Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Ha la pressione alta? Potresti, in base alle nuove linee guida

Quasi la metà degli adulti negli Stati Uniti potrebbe ora essere classificata come ipertensione, dopo che le nuove linee guida dell’American Heart Association e dell’American College of Cardiology hanno ridefinito la condizione.

un medico che misura la pressione sanguigna di un paziente

La pressione sanguigna è la forza con cui il sangue spinge contro le pareti delle arterie. L’ipertensione, o ipertensione, è quando questa forza diventa troppo alta.

La pressione sanguigna viene misurata in millimetri di mercurio e ci sono due numeri usati per valutare la pressione sanguigna: sistolica e diastolica.

La pressione sanguigna sistolica (il numero più alto) è la pressione sanguigna quando il cuore batte, mentre la pressione diastolica (il numero inferiore) è la pressione sanguigna tra i battiti del cuore, quando il cuore è a riposo.

Precedenti linee guida – stabilite nel 2003 – definivano l’ipertensione come una pressione sanguigna di 140/90 millimetri di mercurio o superiore.

Avere una pressione sanguigna compresa tra 120/80 millimetri di mercurio e 139/89 millimetri di mercurio è stata classificata come preipertensione, per cui i livelli di pressione arteriosa sono più alti del normale, ma non sono abbastanza alti da essere considerati ipertesi.

Ora, le nuove linee guida dell’American Heart Association (AHA) e dell’American Academy of Cardiology Task Force hanno rivisto la definizione di ipertensione, il che significa che milioni di adulti saranno considerati ad alto rischio di infarto, malattie cardiache, ictus e altri problemi cardiovascolari i problemi.

Le linee guida sono state sviluppate da un gruppo di 21 scienziati e specialisti della salute – tra cui il dott. Paul K. Whelton, un rappresentante dell’AHA – e hanno lavorato 3 anni.

Il Dr. Whelton e co-autori hanno presentato le nuove linee guida all’AHA’s Scientific Sessions 2017, tenutosi ad Anaheim, in California.

Le linee guida sono state pubblicate anche sulla rivista e sul.

Ipertensione: qual è la definizione rivista?

Il dott. Whelton e colleghi hanno analizzato oltre 900 studi pubblicati prima di raggiungere la loro nuova definizione di ipertensione.

L’ipertensione è ora classificata come con una pressione del sangue di 130/80 millimetri di mercurio o superiore, mentre la normale pressione sanguigna è classificata come una pressione sanguigna di 120/80 millimetri di mercurio.

Il termine “preipertensione” è anche una cosa del passato; Le persone con una pressione sanguigna sistolica compresa tra 120-129 millimetri di mercurio e una pressione arteriosa diastolica inferiore a 80 millimetri di mercurio sono ora considerate come aventi “pressione sanguigna elevata”.

Secondo le nuove linee guida, gli individui nella fase 1 di alta pressione sanguigna (o che hanno una pressione sistolica tra 130-139 millimetri di mercurio o una pressione diastolica tra 80-89 millimetri di mercurio) dovrebbero avere una valutazione del rischio a 10 anni per il cuore malattia e ictus.

Se il loro rischio di queste condizioni è inferiore al 10%, allora dovrebbero impegnarsi in cambiamenti nello stile di vita e essere rivalutati in 3-6 mesi. Se il loro rischio supera il 10 percento, si raccomandano cambiamenti dello stile di vita, farmaci e valutazioni mensili di follow-up fino a quando la pressione sanguigna non è sotto controllo.

Le persone nella fase 2 di alta pressione sanguigna (140/90 millimetri di mercurio o superiore) dovrebbero adottare cambiamenti nello stile di vita, essere trattati con almeno due farmaci e ricevere follow-up mensili fino a quando la pressione sanguigna non viene controllata, lo stato delle linee guida.

Una pressione sanguigna superiore a 180/120 millimetri di mercurio è classificata come “crisi ipertensiva”. Questo garantisce rapidi cambiamenti ai farmaci, secondo le linee guida, o il ricovero immediato se viene identificato un danno d’organo.

Gli individui con pressione sanguigna normale dovrebbero fare scelte di vita sane e fare controllare la pressione sanguigna ogni anno, mentre quelli con un livello elevato di sangue dovrebbero apportare cambiamenti salutari allo stile di vita e valutare la loro pressione sanguigna ogni 3-6 mesi.

Quasi la metà degli adulti ora ipertesi

In precedenza, è stato stimato che circa 1 su 3 adulti negli Stati Uniti aveva la pressione alta.

Secondo le nuove linee guida, l’ipertensione colpisce ora il 46% della popolazione americana adulta, il che si traduce in un aumento nell’uso di farmaci che abbassano la pressione sanguigna.

Secondo l’AHA, le linee guida riviste mirano ad aumentare la consapevolezza dei rischi associati all’ipertensione e a combattere la condizione prima che porti a problemi di salute più grandi.

Il Dr. Whelton – l’autore principale delle nuove linee guida – osserva che le persone con pressione arteriosa elevata e ipertensione di stadio 1 sono ad alto rischio di complicanze cardiovascolari e le nuove linee guida dovrebbero aiutare a evidenziare tale rischio e incoraggiare le persone a fare cambiamenti.

“Hai già raddoppiato il rischio di complicanze cardiovascolari rispetto a quelli con un normale livello di pressione sanguigna”, aggiunge.

“Vogliamo essere onesti con le persone – se hai già il rischio di raddoppiare, devi saperlo. Non significa che tu abbia bisogno di farmaci, ma è una luce gialla che devi abbassare la pressione sanguigna, principalmente con approcci non farmacologici. “

Dr. Paul K. Whelton

Mentre le nuove linee guida classificheranno più individui statunitensi come ipertesi, l’AHA ritiene che questa non sia una cosa negativa.

“Sì, etichetteremo più persone ipertese e daremo più farmaci, ma salveremo vite e denaro prevenendo più ictus, eventi cardiovascolari e insufficienza renale”, osserva il coautore della linea guida Dr. Kenneth Jamerson, specialista in ipertensione presso l’Università del sistema sanitario del Michigan ad Ann Arbor.

“Se hai intenzione di mettere soldi nel sistema sanitario”, aggiunge il Dr. Jamerson, “è a vantaggio di tutti se trattiamo e preveniamo da questo lato, nel trattamento precoce”.

Like this post? Please share to your friends: