Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Gli esperti definiscono l’obesità come una malattia

In una dichiarazione di consenso pubblicata sulla rivista, gli esperti della World Obesity Federation fanno il caso di definire l’obesità come un processo patologico. Sostengono che, riconoscendo l’agente primario come un alimento piuttosto che un microbo infettivo, si adatta a un modello di malattia ampiamente accettato.

[l'obesità è una malattia]

Nel loro studio, Dr. G.A. Bray, del Pennington Biomedical Research Center della Louisiana State University di Baton Rouge, e colleghi spiegano come la loro dichiarazione di consenso segue un dibattito controverso che è in corso da cento anni e che è culminato in sempre più corpi medici – tra cui l’americano Associazione medica – concordando che l’obesità è una malattia.

Dal 1980, i tassi di obesità globale sono più che raddoppiati e ha raggiunto il punto in cui la maggior parte delle persone vive in paesi in cui il sovrappeso o l’obesità sono una causa di morte maggiore rispetto al sottopeso.

Per rendere il loro caso per definire “l’obesità come un processo di malattia recidivante progressiva cronica”, il dott. Bray e colleghi usano il “modello epidemiologico” della malattia.

Nel modello epidemiologico, vi è “un agente ambientale che agisce su un ospite per produrre una malattia” e la malattia è “correlata alla virulenza dell’agente e alla suscettibilità dell’ospite”.

Gli autori sostengono che il cibo è il principale agente ambientale per l’obesità. La dieta tipicamente occidentale è abbondante in alimenti a basso costo, gustosi e convenienti che forniscono “piacevoli ricompense dal cibo” attivando le stesse parti nel cervello – i “centri di piacere” – che sono attivati ​​da sostanze che creano dipendenza.

Gli autori hanno anche presentato il caso di considerare il declino dell’attività fisica come una seconda causa di malattia dell’obesità. Il declino è avvenuto nello stesso momento in cui gli alimenti nella dieta occidentale sono diventati più economici e più abbondanti, fornendo un doppio motore dell’obesità.

Molte caratteristiche in comune con una “malattia trasmissibile”

Oltre ai due principali agenti (cibo e declino dell’attività fisica), gli autori osservano che vari altri fattori ambientali contribuiscono anche all’aumento dell’obesità, tra cui riduzione del sonno, alcuni farmaci, interferenti endocrini e età dei genitori più anziana.

Fatti veloci sull’obesità

  • Più di un terzo degli adulti negli Stati Uniti sono obesi.
  • L’obesità è più alta tra gli adulti di mezza età e più anziani negli Stati Uniti.
  • Nel 2008, il costo medico medio negli Stati Uniti per un adulto con obesità era di $ 1.429 superiore a quello di un peso normale.

Scopri di più sull’obesità

Nel discutere i fattori del lato ospite, il Dr. Bray e colleghi spiegano che più di 100 geni sono stati identificati come fattori di rischio per l’obesità, con alcuni – come quelli che causano difetti nella leptina – che hanno un effetto maggiore di altri.

Inoltre, nelle persone geneticamente predisposte all’obesità, l’energia inutilizzata proveniente dal cibo si accumula come eccesso di grasso nelle cellule adipose.

Gli autori sostengono che il fatto che queste cellule grasse diventino più grandi o più numerose per immagazzinare l’energia in eccesso sono gli effetti patologici della malattia.

Un altro effetto patologico dell’obesità, suggeriscono, è l’aumento dell’infiammazione che risulta dai cambiamenti nelle cellule grasse che interagiscono con il cambiamento di accompagnamento nella composizione dei microbi intestinali.

Il dott. Bray e colleghi concludono che mentre l’obesità è “un processo di malattia non trasmissibile”, il modello epidemiologico che descrivono dell’obesità mostra che ha un “numero di caratteristiche in comune con una” malattia trasmissibile “inclusi agenti ambientali, e risposte dell’ospite a questi agenti. “

Il dott. Bray afferma che un motivo importante per considerare l’obesità come una malattia è che distoglie l’attenzione dal fatto che i pazienti sono i soli responsabili delle loro condizioni e li focalizza su come affrontare il processo della malattia.

Aggiunge anche che “mostra che se possiamo trattare con successo l’obesità, molte delle sue malattie associate saranno eliminate”.

Rafforza il caso per il supporto medico

In una lettera di commento di accompagnamento, altri esperti evidenziano gli argomenti contro la classificazione dell’obesità come una malattia, ma alla fine concludono che, a conti fatti, gli argomenti a favore di una tale decisione prevalgono su di loro.

Si potrebbe sostenere, osservano, che l’obesità non dovrebbe essere classificata come una malattia perché è “principalmente un fattore di rischio per altre condizioni piuttosto che una malattia a sé stante”. Inoltre, “medicalizzando” la condizione, una tale mossa dichiara efficacemente che una parte significativa della popolazione è “malata”.

Essi suggeriscono che potrebbe anche alimentare il timore di una maggiore dipendenza da farmaci e interventi chirurgici e potrebbe ridurre l’enfasi sulla lotta contro l’obesità attraverso misure di sanità pubblica che affrontano le cause sociali e commerciali fondamentali.

D’altra parte, dicono che definire l’obesità come una malattia potrebbe aiutare le persone che hanno accesso al supporto medico e rafforzare la richiesta di azione per affrontare le cause sociali, ambientali e sistemiche dell’aumento di peso.

Tale mossa può anche ridurre lo stigma interiorizzato che colpisce alcune persone con obesità e alterare la visione pubblica di chi è la colpa della condizione.

Potrebbe anche cambiare l’atteggiamento verso come finanziare le spese mediche per l’obesità. Ad esempio, in alcuni paesi, i regimi assicurativi non erogano pagamenti per condizioni che non sono classificate come malattie. Gli esperti concludono:

“Mentre il riconoscimento dell’obesità come malattia ha il potenziale di sovra-medicalizzare un problema di origine sociale, ha anche il potenziale per migliorare l’accesso ai trattamenti e gli esiti e può servire a rafforzare le misure per ridurre l’obesogenicità dell’ambiente a cui la popolazione è esposto.”

Scopri perché alcune persone possono avere un debole per i dolci.

Like this post? Please share to your friends: