Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Gravidanza dopo i 35 anni: quali sono i rischi?

La tendenza verso una maggiore genitorialità sembra destinata a continuare, con un numero maggiore di donne su trent’anni che hanno figli rispetto alle donne di 20 anni. Ci sono più rischi associati alla gravidanza e alla nascita all’aumentare dell’età della madre? Controlliamo le prove più recenti.

donna incinta in piedi da una finestra

Recenti dati preliminari dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) indicano che nel 2016, per la prima volta in trent’anni, i tassi di natalità tra le donne di età compresa tra 30 e 34 anni hanno superato quelli tra le donne di età compresa tra 25 e 29 anni negli Stati Uniti.

L’età media delle donne che hanno il loro primo figlio è attualmente intorno ai 28 anni, rispetto ai 26,4 del 2015 e ai 26,3 del 2014. Gli esperti si concentrano spesso sull’età materna media o media a causa degli esiti della nascita associati all’età della madre, come nascite multiple e disabilità congenite.

Gli studi riportano che le persone possono ritardare la genitorialità fino a 35 anni o più per una serie di motivi.

Questi motivi includono le donne che raggiungono livelli di istruzione superiore, stabilendo la loro carriera, metodi contraccettivi perfezionati, cambiamenti sociali e culturali che hanno lasciato le donne non pronte ad avere figli, mancanza di assistenza all’infanzia, bassi livelli di prestazioni, politiche sul posto di lavoro poco flessibili, incertezza economica o abitativa, e disoccupazione.

Un altro motivo per cui le donne stanno attraversando la gravidanza più tardi nella vita potrebbe essere verso il basso per migliorare le opzioni di fertilità, come la fecondazione in vitro.

Le donne incinte di età superiore ai 35 anni e che hanno il loro primo figlio sono state definite come madri in età avanzata (AMA) o madri più anziane, oppure vengono chiamate primipare anziane o primipare anziane. I termini “età avanzata” e “anziano” hanno connotazioni negative per qualcuno di soli 35 anni. Questi termini sono infondati o l’eccesso di 35 rappresenta un serio rischio per la madre e il bambino?

Rischi di ritardare la gravidanza fino all’età di 35 anni o più

sperma che nuota verso l'uovo

Tutti sono a conoscenza del ticchettio dell’orologio biologico, ma il tuo 35 ° compleanno rappresenta una pietra miliare particolarmente speciale in biologia? Colpisci 35 e improvvisamente diventi “ad alto rischio” durante la notte?

Le donne stanno offrendo bambini sani per tutti i 30 anni e oltre. L’età di 35 anni è semplicemente un’età in cui certi rischi diventano più degni di discussione.

Anche se questi rischi diventano leggermente più probabili dopo aver raggiunto i 35 anni, ciò non significa che avranno un impatto significativo su tutti a metà degli anni trenta e oltre.

Diminuzione della fertilità

Le donne nascono con tutte le uova che avranno mai. Con l’età delle femmine, la probabilità di rimanere incinta diminuisce a causa del numero in calo delle uova rimanenti e della loro ridotta qualità.

La fertilità diminuisce anche negli uomini di età a causa della diminuzione del numero di spermatozoi, della motilità e del volume dello sperma. Questi fattori legati all’età possono rendere più difficile per le donne una gravidanza.

Uno studio, pubblicato in, ha rilevato che tra le donne che hanno ricevuto l’inseminazione artificiale, il 74 per cento di quelli con meno di 31 anni erano incinta entro un anno. Tuttavia, questo è diminuito al 61 per cento delle persone di età compresa tra 31 e 34, e ulteriormente diminuito al 54 per cento delle donne di età compresa tra 35 e oltre.

Rischi genetici

Alcuni rischi genetici si presentano più spesso durante la gravidanza quando le donne invecchiano. Ad esempio, il tasso di avere un bambino con sindrome di Down accelera con l’età materna.

Mentre il tasso di un embrione con sindrome di Down al marchio di 10 settimane di gravidanza è 1 su 1.064 a 25 anni, questo aumenta a 1 su 686 all’età di 30 anni e 1 su 240 all’età di 35 anni. All’età di 40 anni, il tasso di sindrome di Down aumenta ancora a 1 su 53 e fino a 1 su 19 embrioni a 45 anni.

Uno studio pubblicato nel paragrafo intende indagare perché le madri più anziane hanno un rischio maggiore di dare alla luce bambini con anomalie congenite caratterizzate da numeri di cromosomi anormali.

I ricercatori del Albert Einstein College of Medicine della Yeshiva University di New York hanno appreso che il processo genetico della ricombinazione potrebbe essere responsabile dell’aumento del rischio di condizioni come la sindrome di Down.

La ricombinazione è il processo in cui coppie di cromosomi si scambiano materiale genetico prima di separarsi. Il team ha scoperto che nelle madri più anziane, il processo di ricombinazione può essere meno regolato, il che può portare a numeri anormali di cromosomi nelle cellule sessuali o in ampi riarrangiamenti cromosomici.

Aborto Spontaneo

Il rischio di aborto spontaneo aumenta gradualmente con l’età della madre. La ricerca pubblicata ha dimostrato che il rischio di aborto è intorno all’8,9% per le donne di età compresa tra 20 e 24 anni e aumenta al 74,7% per le persone di età pari o superiore a 45 anni. Si pensa che la diminuzione della qualità delle uova delle donne sia la causa dei più elevati tassi di aborto spontaneo.

nato morto

La mortalità fetale è più probabile nelle donne anziane rispetto alle donne più giovani. Una revisione sistematica pubblicata nel ritrovato che la morte in utero è di circa 1,2-2,23 volte più alta nelle donne anziane.

Un altro studio, esaminando i dati di 385.120 gravidanze nel Regno Unito, ha osservato che il tasso di natimortalità era 4,7 per 1.000 per le donne di età compresa tra 18 e 34 anni, 6,1 per 1.000 di età compresa tra 35 e 40 anni e 8,1 per 1.000 per le donne di 40 anni. e oltre.

Inoltre, il tasso di nati morti ha mostrato di essere più alto nelle persone che hanno il loro primo figlio e anche più alto nelle mamme che hanno appena compiuto 35 anni o meno.

Le donne di età pari o superiore a 35 anni sono spesso raccomandate per essere indotte mentre si avvicinano alla loro data di scadenza a causa del crescente rischio di mortalità fetale in età gestazionale. Circa 1 su 1.000 donne sotto i 35 anni hanno una natimortalità durante 39 e 40 settimane di gestazione, rispetto a 1,4 su 1.000 donne di età compresa tra 35 e 39 anni e 2 su 1.000 donne a 40 anni e oltre.

Le ragioni per cui i tassi di parto nasale aumentano con l’età della madre non sono al momento chiari.

Altri rischi

Le ricerche che hanno confrontato le complicazioni della gravidanza tra le donne di età compresa tra 18 e 34 anni, tra 35 e 40 anni e tra 40 e oltre, hanno riscontrato piccoli aumenti nella maggior parte delle complicanze legate alla gravidanza e alla nascita con l’età.

bambino nato tramite parto cesareo

I ricercatori hanno identificato aumenti nel rischio di diabete gestazionale, placenta previa, posizionamento di culatta del bambino, parto cesareo di emergenza, emorragia postpartum, parto pretermine, basso peso alla nascita e alto peso alla nascita. Altre ricerche hanno scoperto che il rischio di mortalità materna aumenta anche con l’età.

La ricerca presentata alla International Stroke Conference 2016 dell’American Stroke Association ha rivelato che, rispetto alle donne che subiscono una gravidanza in giovane età, le donne in gravidanza dai 40 anni in su sono maggiormente a rischio di ictus ischemico, ictus emorragico, infarto e morte per malattie cardiovascolari .

“Sapevamo già che le donne più anziane avevano più probabilità delle donne più giovani di avere problemi di salute durante la loro gravidanza”, ha detto il dott. Adnan I. Qureshi, direttore dell’Istituto Zeenat Qureshi Stroke di St. Cloud, MN. “Ora sappiamo che le conseguenze di quella futura gravidanza si estenderanno per anni al futuro.”

Il dott. Qureshi e colleghi hanno scoperto che tutti i rischi, ad eccezione dell’ictus emorragico, sono stati spiegati da ben noti fattori di rischio per le malattie cardiovascolari – come l’ipertensione, il diabete e il colesterolo alto – che le donne anziane affrontano.

Perché le donne di età superiore ai 35 anni hanno problemi di salute, nascita?

Una recente ricerca pubblicata mette in luce il motivo per cui le donne con più di 35 anni hanno maggiori probabilità di affrontare complicazioni alla nascita. I ricercatori del King’s College di Londra nel Regno Unito hanno scoperto, in un modello murino, che l’età di una madre influenza la struttura dell’utero.

In un gruppo di topi che rappresentavano donne di età superiore a 35 anni, le proprietà di contrazione muscolare nell’utero sono risultate compromesse, meno sensibili all’ossitocina e hanno ridotto i numeri dei mitocondri, il che suggerisce che i muscoli dell’utero sono meno capaci di contrarsi correttamente . Inoltre, i ricercatori hanno trovato cambiamenti nella segnalazione del progesterone, che ha innescato un ritardo nel travaglio.

“La nostra ricerca evidenzia che ci sono importanti cambiamenti fisiologici e cellulari associati all’età di una madre che si traducono in disfunzione del travaglio”, ha spiegato la dott.ssa Rachel M. Tribe, a capo dell’investigatrice dello studio al King’s College di Londra. “I tempi di consegna e l’avanzamento del lavoro sono direttamente correlati all’età materna e questo può causare complicazioni durante la nascita”.

Età avanzata non responsabile per basso peso alla nascita, nascita pretermine

I bambini che hanno un basso peso alla nascita hanno spesso più problemi respiratori, cognitivi e neurologici, mentre i bambini pretermine hanno maggiori probabilità di avere difetti cardiaci, danni cerebrali, disturbi polmonari e sviluppo ritardato.

bambino in unità neonatale

Alcuni studi hanno indicato che esiste un rischio elevato di basso peso alla nascita (meno di 2,5 kg) e parto pretermine (prima delle 37 settimane di gravidanza) per le donne di 35 anni o più. Tuttavia, uno studio recente – condotto da Mikko Myrskylä, direttore dell’Istituto Max Planck per la ricerca demografica, e Alice Goisis, della London School of Economics nel Regno Unito – suggerisce che l’età di una madre non è la ragione.

La ricerca, pubblicata nel, ha rilevato che le ragioni sono più probabilità di essere associate a circostanze o comportamenti individuali che sono più comuni negli anziani.

I potenziali candidati per questi fattori potrebbero essere problemi di fertilità, che sono collegati a esiti di nascita poveri, stress materno e comportamenti non salutari.

“I nostri risultati suggeriscono che le donne non dovrebbero preoccuparsi della loro età di per sé quando pensano di avere un figlio”, ha detto Myrskylä. “Sembra che le circostanze di vita individuali e le scelte comportamentali siano più importanti dell’età”.

Le persone che decidono se posticipare la genitorialità dovrebbero prendere in considerazione la diminuzione della fertilità e l’aumento del rischio di aborto spontaneo e complicazioni alla nascita. I nati morti sono relativamente rari, ma il rischio rimane più alto per le donne anziane rispetto alle loro controparti più giovani e aumenta nelle ultime settimane di gravidanza.

Ci sono, naturalmente, molti punti in più per rimandare la maternità a 35 anni. Ai bambini delle madri più anziane sono state riscontrate minori difficoltà comportamentali, sociali ed emotive.

Secondo un altro studio condotto da Myrskylä e dal suo collega Kieron Barclay, alla London School of Economics, essere nato in seguito è anche associato ad essere più sano, più alto e ottenere più istruzione.

“I benefici associati alla nascita in un secondo anno superano i fattori di rischio individuali derivanti dalla nascita di una madre anziana.Abbiamo bisogno di sviluppare una prospettiva diversa sull’età materna avanzata.I genitori in attesa sono in genere ben consapevoli dei rischi associati alla gravidanza in ritardo , ma sono meno consapevoli degli effetti positivi. “

Mikko Myrskylä

Nonostante i rischi, la maggior parte delle donne di età pari o superiore a 35 anni avrà una gravidanza normale con poche complicazioni alla nascita e continuerà a fornire un bambino sano.

Like this post? Please share to your friends: