Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Gli impianti contraccettivi e gli IUD rimangono efficaci un anno dopo la scadenza

Il tempo massimo più sicuro in cui una donna può mantenere il suo impianto contraccettivo o dispositivo ormonale intrauterino, come stabilito dal regolatore statunitense, la FDA, può essere troppo prudente, suggerire i primi risultati di uno studio che sta monitorando la continua efficacia dei metodi contro gravidanza oltre le date di rimozione.

persona che tiene una bobina in mano

I ricercatori della Scuola di Medicina dell’Università di Washington a St. Louis, MO, affermano che i dispositivi intrauterini ormonali (IUD o “bobine”) e gli impianti contraccettivi (bastoncini di plastica flessibili a forma di fiammiferi inseriti nel braccio) “rimangono altamente efficaci un anno oltre la durata di utilizzo approvata. “

I risultati sono pubblicati online prima della stampa sulla rivista, e provengono da un’analisi di 500 delle 800 donne previste per essere arruolati nello studio.

La durata raccomandata di utilizzo approvata dalla Food and Drug Administration (FDA) è:

  • 3 anni per gli impianti contraccettivi
  • 5 anni per IUD ormonali.

Ma gli impianti nello studio, Implanon e Nexplanon e lo IUD, Mirena, hanno tutti dato prestazioni contraccettive affidabili nello studio per un ulteriore anno.

In questa analisi iniziale, nessuna delle 237 donne che continuano a fare affidamento su impianti è rimasta incinta oltre la data di rimozione.

C’è stata una gravidanza tra le 263 donne che continuano a fare affidamento su IUD ormonali, anche se questo tasso di successo contraccettivo, dicono i ricercatori, è in linea con quello visto quando c’è la conformità con l’uso massimo raccomandato per 5 anni.

Lo studio continuerà a monitorare l’efficacia contraccettiva dei dispositivi fino a 3 anni oltre i termini raccomandati per la loro rimozione.

Il coautore Dr. Colleen McNicholas, assistente professore di ostetricia e ginecologia presso la Washington University School of Medicine, delinea le potenziali implicazioni della ricerca:

“Questa ricerca è importante perché l’uso prolungato di questi dispositivi ridurrà i costi sia per l’individuo che per l’assicuratore e migliorerà la praticità per le donne, che possono ritardare la rimozione e il reinserimento”.

Quando le donne si sono iscritte allo studio, avevano tutti un’età compresa tra i 18 ei 45 anni. Informati del rischio di una gravidanza mettendo da parte i consigli della FDA, i loro contraccettivi dovevano essere entro 6 mesi dalla data di scadenza.

Altri studi hanno anche testato l’IUD e la resistenza degli impianti oltre i limiti stabiliti – i ricercatori dicono che i lavori precedenti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e dei ricercatori europei hanno dimostrato che potrebbero essere efficaci più a lungo.

L’autore senior Dr. Jeffrey Peipert crede nel beneficio per la popolazione di tali risultati. Il professore di ostetricia e ginecologia presso la scuola medica dice:

“Più un metodo contraccettivo è efficace, maggiore è l’impatto che può avere.

“A lungo termine, questo lavoro ha il potenziale per cambiare il modo in cui forniamo metodi contraccettivi in ​​tutto il mondo e può consentire alle donne di controllare la loro salute riproduttiva e le dimensioni della famiglia”.

Uso crescente di metodi più affidabili e reversibili negli Stati Uniti

È disponibile una tabella a colpo d’occhio sull’efficacia contraccettiva di varie opzioni di pianificazione familiare. Prodotto dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), conferma l’alto livello di affidabilità delle forme reversibili di controllo delle nascite, con impianti ormonali e IUD posizionati nella parte superiore del diagramma accanto alla sterilizzazione, con una probabilità inferiore all’1% di fallimento contraccettivo.

I dati CDC sulla scelta e l’adozione dei metodi di pianificazione familiare, raccolti da indagini condotte nel 1995 e di nuovo negli anni 2006-10, mostrano che metodi reversibili come gli IUD ormonali sono cresciuti di popolarità insieme alla loro più ampia disponibilità e un corrispondente calo l’uso di altri metodi tra le coppie impegnate, come la pillola e i preservativi.

I principali ginecologi negli Stati Uniti, tuttavia, dal Congresso americano di ostetrici e ginecologi (ACOG), affermano che, mentre c’è un uso crescente dei metodi contraccettivi reversibili a lunga durata d’azione, gli impianti e i dispositivi intrauterini continuano a ricevere un assorbimento relativamente basso in America.

Il comitato ACOG sulla dichiarazione di opinione sulla pratica ginecologica dice:

“In parte, tassi di gravidanza non intenzionali elevati negli Stati Uniti possono essere il risultato di un uso relativamente basso di metodi contraccettivi reversibili a lunga durata d’azione, in particolare l’impianto contraccettivo e i dispositivi intrauterini.”

Tuttavia, il quadro sull’uso dei contraccettivi moderni è peggiore altrove. All’inizio di questa settimana, gli scienziati medici che lavorano per l’Organizzazione Mondiale della Sanità hanno riferito che un basso consumo di metodi come gli IUD ormonali in 35 paesi a basso reddito e a medio reddito è responsabile di 9 gravidanze indesiderate su 10.

I metodi “tradizionali” inaffidabili erano invece prevalenti, come avere rapporti sessuali al di fuori della parte più fertile del mese. Vedi: “15 milioni di gravidanze indesiderate” create da una bassa contraccezione.

Like this post? Please share to your friends: