Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Gli effetti dell’invecchiamento: possono essere invertiti?

Rughe, capelli grigi, salute fisica e cognitiva peggiore: queste sono alcune delle manifestazioni più comuni dell’invecchiamento. Ma potrebbe essere possibile invertire il processo di invecchiamento in futuro? Gli studi stanno sempre più suggerendo così.

[Una donna che invecchia]

In termini semplici, l’invecchiamento è definito come il processo di invecchiamento, che comporta una serie di meccanismi biologici che portano al deterioramento della salute, sia cognitiva che fisica, nel tempo.

Certo, l’invecchiamento è inevitabile. Mentre molti di noi vorrebbero fermare l’orologio ed evitare di spegnere quelle candele di compleanno – un promemoria incalcolabile del fatto che siamo un anno più vecchio – è al di là del regno della scienza medica.

Ciò che può essere a portata di mano un giorno, tuttavia, sono modi per ridurre o invertire gli effetti dell’invecchiamento e non stiamo parlando di creme per il viso anti-invecchiamento o di chirurgia estetica.

Sempre più spesso, gli studi si sono concentrati su strategie che potrebbero combattere l’invecchiamento al suo interno – i processi cellulari che contribuiscono a malattie legate all’età e cambiamenti nel nostro aspetto fisico quando invecchiamo.

In questa luce, esploriamo le cause biologiche dell’invecchiamento, analizziamo quali strategie i ricercatori stanno proponendo per combattere gli effetti dell’invecchiamento e osserviamo cosa si può fare per aumentare le possibilità di un invecchiamento sano.

La teoria dell’invecchiamento genetico

Molti ricercatori ritengono che gli effetti dell’invecchiamento siano il risultato di numerosi fattori genetici e ambientali, e questi effetti variano da persona a persona.

La teoria dell’invecchiamento genetico suggerisce che, proprio come il colore e l’altezza dei capelli, la nostra durata di vita è influenzata dai geni che ereditiamo dai nostri genitori.

Una tale teoria può suonare vera; gli studi hanno dimostrato che i figli di genitori che hanno una lunga durata di vita hanno maggiori probabilità di vivere una vita più lunga.

E la ricerca dello svedese Karolinska Institutet – pubblicato nel 2013 – ha suggerito che il processo di invecchiamento è influenzato dal DNA mitocondriale che ereditiamo dalle nostre madri.

Il team ha scoperto che i modelli di topo femmina hanno trasmesso le mutazioni nel DNA mitocondriale – che hanno accumulato attraverso esposizioni ambientali durante la loro vita – alla prole, che ha ridotto la loro durata di vita.

Ma mentre le prove per la teoria dell’invecchiamento genetico sono forti, resta il fatto che l’invecchiamento e la longevità sani sono in gran parte influenzati dal nostro ambiente – cioè, ciò che mangiamo, quanto ci esercitiamo, dove viviamo e i composti e le tossine a cui siamo esposti per tutta la vita.

Stress ossidativo e lunghezza dei telomeri

Il nostro DNA accumula danni dalle esposizioni ambientali quando invecchiamo. Mentre le cellule sono in grado di riparare la maggior parte di questo danno, a volte è irreparabile.

Questo si verifica più spesso a causa dello stress ossidativo, in cui il corpo non possiede abbastanza antiossidanti per riparare il danno causato dai radicali liberi – molecole non caricate che causano danni al DNA. Lo stress ossidativo è stato identificato come un attore chiave nel processo di invecchiamento.

Un’altra importante causa del danno al DNA è la riduzione dei telomeri. Questi sono i tappi all’estremità di ciascun filamento di DNA che protegge i nostri cromosomi – le strutture filiformi che contengono tutti i nostri dati genetici.

[La struttura di un telomero]

I telomeri si accorciano naturalmente con l’età, riducendo la lunghezza ogni volta che una cellula si divide. Ma quando i telomeri diventano troppo corti, non sono più in grado di proteggere i cromosomi, lasciandoli vulnerabili a danni che possono portare all’invecchiamento precoce e allo sviluppo della malattia.

Un recente studio dell’Università britannica di Cambridge suggerisce che l’accorciamento dei telomeri a seguito di esposizioni ambientali può persino essere trasmesso alla prole.

Il team ha scoperto che i ratti che avevano ridotto l’ossigeno nell’utero durante la gravidanza – spesso causati dal fumo durante la gravidanza nell’uomo – davano alla luce una prole con telomeri più corti rispetto ai ratti che avevano un’esposizione all’ossigeno più elevata.

Inoltre, si è scoperto che la prole povera di ossigeno presenta anomalie nei vasi sanguigni – un segno di invecchiamento più rapido e di una predisposizione alle malattie cardiache.

“Sappiamo già che i nostri geni interagiscono con i fattori di rischio ambientali, come il fumo, l’obesità e la mancanza di esercizio fisico per aumentare il rischio di malattie cardiache”, osserva l’autore senior Prof. Dino Giussani, del Dipartimento di Sviluppo e Neuroscienze di Cambridge, “ma qui abbiamo dimostrato che l’ambiente a cui siamo esposti nel grembo materno può essere altrettanto importante, se non di più, nella programmazione di un rischio di malattia cardiovascolare ad esordio nell’adulto”.

L’evidenza della lunghezza dei telomeri come attore principale nel processo di invecchiamento è diventata così forte che i ricercatori stanno cercando di utilizzare i telomeri come biomarker per le malattie legate all’età.

L’anno scorso, ad esempio, è stato riportato uno studio in cui i ricercatori hanno rivelato come un pattern distinto di telomeri nel sangue potesse essere usato per prevedere lo sviluppo del cancro.

Ma cosa succede se i ricercatori hanno trovato un modo per estendere la lunghezza dei telomeri per proteggersi dalle malattie legate all’età e dagli altri effetti dell’invecchiamento? O se avessero identificato una strategia che potesse proteggere dallo stress ossidativo?

Tali approcci potrebbero non essere troppo lontani dalla realtà.

Estensione della lunghezza dei telomeri per rallentare l’invecchiamento

L’anno scorso, ha riferito uno studio pubblicato in, in cui i ricercatori della Stanford University School of Medicine in California hanno rivelato di aver scoperto un modo per aumentare la lunghezza dei telomeri umani.

[Una donna che si guarda allo specchio]

Il team – incluso il coautore dello studio Helen Blau – ha usato una forma modificata di acido ribonucleico (RNA) che consisteva nella sequenza codificante per TERT – il componente attivo della telomerasi, un enzima che mantiene la salute dei telomeri – per estendere la lunghezza dei telomeri.

Applicando tre applicazioni dell’RNA modificato alle cellule umane in un laboratorio, hanno scoperto che potevano aumentare la lunghezza dei telomeri di circa 1.000 nucleotidi – circa il 10% – in pochi giorni.

Blau e colleghi hanno affermato che le loro scoperte ci avvicinano di più alla lotta contro le malattie genetiche legate all’età.

“Un giorno potrebbe essere possibile colpire le cellule staminali muscolari in un paziente affetto da distrofia muscolare di Duchenne, ad esempio, per estendere i loro telomeri.Inoltre ci sono implicazioni per il trattamento delle condizioni dell’invecchiamento, come il diabete e le malattie cardiache. porte per considerare tutti i tipi di potenziali usi di questa terapia “, dice Blau.

Ma secondo altre ricerche, ci possono essere modi in cui possiamo estendere noi stessi la lunghezza dei telomeri per rallentare il processo di invecchiamento.

A dicembre 2014, uno studio riportato su una dieta mediterranea, tipicamente ricca di verdure, frutta, noci e olio d’oliva, ma a basso contenuto di grassi saturi, latticini, carne e pollame, potrebbe allungare i telomeri.

Dallo studio di oltre 4.600 donne sane di mezza età, il team ha scoperto che coloro che avevano una maggiore aderenza a una dieta mediterranea avevano telomeri più lunghi rispetto a quelli con una minore aderenza alla dieta.

Un altro studio, pubblicato nel settembre 2014 nel, ha suggerito che la riduzione della quantità di tempo di seduta può proteggere contro l’accorciamento dei telomeri e prolungare la durata della vita.

Sradicare i mitocondri per ringiovanire le cellule di invecchiamento

Il mese scorso, il dott. João Passos, dell’Istituto per l’invecchiamento dell’Università di Newcastle nel Regno Unito, e colleghi hanno rivelato una nuova strategia che, secondo loro, potrebbe invertire il processo di invecchiamento: rimuovere i mitocondri dalle cellule.

I mitocondri sono descritti come le “centrali elettriche” delle cellule, dando loro l’energia per funzionare, ma la ricerca precedente ha anche associato i mitocondri allo stress ossidativo.

Nel loro studio, pubblicato in, il Dott. Passos e colleghi hanno aumentato la mitophagia – un processo normalmente utilizzato dalle cellule per liberarsi dai mitocondri difettosi – nell’invecchiamento delle cellule umane, consentendo loro di sradicare tutti i mitocondri.

Hanno scoperto che l’eliminazione dei mitocondri dalle cellule di invecchiamento ha innescato un processo di ringiovanimento, riducendo i marcatori dell’invecchiamento cellulare a livelli normalmente osservati nelle cellule più giovani.

“Questa è la prima volta che uno studio dimostra che i mitocondri sono necessari per l’invecchiamento cellulare, ora siamo un passo avanti verso la messa a punto di terapie mirate ai mitocondri per contrastare l’invecchiamento delle cellule”, afferma la coautrice Clara Correia-Melo.

Inversione dell’invecchiamento cerebrale

Quando si tratta di invecchiamento, una delle maggiori preoccupazioni riguarda il modo in cui influenzerà la nostra funzione cognitiva.

La maggior parte delle persone vedrà diminuire le proprie capacità cognitive man mano che invecchiano. Questo perché alcune aree del cervello – in particolare quelle legate all’apprendimento e alla memoria – si restringono man mano che invecchiamo, interferendo con le connessioni tra le cellule nervose.

Altri possono sperimentare una forma più grave di declino cognitivo, come il morbo di Alzheimer, che colpisce circa 5,1 milioni di adulti di 65 anni negli Stati Uniti, anche se questa condizione si pensa sia scatenata dall’accumulo di placche e grovigli nel cervello , piuttosto che il restringimento del cervello.

Sempre più spesso, i ricercatori stanno scoprendo strategie mediche che mostrano la promessa di invertire l’invecchiamento cerebrale. Ultimo mese, riportato su uno studio pubblicato nel, in cui i ricercatori hanno invertito con successo l’invecchiamento nel cervello dei ratti.

Il team – dell’Università della California – Irvine – ha somministrato a 11 ratti un farmaco chiamato ampakina ogni giorno per 3 mesi, mentre altri 12 ratti hanno ricevuto un placebo.

Dalle scansioni cerebrali condotte durante il trattamento, i ricercatori hanno scoperto che i ratti “di mezza età” nel gruppo placebo avevano dendriti più corte – fibre simili a rami che favoriscono la comunicazione delle cellule cerebrali – e meno rami dendritici rispetto ai ratti “adolescenti” che hanno ricevuto il placebo.

I ratti di mezza età che hanno ricevuto l’ampakina, tuttavia, hanno riscontrato dendriti e ramificazioni dendritiche paragonabili a quelle dei ratti adolescenti, suggerendo che l’ampakina potrebbe essere un composto promettente per invertire l’invecchiamento cerebrale.

Commentando i risultati, il coautore dello studio Gary Lynch afferma:

“C’è una tendenza a pensare che l’invecchiamento sia un processo inesorabile, che sia qualcosa nei geni, e non c’è nulla che tu possa fare al riguardo. Questo articolo sta dicendo che potrebbe non essere vero”.

Mangia bene e fai esercizio per ridurre gli effetti dell’invecchiamento

Mentre la ricerca medica sembra essere sul punto di trovare strategie promettenti per invertire il processo di invecchiamento, è probabile che ci vorrà molto tempo prima che i farmaci per allungare i telomeri colpiscano il mercato.

Ma nel frattempo, ci sono un certo numero di cose che possiamo fare per aiutare a ridurre gli effetti dell’invecchiamento.

[Un uomo che fa colazione]

Va da sé che l’attività fisica regolare fa bene alla salute, ma numerosi studi hanno accolto l’esercizio fisico per il suo impatto benefico sull’invecchiamento.

Lo scorso ottobre, è stato riportato uno studio che suggeriva che l’esercizio aerobico – come camminare o andare in bicicletta – dall’età media all’età avanzata è associato ad un invecchiamento cerebrale più sano, mentre uno studio precedente collegava l’esercizio aerobico a una riduzione del rischio di Alzheimer.

Altre ricerche – pubblicate nel 2014 – hanno suggerito che correre più volte alla settimana può rallentare il processo di invecchiamento per gli anziani, promuovendo una migliore mobilità e qualità della vita, mentre un altro studio in 5-10 minuti al giorno potrebbe aggiungere 3 anni all’aspettativa di vita.

Anche mangiare una dieta sana è considerato un fattore chiave per un invecchiamento sano; lo scorso ottobre, uno studio pubblicato sulla rivista ha suggerito che seguire una dieta di tipo mediterraneo può proteggere dall’invecchiamento cerebrale.

Il National Institute on Aging consiglia di seguire una dieta che include frutta, verdura e cereali – in particolare cereali integrali – latticini a basso contenuto di grassi o grassi, frutti di mare, pollame magra e carni. Inoltre raccomandano di limitare la quantità di grassi saturi e trans, nonché i livelli di colesterolo, sale e zuccheri aggiunti.

Preoccupato per quelle rughe?

Quando si tratta di un invecchiamento della pelle sano – e riducendo l’aspetto di quelle temute rughe e macchie marroni – l’American Academy of Dermatology offre alcuni consigli:

  • Proteggi la tua pelle dal sole: le radiazioni ultraviolette danneggiano le fibre della pelle nel tempo, causandone la perdita di elasticità
  • Evitare di fumare: il fumo accelera l’invecchiamento della pelle, causando rughe e una carnagione opaca
  • Mangiare una dieta sana: il consumo di un sacco di zucchero e altri carboidrati raffinati è stato collegato all’invecchiamento precoce della pelle
  • Limitare il consumo di alcol: l’alcol disidrata la pelle, causando danni nel tempo
  • Pulisci delicatamente la pelle: il lavaggio della pelle può accelerare l’invecchiamento della pelle; lava delicatamente la pelle per rimuovere il trucco e l’inquinamento
  • Usa la crema idratante viso ogni giorno: idratante mantiene la pelle idratata intrappolando l’acqua all’interno, promuovendo un aspetto giovanile.

Come lo stilista francese Coco Chanel disse una volta:

“La natura ti dà il volto che hai a 20 anni, spetta a te meritare la faccia che hai a 50”.

Like this post? Please share to your friends: