Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Gli spari di controllo delle nascite maschili mostrano promessa

Quando si tratta di metodi di controllo delle nascite, le donne hanno più opzioni che mai. Tuttavia, per gli uomini, la scelta è limitata ai preservativi, all’astinenza e alla vasectomia. Un nuovo studio – pubblicato dalla Endocrine Society – ha stabilito che un colpo di controllo delle nascite maschile è efficace nel prevenire la gravidanza.

[Uomo e donna a letto naso a naso]

Negli ultimi 40 anni, gli studi hanno dimostrato che la soppressione ormonale reversibile della spermatogenesi – il processo di sviluppo delle cellule spermatiche – negli uomini può prevenire le gravidanze nelle loro partner femminili, sebbene lo sviluppo commerciale del prodotto sia stato bloccato.

In studi precedenti, la gestione del testosterone negli uomini ha dimostrato l’efficacia del controllo delle nascite paragonabile ai metodi femminili. Tuttavia, i partecipanti dovevano ricevere dosi molto più elevate di quelle che si trovano tipicamente nel corpo e il metodo ha causato effetti avversi a lungo termine negli uomini sani.

Mentre dare progesterone a fianco può ridurre la dose di testosterone, ci sono stati pochi studi che hanno valutato l’efficacia e la sicurezza di tale combinazione. Con il 40% di tutte le gravidanze in tutto il mondo non previste nel 2012, sono necessarie opzioni di controllo delle nascite migliori per gli uomini.

Lo scopo del nuovo studio era di testare l’efficacia e la sicurezza di dare iniezioni di un progestinico a lunga durata d’azione chiamato noretisterone enantato, insieme a dosi sostitutive di un androgeno a lunga durata d’azione chiamato testosterone undecanoato, per prevenire la gravidanza nelle partner di sesso femminile.

Gli obiettivi primari dello studio erano di sopprimere il numero di spermatozoi degli uomini al di sotto di 1 milione per millilitro attraverso l’uso di colpi di controllo delle nascite, mantenendo la soppressione del numero di spermatozoi e garantendo che il conteggio dello sperma ritorni ai limiti normali.

I ricercatori hanno anche misurato le concentrazioni di ormoni steroidei e gonadotropine, monitorato gli eventi avversi per determinare la sicurezza della miscela ormonale e hanno inviato questionari per verificare se i partecipanti accettavano l’uso del metodo.

Test clinici combinati per ridurre il numero di spermatozoi

“Lo studio ha scoperto che è possibile avere un contraccettivo ormonale per gli uomini che riduce il rischio di gravidanze non pianificate nei partner di uomini che lo usano”, dice l’autore dello studio Dr. Mario Philip Reyes Festin, dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). “I nostri risultati hanno confermato l’efficacia di questo metodo contraccettivo precedentemente visto in piccoli studi”.

Uno studio prospettico di fase II, a braccio singolo, multicentrico è stato applicato per testare la sicurezza e l’efficacia del controllo delle nascite iniettabile in 320 uomini sani di età compresa tra 18 e 45 anni in relazioni stabili e monogame con le loro partner di sesso femminile di 18-38 anni per almeno un anno.

I partecipanti maschi erano eleggibili per l’inclusione se avessero avuto una conta spermatica normale all’inizio dello studio, senza gravi malattie psichiatriche, infezioni trasmesse sessualmente, nessuna presenza di malattia e un indice di massa corporea (BMI) tra 20-32 chilogrammi per metro quadrato .

Ai partner di sesso femminile era richiesto di essere sani senza problemi riproduttivi, e non in stato di gravidanza al momento di entrare nella fase di soppressione.

Alle coppie è stato richiesto di avere rapporti sessuali due volte a settimana, in media, con l’intento di rimanere nella relazione per il corso dello studio, senza desiderio di gravidanza entro 2 anni, e la volontà di accettare un rischio basso, ma sconosciuto di gravidanza .

Gli uomini hanno ricevuto due iniezioni di 200 milligrammi di noretisterone enantato (NET-EN) e 1.000 milligrammi di testosterone undecanoato (TU) da professionisti del settore sanitario ogni 8 settimane per un massimo di 26 settimane per sopprimere il loro numero di spermatozoi.

I campioni di sperma sono stati forniti dopo 8 e 12 settimane nella fase di soppressione e poi ogni 2 settimane fino a quando il numero di spermatozoi di un partecipante è stato ridotto a meno di 1 milione per millilitro in due test consecutivi. Durante questo periodo, le coppie furono istruite ad usare altri metodi di controllo delle nascite non ormonali.

Alle coppie è stato chiesto di fare affidamento sui colpi di controllo delle nascite maschili dopo aver soddisfatto i criteri di un conteggio inferiore a 1 milione per millilitro di sperma. Questa fase è stata indicata come la fase di efficacia dello studio, durante la quale gli uomini hanno continuato a ricevere iniezioni ogni 8 settimane per un massimo di 56 settimane. Campioni di sperma venivano forniti ogni 8 settimane per assicurarsi che i livelli di sperma rimanessero bassi.

Dopo che i partecipanti avevano smesso di ricevere iniezioni, il team ha valutato la rapidità con cui il conteggio degli spermatozoi si è ripreso.

Il controllo delle nascite è efficace nel 96 percento degli utenti continui

Dei 320 partecipanti che hanno ricevuto almeno una iniezione, gli ormoni sono risultati efficaci nel ridurre il numero di spermatozoi a meno di 1 milione per millilitro o meno in 274 uomini entro la fine di 24 settimane.

Il test di controllo delle nascite maschili è risultato efficace in quasi il 96% degli utenti continui, con un totale di quattro gravidanze che si verificano tra i partner maschili prima della sedicesima settimana della fase di efficacia.

Nel 2011, il reclutamento di nuovi partecipanti allo studio è stato interrotto e i partecipanti arruolati hanno sospeso le iniezioni e sono passati alla fase di recupero, a causa degli eventi avversi che hanno superato i potenziali benefici.

Gli eventi avversi preoccupanti sono stati segnalazioni di cambiamenti di umore, depressione, dolore al sito di iniezione e aumento della libido. Un totale di 20 uomini ha interrotto lo studio a causa di effetti collaterali, sei dei quali interrotti per cambiamenti di umore, e sei interrotti per acne, dolore o panico alla prima iniezione, palpitazioni, ipertensione e disfunzione erettile. Otto uomini sono stati interrotti per diverse ragioni legate ai cambiamenti di umore.

Oltre il 75% dei partecipanti ha dichiarato di voler utilizzare il colpo di controllo delle nascite alla fine dello studio, nonostante gli effetti avversi.

Dei 1.491 eventi avversi riportati da partecipanti di sesso maschile, il 38,8% è stato valutato come non correlato al colpo di controllo delle nascite, incluso un suicidio.Eventi avversi gravi valutati come probabilmente o probabilmente correlati allo studio includevano un caso di depressione, un sovradosaggio di paracetamolo e un partecipante che ha subito un battito cardiaco anormalmente veloce e irregolare dopo l’interruzione delle iniezioni.

Otto partecipanti non si erano ripresi per soddisfare i criteri del ritorno alla fertilità dopo 52 settimane in fase di recupero. Un volontario non si è ripreso entro 4 anni dalle sue ultime iniezioni.

“Sono necessarie ulteriori ricerche per far progredire questo concetto al punto che può essere reso ampiamente disponibile agli uomini come metodo di contraccezione. Anche se le iniezioni erano efficaci nel ridurre il tasso di gravidanza, la combinazione di ormoni deve essere studiata di più da considerare un buon equilibrio tra efficacia e sicurezza. “

Dr. Mario Philip Reyes Festin

Il Dr. Festin e colleghi dicono che lo studio fornisce un valido riferimento per le future prove di efficacia e sicurezza del controllo delle nascite maschili. “Tali studi sono urgentemente necessari per consentire una valutazione completa del potenziale di questo approccio al nuovo sviluppo di prodotti contraccettivi”, concludono.

Leggi come le donne che assumono anticoncezionali a base di estrogeni hanno una maggiore quantità di vitamina D.

Like this post? Please share to your friends: