Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Gli atleti olimpici vivono più a lungo della popolazione generale

Le medaglie olimpiche vivono più a lungo della popolazione generale, secondo un nuovo studio pubblicato su BMJ.

I ricercatori hanno confrontato la longevità dei medaglisti di diversi paesi, le discipline dello sport e la quantità di contatto fisico coinvolti nello sport. La loro nazionalità non ha fatto praticamente alcuna differenza per la loro longevità, facendo credere ai ricercatori di avere un “vantaggio di sopravvivenza” a causa del rispetto delle linee guida sull’attività fisica.

Nel primo studio, un totale di 15.174 atleti olimpici sono stati monitorati tra il 1896 e il 2010. In media, hanno vissuto 2,8 anni in più rispetto alla popolazione generale della stessa età, sesso e nazionalità.

Non c’era differenza di vantaggio di sopravvivenza tra medaglie d’oro, d’argento e di bronzo. Tuttavia, gli atleti che hanno preso parte agli sport di potenza hanno avuto un vantaggio leggermente inferiore rispetto a quelli di resistenza e sport misti.

Gli autori hanno spiegato che genetica, stile di vita e fattori di ricchezza potrebbero essere alcuni dei motivi per cui gli atleti vivono più a lungo.

Il secondo studio ha analizzato la longevità di 9.889 olimpionici di 43 diverse discipline (di diversa intensità di esercizio) tra il 1896 e il 1936.

Sorprendentemente, gli atleti che hanno preso parte a sport ad alta intensità cardiovascolare hanno tassi di longevità quasi identici a quelli che praticano sport cardiovascolari bassi come il golf.

L’unica differenza sostanziale che hanno trovato è stata tra le discipline che hanno coinvolto molte collisioni corporee, come il pugilato, l’hockey su ghiaccio e il rugby. Gli atleti che hanno partecipato a questi sport hanno avuto un aumento del rischio di mortalità dell’11% rispetto agli altri. I ricercatori suggeriscono che questo potrebbe essere il risultato di ripetute lesioni che si verificano durante la riproduzione di tali sport.

Almeno 150 minuti di esercizio moderato ogni settimana possono comportare una maggiore aspettativa di vita, secondo un editoriale di due esperti di salute pubblica. Hanno notato la necessità di uno sforzo maggiore da parte del governo per migliorare il numero di ore che le persone trascorrono nell’esercizio. PLOS Medicine ha pubblicato una ricerca su come l’esercizio fisico può aumentare l’aspettativa di vita.

Hanno concluso:

“La nostra incapacità di migliorare l’attività fisica è un fallimento della salute pubblica, e non è stata ancora presa abbastanza sul serio da molti nel governo e nell’istituzione medica.Anche se le prove indicano un piccolo effetto di sopravvivenza dell’essere un olimpionico, un’attenta riflessione suggerisce che simili i benefici per la salute e la longevità potrebbero essere raggiunti da tutti noi attraverso un’attività fisica regolare, potremmo e dovremmo tutti assegnare quella personale medaglia d’oro. “
Scritto da Joseph Nordqvist

Like this post? Please share to your friends: