Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Gli scienziati dicono che la pillola abortiva non è più rischiosa della terminazione chirurgica

Un nuovo studio sulle donne danesi ha dimostrato che l’uso di pillole per abortire per interrompere le gravidanze durante il primo trimestre non è più pericoloso per le future gravidanze rispetto alle terminazioni chirurgiche.

Lo studio è pubblicato nel New England Journal of Medicine ed è il lavoro degli scienziati in Danimarca e negli Stati Uniti.

Le pillole abortive, chiamate anche aborti medici, sono sempre più utilizzate dalle donne per interrompere le gravidanze indesiderate durante il primo trimestre, ma non ci sono molte prove di come questo influenzi la sicurezza delle future gravidanze.

Tuttavia, l’aborto chirurgico è ancora preferito dalla maggior parte delle donne che si trovano con una gravidanza indesiderata che desiderano interrompere.

Nel metodo chirurgico la donna è ricoverata in ospedale e la procedura viene eseguita utilizzando una pompa a vuoto o una siringa per rimuovere il feto dall’utero. In questo metodo c’è ben poco rischio che il materiale embrionale venga lasciato nel grembo materno.

Nel metodo medico o basato su pillole, la donna prende una compressa di mifespristone (il nome sperimentale della droga era RU-486 e molte persone usano ancora thisterm) e poi quattro o più pillole di misoprostolo un giorno o due dopo.

La prima pillola, il mifepristone, è uno steroide sintetico che destabilizza il tessuto che unisce l’embrione all’utero. Le pillole prese più tardi, themisoprostol, causano la contrazione dell’utero ed espellono il feto. La procedura è diversa nei diversi paesi.

Tuttavia, vi è un leggero rischio con il metodo medico che il materiale embrionale può rimanere nel grembo materno, e ci sono opinioni contrastanti sul fatto che la donna debba avere un esame per assicurarsi che il feto sia stato espulso correttamente. In Europa, per esempio, le donne devono essere tenute sotto osservazione medica, mentre questo non è richiesto negli Stati Uniti.

Negli Stati Uniti, la Food and Drug Administration (FDA) ha approvato il mifepristone per l’uso negli aborti medici nel 2000. È approvato solo per l’uso nei primi 49 giorni di gestazione.

Negli Stati Uniti, tra il 2000 e il 2004, circa 360.000 donne hanno usato il metodo del mifepristone e del misoprostolo per abortire.

Il metodo medico è spesso scelto perché la donna può prendere la pillola a casa, in privato, o durante una consultazione con il suo medico. Negli Stati Uniti l’approvazione della FDA richiede che la donna abbia prima un counseling. Le pillole possono essere prescritte da qualsiasi medico e la procedura è percepita come più diretta rispetto al metodo chirurgico.

In questo studio, il dott. Jun Zhang della divisione epidemiologia dell’Istituto nazionale per la salute e lo sviluppo infantile, National Institutes of Health, a Bethesda, Maryland, Stati Uniti e colleghi hanno analizzato i dati nazionali di tutte le donne in Danimarca che avevano subito aborti per uso non medico motivi tra il 1999 e il 2004. E hanno anche ottenuto dati sulle gravidanze successive da registri nazionali.

Hanno poi confrontato il rischio di gravidanza ectopica, aborto spontaneo, parto prematuro (a 37 settimane di gestazione) e basso peso alla nascita (meno di 2,5 kg o 5,5 libbre) in 2.710 donne che avevano avuto aborti medici durante il primo trimestre di gravidanza con 9.104 persone che avevano subito aborti chirurgici nel primo trimestre.

I risultati hanno mostrato che tra le 11.814 gravidanze post-aborto in entrambi i gruppi di donne c’erano:

  • 274 gravidanze ectopiche (2,4% nel gruppo di aborti medici e 2,3% nel gruppo di aborto chirurgico).
  • 1426 aborti spontanei (12,2 per cento e 12,7 per cento).
  • 552 nascite premature (5,4% e 6,7%).
  • 478 nascite con basso peso alla nascita (4,0 per cento e 5,1 per cento).

Dopo essersi adattati a una serie di potenziali fattori confondenti, come l’età materna, l’intervallo tra gravidanze, età gestazionale all’aborto, convivenza con partner o no, residenza urbana o rurale, gli scienziati hanno scoperto che l’aborto medico non era significativamente legato all’aumento del rischio di followectopia gravidanza, aborto spontaneo, parto prematuro o basso peso alla nascita.

Zhang e colleghi hanno concluso che:

“Non abbiamo trovato alcuna prova che un precedente aborto medico, rispetto a un aborto chirurgico precedente, aumenti il ​​rischio di aborto spontaneo, ectopicpregnancy, parto pretermine o basso peso alla nascita”.

In un articolo che accompagna il Journal Watch, il dott. Robert W. Rebar, commenta che:

“Finché l’aborto indotto è disponibile, sarà usato da alcune donne che non usano la contraccezione o hanno fallimenti contraccettivi e non desiderano la gravidanza.Questo studio indica che i rischi per i successivi esiti avversi della gravidanza non sono significativamente differenti per la collaborazione medica e chirurgica. “

“L’aborto medico e il rischio di successivi esiti della gravidanza avversa”.
Jasveer Virk, Jun Zhang e Jørn Olsen.
Volume 357, 648-653, 16 agosto 2007, numero 7
Clicca qui per Abstract.

Scritto da: Catharine Paddock

Like this post? Please share to your friends: