Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Grub è su! In che modo gli insetti mangiati potrebbero beneficiare della salute

Sentirsi affamato? Che ne dici di alcune cavallette piccanti con un lato di vermi bufali? Il pensiero di consumare un pasto simile potrebbe trasformare lo stomaco, ma la pratica di mangiare insetti è comune in molte aree del globo, in gran parte a causa dei suoi benefici nutrizionali.

[Una donna che mangia un insetto]

Secondo un rapporto del 2013 dell’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) delle Nazioni Unite (ONU), circa 2 miliardi di persone in tutto il mondo mangiano insetti come parte di una dieta tradizionale – una pratica nota come entomofagia.

I coleotteri sono gli insetti più comunemente consumati, seguiti da bruchi, api, vespe, formiche, cavallette, locuste e grilli. Complessivamente, oltre 1.900 specie di insetti sono considerate commestibili.

L’entomofagia è una pratica comune in molte parti del mondo, tra cui Cina, Africa, Asia, Australia, Nuova Zelanda e alcune regioni in via di sviluppo dell’America centrale e meridionale.

Nel mondo occidentale, tuttavia, sembra che gli insetti non riescano a solleticare le papille gustative; uno studio pubblicato lo scorso anno ha scoperto che il 72 per cento degli americani non è disposto a prendere in considerazione la possibilità di mangiare insetti.

Secondo il rapporto della FAO, nella maggior parte dei paesi occidentali, “la gente vede l’entomofagia con disgusto e associa gli insetti al comportamento primitivo”.

Se rientri in questa categoria, continua a leggere; conoscere i possibili benefici per la salute del consumo di insetti potrebbe solo cambiare idea.

Mangiare insetti potrebbe combattere l’obesità

Gli insetti sono considerati altamente nutrizionali; la maggior parte di loro è ricca di proteine, grassi sani, ferro e calcio e povera di carboidrati.

In effetti, gli autori del rapporto della FAO affermano che gli insetti sono altrettanto – se non di più – nutrienti delle carni comunemente consumate, come la carne di manzo.

Ad esempio, 100 grammi di cricket contengono circa 121 calorie, 12,9 grammi di proteine, 5,5 grammi di grassi e 5,1 grammi di carboidrati. Mentre 100 grammi di carne macinata contengono più proteine ​​- circa 23,5 grammi – sono anche molto più alti di grassi, contenenti circa 21,2 grammi.

Il basso contenuto di grassi degli insetti ha portato alcuni ricercatori – come quelli coinvolti nel rapporto della FAO – a suggerire che l’entomofagia potrebbe essere un modo efficace per combattere l’obesità e le sue malattie correlate.

Nel 2014, è stato riferito su un uomo degli Stati Uniti che si è spostato da una tipica dieta occidentale a uno pieno di insetti dopo aver scambiato una ciotola di croccanti cricket per noccioline – e sostiene che l’aggiunta di insetti lo ha aiutato a perdere peso.

Parlando dei potenziali benefici di mangiare insetti, il 29enne Jason Brink ha dichiarato:

“Abbiamo la capacità di trasformare le nostre diete dal flusso costante di cibo spazzatura, a cui così tanti sono abituati, a un’avventura culinaria globale completamente diversa e decisamente più ampia.

Sta a noi prendere decisioni sul futuro dei nostri girovita e sul nostro pianeta, e l’opzione migliore potrebbe essere un po ‘più inquietante di quanto inizialmente sospettassimo. “

Combattere la malnutrizione con il consumo di insetti

I benefici dell’entomofagia non si fermano alla perdita di peso; le Nazioni Unite dicono che mangiare insetti potrebbe aiutare a combattere la malnutrizione, che è diffusa nei paesi in via di sviluppo.

Secondo l’UNICEF, in tutto il mondo quasi la metà dei decessi tra i bambini di età inferiore ai 5 anni sono il risultato della malnutrizione, con la maggior parte di questi decessi verificatisi in Asia e in Africa.

Una mancanza di nutrizione, dovuta al fatto di non averne abbastanza da mangiare o dall’incapacità di digerire il cibo che viene mangiato, può aumentare il rischio di malattie potenzialmente letali. Inoltre, la malnutrizione nei primi 1.000 giorni di vita può portare a una crescita rachitica, che può compromettere la funzione cognitiva.

Oltre ad essere un’ottima fonte di grassi e proteine ​​sane, gli insetti sono ovunque, il che significa che sono una fonte di cibo molto accessibile ed economica, un fatto che potrebbe davvero avvantaggiare i paesi a basso e medio reddito in cui la malnutrizione è comune.

La FAO spiega:

“Proteine ​​e altre carenze nutrizionali sono tipicamente più diffuse in segmenti sociali svantaggiati e in periodi di conflitto sociale e disastri naturali.

A causa della loro composizione nutrizionale, accessibilità, tecniche di allevamento semplici e tassi di crescita rapidi, gli insetti possono offrire un’opportunità economica ed efficiente per contrastare l’insicurezza alimentare fornendo cibo d’emergenza e migliorando i mezzi di sostentamento e la qualità delle diete tradizionali tra le persone vulnerabili. “

L’entomofagia potrebbe soddisfare le esigenze alimentari di una popolazione in crescita

La FAO afferma che l’entomofagia potrebbe anche offrire una soluzione alla carenza di cibo che dovrebbe verificarsi con la crescente popolazione.

Secondo la Banca Mondiale, la popolazione mondiale dovrebbe aumentare a 9 miliardi entro il 2050, il che significa che dobbiamo produrre circa il 50% in più di cibo per nutrire altri 2 miliardi di persone.

Considerato che i cambiamenti climatici dovrebbero ridurre i raccolti di oltre il 25%, è urgente individuare modalità alternative per soddisfare il fabbisogno di cibo aggiuntivo.

La FAO afferma che i suoi attuali programmi per la sostenibilità alimentare considerano l’entomofagia come un’opzione praticabile.

“L’obiettivo di fondo è migliorare la sicurezza alimentare e nutrizionale e fornire raccomandazioni alimentari più ecologiche ai consumatori e ai responsabili politici, compreso chiarire cosa si intende per un sistema alimentare ecosostenibile”, osservano.

“Gli insetti commestibili in quanto cibo si inseriscono comodamente in questo scenario ecologicamente corretto e, per estensione, dovrebbero essere considerati i primi candidati sia come alimenti base che integratori, oltre che in generale per il loro ruolo nelle diete sostenibili”.

Potresti già mangiare insetti – semplicemente non lo sai

Se non ti viene ancora venduto l’idea di introdurre insetti nella tua dieta, probabilmente non accolgerai la prossima informazione a braccia aperte: potresti già mangiarli.

Il Manuale sui livelli di difetti della Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti mostra che quando si tratta di prodotti alimentari, non c’è niente di sbagliato in un po ‘di bug.

L’organizzazione afferma che è accettabile che 100 grammi di cioccolato contengano fino a 60 “frammenti di insetti” in sei campioni da 100 grammi, mentre il burro di arachidi può contenere fino a 30 frammenti di insetti per 100 grammi.

Tale indennità mostra che, nella maggior parte dei casi, il consumo di insetti non è dannoso per la salute.

In realtà, i ricercatori affermano che è meno dannoso rispetto al consumo di carne; gli insetti presentano un rischio molto inferiore di infettare gli esseri umani con malattie zoonotiche rispetto al bestiame, anche se è consigliabile che gli insetti siano cotti prima del consumo per distruggere eventuali agenti patogeni potenzialmente dannosi che possono trasportare.

“L’accettazione o il rifiuto dell’entomofagia è una questione di cultura”

Tuttavia, anche dopo aver sentito parlare dei possibili benefici dell’entomofagia, perché le persone nel mondo occidentale sono così riluttanti a mangiare insetti?

Per molti di noi, solo il pensiero di mettere in bocca una croccante cavalletta e masticarla induce una sensazione di disgusto, che la FAO dice proviene dal proprio background culturale.

“I sentimenti di disgusto sono per lo più innescati da domande del tipo:” Che cos’è? ” o “Dove è stato?” A parte le emozioni umane di base, le origini del disgusto sono radicate nella cultura (ad esempio “il gusto è cultura”), che ha indubbiamente un effetto maggiore sulle abitudini alimentari “, spiegano.

“La cultura, sotto l’influenza di ambiente, storia, struttura della comunità, sforzo umano, mobilità e sistemi politico-economici, definisce le regole su ciò che è commestibile e ciò che non lo è.In breve, l’accettazione o il rifiuto dell’entomofagia è una questione di cultura”.

Ma riusciremo mai a superare questa battaglia culturale e ad abbracciare l’idea di mangiare gli insetti? Sembra che ci stiamo arrivando.

Ci sono un certo numero di stabilimenti alimentari negli Stati Uniti che vendono piatti contenenti insetti, come il Don Bugito, che serve vermi piccanti e grilli chilo-lime.

E nell’ottobre dell’anno scorso, il Regno Unito ha dato il benvenuto al suo primo ristorante di insetti – Grub Kitchen – che serve delizie come il cricket chipotle affumicato e il formaggio di capra nera di formiche e olive.

Con la sua crescente popolarità, è possibile che l’entomofagia possa un giorno diventare una parte così accettata della cultura occidentale che sarà la norma prendere un panino al cricket dal carrello del cibo all’ora di pranzo.

Nel frattempo, sembra che la maggior parte di noi rimarrà attaccata ai cibi che conosciamo meglio: basta fare attenzione alla zampa d’insetto nel cioccolato.

Like this post? Please share to your friends: