Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Gli scienziati trovano sette geni per l’insonnia

Molti di noi hanno avuto l’insonnia ad un certo punto della nostra vita e sanno quanto sia difficile da superare. Più pensiamo di andare a dormire, più è difficile addormentarsi; l’insonnia è spesso una battaglia con le nostre menti. Ma al di là della lotta psicologica, ci sono anche cause genetiche? Nuova ricerca suggerisce così.

donna insonne che guarda l'orologio

La National Sleep Foundation definisce l’insonnia come “difficoltà ad addormentarsi o rimanere addormentati, anche quando una persona ha la possibilità di farlo”.

Milioni di persone negli Stati Uniti lottano con il disordine e si stima che circa il 10% della popolazione del paese abbia un’insonnia cronica.

Un team di ricercatori – guidato dai professori Danielle Posthuma, di Vrije Universiteit (VU) ad Amsterdam nei Paesi Bassi, e Eus Van Someren, dell’Istituto olandese di neuroscienze – si è proposto di identificare i fattori genetici per l’insonnia segnalata. A tal fine, hanno effettuato uno studio di associazione genome-wide (GWAS), insieme a uno studio di associazione genico a livello genomico (GWGAS).

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista

Durante un GWAS, i ricercatori analizzano rapidamente i marcatori genetici in serie complete di DNA umano nel tentativo di trovare variazioni genetiche tipiche di malattie specifiche.

Un GWGAS si concentra più strettamente sui geni ed esamina le correlazioni tra le variazioni genetiche all’interno di un singolo gene. Per questo motivo, un GWGAS può essere un metodo di test più potente nei casi in cui aumenta il numero di variazioni genetiche o quando solo “l’effetto cumulativo” di diverse variazioni genetiche si correla con una malattia.

L’insonnia condivide il background genetico con altre malattie

In questo nuovo studio, gli scienziati hanno eseguito queste analisi genetiche in 113.006 persone. I ricercatori hanno trovato tre loci genetici e sette geni per l’insonnia.

Inoltre, hanno scoperto che alcuni di questi geni sono stati precedentemente associati ad altre condizioni. La più forte associazione genetica per l’insonnia è stata anche coinvolta nella sindrome delle gambe senza riposo (RLS).

Altre condizioni le cui basi genetiche si sovrapponevano a quelle dell’insonnia includevano disturbi d’ansia, depressione, nevroticismo e scarso benessere generale, come vissuto soggettivamente e auto-riferito.

“Questa è una scoperta interessante, perché queste caratteristiche tendono ad andare di pari passo con l’insonnia e ora sappiamo che ciò è in parte dovuto alla base genetica condivisa”, afferma il primo autore Anke Hammerschlag, neuroscienziato e dottore in filosofia. studente presso VU.

Più specificamente, il gene MEIS1 era stato associato con RLS e un altro disturbo del sonno chiamato movimenti di sonno degli arti periodici (PLMS).

L’RLS è una condizione che colpisce fino al 10% della popolazione degli Stati Uniti ed è caratterizzata dall’irresistibile impulso a muovere la gamba, che peggiora durante la notte e causa sonnolenza e esaurimento durante il giorno successivo.

Allo stesso modo, la PLMS coinvolge movimenti involontari, a scatti durante il sonno, causando affaticamento durante il giorno.

I ricercatori hanno scoperto che PLMS, RLS e insonnia condividono una variante nello stesso gene MEIS1. È interessante notare, gli autori sottolineano, PLMS e RLS sono entrambi caratterizzati da irrequietezza fisica, mentre l’insonnia è definita da irrequietezza della mente.

Il prof. Eus Van Someren commenta il significato dello studio:

“Rispetto alla gravità, alla prevalenza e ai rischi dell’insonnia, solo pochi studi hanno preso di mira le sue cause e l’insonnia viene troppo spesso liquidata come” tutto nella tua testa “. La nostra ricerca offre una nuova prospettiva: l’insonnia è anche nei geni “.

Lo studio ha anche identificato le differenze genetiche tra i sessi. Il Prof. Posthuma spiega: “Abbiamo riscontrato una differenza tra uomini e donne in termini di prevalenza: nel campione che abbiamo studiato, incluse principalmente persone di età superiore ai 50 anni, il 33% delle donne ha riferito di soffrire di insonnia. “.

“Questo suggerisce che, per una parte, diversi meccanismi biologici possono portare all’insonnia negli uomini e nelle donne”, conclude il Prof. Posthuma.

Scopri come meno tempo a letto potrebbe prevenire l’insonnia cronica.

Like this post? Please share to your friends: