Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Gli inibitori dell’aromatasi riducono significativamente le morti per cancro al seno

Un nuovo studio afferma che una classe di farmaci ormonali chiamati inibitori dell’aromatasi può ridurre significativamente il rischio di morte tra le donne in postmenopausa con carcinoma mammario positivo ai recettori degli estrogeni – la forma più comune della malattia.

Dividere le cellule del cancro al seno

Il capo studio autore Prof. Mitch Dowsett, di The Institute for Cancer Research (ICR) nel Regno Unito, e colleghi pubblicano le loro conclusioni in.

Si stima che circa 231.840 donne saranno diagnosticate con carcinoma mammario invasivo quest’anno e più di 40.000 moriranno a causa della condizione.

Il cancro al seno positivo al recettore degli estrogeni (ER-positivo) rappresenta circa il 70% di tutti i casi, in cui le cellule del cancro al seno contengono recettori che si attaccano all’estrogeno ormonale. Quando l’ormone si lega a questi recettori, questo può incoraggiare la crescita dei tumori al seno.

Allo stato attuale, le donne con carcinoma mammario ER positivo possono essere trattate con tamoxifene – un farmaco che impedisce agli estrogeni di legarsi ai recettori nelle cellule di cancro al seno. Il farmaco è principalmente prescritto per le donne con carcinoma mammario in stadio iniziale che hanno subito un intervento chirurgico, radioterapia e / o chemioterapia al fine di prevenire la recidiva.

Secondo il professor Dowsett e colleghi, prendere il tamoxifene per 5 anni è associato a una riduzione del 30% della morte per cancro al seno. Ma il loro studio suggerisce che un’altra classe di farmaci ormonali – chiamati inibitori dell’aromatasi – potrebbe essere più efficace.

Gli inibitori dell’aromatasi riducono i livelli di estrogeni prevenendo l’enzima aromatasi – trovato nel tessuto adiposo – dalla trasformazione di altri ormoni in estrogeni. Come tale, c’è meno estrogeno da legare ai recettori nelle cellule di cancro al seno.

Negli Stati Uniti, gli inibitori dell’aromatasi sono attualmente utilizzati per il trattamento del carcinoma mammario in stadio iniziale nelle donne in post-menopausa che sono state trattate con tamoxifene per circa 2-3 anni.

Ricerche precedenti suggeriscono che gli inibitori dell’aromatasi sono più efficaci nel ridurre la recidiva del cancro al seno rispetto al tamoxifene, anche se il loro impatto sulla sopravvivenza non è chiaro.

Inibitori dell’aromatasi hanno ridotto la mortalità per cancro al seno del 40%

Per il loro studio, il team ha analizzato i dati di nove studi clinici che hanno coinvolto 31.920 donne in postmenopausa con carcinoma mammario ER-positivo in stadio iniziale. Le donne nelle prove non avevano ricevuto alcuna terapia ormonale o avevano usato inibitori dell’aromatasi o tamoxifene per almeno 5 anni.

Rispetto alle donne che non avevano ricevuto terapia ormonale, coloro che avevano ricevuto inibitori dell’aromatasi avevano il 40% in meno di probabilità di morire di cancro al seno nei 10 anni dopo l’inizio del trattamento. Le donne che hanno assunto il tamoxifene erano a circa il 30% più a rischio di morte per cancro al seno.

Commentando i loro risultati, il Prof. Dowsett dice:

“La nostra collaborazione globale ha rivelato che il rischio di donne in postmenopausa con la più comune forma di cancro al seno che muoiono della loro malattia è ridotto del 40% assumendo 5 anni di un inibitore dell’aromatasi – una protezione significativamente maggiore di quella offerta dal tamoxifene.

Gli inibitori dell’aromatasi rimuovono solo la piccola quantità di estrogeno che rimane nella circolazione delle donne dopo la menopausa, ma questo è sufficiente per avere un impatto sostanziale su una vasta gamma di tumori ER-positivi, nonostante le loro straordinarie differenze a livello molecolare. “

Tuttavia, i ricercatori osservano che il trattamento con inibitori dell’aromatasi può presentare una serie di effetti collaterali. Questi possono includere mancanza di respiro, dolore toracico, vampate di calore, dolori muscolari o articolari e depressione.

“È importante garantire che le donne con significativi effetti collaterali siano supportate per cercare di continuare a prendere il trattamento e trarne il massimo beneficio”, osserva il prof. Dowsett.

All’inizio di questo mese, secondo uno studio pubblicato, la metà dei tumori al seno potrebbe essere rallentata se il trattamento con ormone progesterone fosse aggiunto.

Like this post? Please share to your friends: