Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Grave sepsi negli anziani Probabilmente avere un impatto a lungo termine sul funzionamento cognitivo e fisico

I pazienti di età superiore ai 65 anni che hanno una sepsi grave hanno un rischio significativamente elevato di problemi cognitivi e di funzionamento fisico a lungo termine, affermano ricercatori della Medical School dell’Università del Michigan, Ann Arbor, nella rivista medica JAMA (Journal of American Medical Association). Secondo i Centers for Disease Control and Prevention, circa 750.000 persone ogni anno hanno una grave sepsi in America. Un numero significativo di loro muore.

La sepsi, nota anche come infezione del flusso sanguigno, è quando i batteri, altre infezioni o organismi o le loro tossine entrano nel flusso sanguigno e talvolta raggiungono organi e tessuti nel corpo. La sepsi è una risposta sistemica (corpo intero) a un’infezione, che può portare a disfunzione d’organo, perdita di arti e morte. La sepsi può essere scatenata da un’infezione virale, batterica, fungina o parassitaria. Può verificarsi dopo un incidente (trauma), un intervento chirurgico, ustioni o malattie come la polmonite o il cancro.

Gli autori hanno scritto:

Sebbene la sepsi grave sia la causa non cardiaca più comune di malattia critica, l’impatto a lungo termine della sepsi grave sul funzionamento cognitivo e fisico è sconosciuto.
Theodore J. Iwashyna, M.D., Ph.D. e il gruppo si è proposto di determinare se avere una sepsi grave ha aumentato il rischio di compromissione della funzione cognitiva e fisica a lungo termine tra i pazienti sopravvissuti. Il loro studio ha coinvolto 1.194 persone con 1.520 ospedalizzazioni per sepsi grave. Hanno raccolto dati dallo Health and Retirement Study, 1998-2006, che ha dati rappresentativi a livello nazionale sui residenti negli Stati Uniti.

Il loro studio ha incluso anche 9.223 intervistati che sono stati valutati per il funzionamento cognitivo e fisico all’inizio dello studio. 516 sopravvissero a un grave episodio di sepsi mentre 4.517 erano in ospedale e sopravvissero a un evento non sepsis. Sono stati seguiti almeno una volta.

Oltre a valutare la loro funzione cognitiva, lo erano anche le ADLS (attività della vita quotidiana) e le IADL (attività strumentali della vita quotidiana) per le quali avevano bisogno di assistenza.

I sopravvissuti sono stati ricoverati in ospedale a un’età media di 76,9 anni.

Hanno scoperto che il rischio di contrarre deterioramento cognitivo da moderato a grave era 3,3 volte più alto tra i pazienti che erano sopravvissuti a sepsi grave, rispetto ad altri che erano stati ospedalizzati per episodi non sepsi.

Tra i pazienti con limitazioni funzionali preesistenti, lievi o moderate, sono stati aggiunti 1,5 nuovi limiti funzionali per ciascun episodio di sepsi.

Coloro che erano stati ricoverati in ospedale per episodi non sepsi non hanno riscontrato un aumento del rischio di sviluppare disturbi cognitivi da moderati a gravi.

Gli autori hanno scritto:

Declino cognitivo e funzionale della magnitudine osservata dopo sepsi grave sono associati ad aumenti significativi nel tempo del caregiver, ricovero in casa di cura, depressione e mortalità. Questi dati sostengono che il peso della sopravvivenza della sepsi è un problema di salute pubblica sostanziale e non riconosciuto con importanti implicazioni per i pazienti, le famiglie e il sistema sanitario.
Gli autori ritengono che la sepsi grave tra gli anziani in America aggiunga 20.000 nuovi casi annuali di compromissione cognitiva da moderata a grave.

I ricercatori hanno scritto:

Pertanto, un episodio di grave sepsi, anche se sopravvissuto, può rappresentare un evento sentinella nella vita dei pazienti e delle loro famiglie, con conseguente disabilità nuova e spesso persistente, in alcuni casi addirittura simile alla demenza.

La ricerca futura per identificare i meccanismi che portano dalla sepsi al deterioramento cognitivo e alla disabilità funzionale – e gli interventi per prevenire o rallentare questi cali accelerati – è particolarmente importante ora dato l’invecchiamento della popolazione.

Editoriale di accompagnamento: Le conseguenze persistenti di sepsi – Un disastro di salute pubblica nascosta?

Derek C. Angus, M.D., M.P.H., un redattore di JAMA e anche dalla School of Medicine dell’Università di Pittsburgh, ha scritto:

Innanzitutto, le informazioni contenute in questo studio possono aiutare i medici nel valutare le opzioni di cura e discutere i risultati con i pazienti e le famiglie. Anche se i medici non sanno perché i pazienti che sviluppano la sepsi sperimentano un declino della funzione, è chiaro che molti pazienti lo fanno.

In secondo luogo, lo sviluppo di modelli preclinici potrebbe aiutare a stabilire una migliore comprensione della causalità, dei meccanismi potenziali e degli obiettivi terapeutici. Gli attuali modelli di sepsi solo crudamente imitano la sepsi nella moderna ICU e raramente offrono una valutazione dei risultati a lungo termine tra i sopravvissuti.

In terzo luogo, un numero di strategie relativamente semplici utilizzate in altre aree della medicina per promuovere la riabilitazione fisica e ridurre al minimo gli effetti della disfunzione neurocognitiva potrebbero essere adattabili all’ICU e all’impostazione post-ICU e dovrebbero essere valutate negli studi clinici.

In quarto luogo, l’endpoint tradizionale del 28 ° giorno la mortalità per tutte le cause utilizzata nella valutazione di qualsiasi terapia per la sepsi dovrebbe essere sostituita da dati di sopravvivenza a lungo termine e risultati funzionali. La valutazione della funzione fisica e cognitiva dettagliata è impegnativa e costosa nell’ambiente di prova multicentrico. Tuttavia, il costo maggiore può derivare dall’incapacità di misurare questi risultati e di perdere importanti benefici o danni delle terapie sulle persistenti conseguenze della sepsi.
“Compromissione cognitiva a lungo termine e disabilità funzionale tra i sopravvissuti a una grave sepsi”
Theodore J. Iwashyna, MD, PhD; E. Wesley Ely, MD, MPH; Dylan M. Smith, PhD; Kenneth M. Langa, MD, PhD
JAMA. 2010; 304 (16): 1787-1794. doi: 10.1001 / jama.2010.1553

Scritto da Christian Nordqvist

Like this post? Please share to your friends: