell’intestino. Mentre gli uomini ottengono anche UTI, le donne sono particolarmente inclini a loro perché la loro uretra è più breve – che consente ai batteri un migliore accesso alla vescica – e l’apertura uretrale di una donna è in prossimità di fonti di batteri dall’ano e dalla vagina.

ibuprofene

Ogni volta che una donna ha un IVU, le sue probabilità di avere infezioni ricorrenti aumenta e gravi infezioni con sepsi possono persino essere fatali.

In precedenti studi sui topi, i ricercatori – guidati da Thomas Hannan – hanno scoperto che il sistema immunitario reagiva in modo eccessivo alle infezioni iniziali, il che suggeriva una maggiore vulnerabilità alle infezioni che seguivano.

“Abbiamo pensato che la risposta immunitaria fosse troppo debole nei pazienti che continuavano ad avere infezioni del tratto urinario”, spiega Hannan, “ma stiamo imparando che una risposta immunitaria troppo forte può essere altrettanto problematica.”

Lui e il suo team hanno scoperto che le cellule immunitarie, chiamate neutrofili, contribuiscono a ripetere le infezioni sia nelle donne che nei topi. I neutrofili lasciano tracce nel rivestimento protettivo della vescica quando si rompono per combattere l’infezione, dicono i ricercatori.

Tale danno potrebbe fornire “punti di appoggio” che consentono ai batteri di afferrare il rivestimento della vescica e iniziare infezioni gravi.

Gli inibitori della COX-2 riducono la suscettibilità a ripetere le infezioni

Manipolando la forza della risposta dei neutrofili nei topi, quindi non era troppo poco o troppo, i ricercatori sono stati in grado di eliminare le UTI senza aumentare il rischio di future infezioni.

Fatti veloci sui sintomi UTI

  • Un desiderio frequente e intenso di urinare e un doloroso bruciore durante la minzione
  • Urina nuvolosa, scura o sanguinante, che può avere un cattivo odore
  • Dolore nella parte posteriore o laterale sotto le costole, nausea o vomito.

Hanno scoperto che i topi con maggiore suscettibilità alle infezioni ricorrenti avevano più molecole infiammatorie nella loro vescica, rispetto ai topi che non erano vulnerabili a ripetere le infezioni.

Tuttavia, quando tali topi sono stati trattati con inibitori della COX-2, il team ha osservato che mostrava una vulnerabilità significativamente ridotta per ripetere le infezioni.

Dopo aver esaminato l’effetto degli inibitori della COX-2 sulla risposta immunitaria nella vescica, i ricercatori hanno scoperto che mentre i neutrofili entravano ancora nella vescica in gran numero, hanno causato un danno significativamente inferiore al rivestimento protettivo.

Come tale, il team crede che gli inibitori della COX-2 possano mirare selettivamente agli effetti avversi dell’infiammazione mantenendo le risposte benefiche.

L’autore senior Scott Hultgren, direttore del Centro per la ricerca sulle malattie infettive delle donne presso la Washington University, dice che i risultati sono “incoraggianti” e che “sperano di verificare i potenziali benefici degli inibitori della COX-2 presto in un ampio studio clinico”.

Hannan inoltre commenta:

“Se siamo in grado di confermare questo collegamento negli studi clinici, molte persone potrebbero potenzialmente trarne beneficio molto rapidamente, ma per ora è importante ricordare che le infezioni del tratto urinario sono gravi e il trattamento antibiotico è spesso necessario. senza l’aiuto di un medico. “

Nel 2013, è stato riportato uno studio che suggeriva che la polvere di mirtillo rosso potesse inibire il batterio, un bug che si trova comunemente nelle UTI complicate.

Like this post? Please share to your friends: