Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Hai bisogno di dormire di più della maggior parte delle persone? Dai la colpa ai tuoi geni

Alcune persone hanno bisogno di dormire più di altre e un nuovo studio ha scoperto che il nostro fabbisogno personale di sonno può essere attribuito ai nostri geni. Quindi, dopo tutto non sei pigro, è colpa del tuo DNA.

Uomo addormentato con sveglia

Alcune persone possono funzionare perfettamente solo con poche ore di sonno, mentre altre hanno bisogno di 10 ore o più ogni giorno per rimanere abbacchiate. Famoso, Donald Trump afferma che ha solo bisogno di 3-4 ore a letto ogni notte.

Questa non è una novità, ovviamente; queste differenze sono ben documentate. Tuttavia, fino a poco tempo fa, si sapeva molto poco sul perché esista tale variazione.

Uno studio recente ha cercato di comprendere il motivo per cui alcune persone sembrano essere in grado di bruciare la candela ad entrambe le estremità mentre altri devono passare metà della loro vita sotto le lenzuola.

In ogni caso, a cosa serve dormire?

Nel complesso, il sonno è ancora una bestia relativamente misteriosa. Nonostante trascorriamo circa un terzo delle nostre vite in letargo, i suoi ruoli esatti continuano a essere disattesi.

Sappiamo che è coinvolto nel consolidamento della memoria e probabilmente dà alle cellule e ai tessuti la possibilità di riposare, rigenerarsi e liberare l’accumulo metabolico del giorno.

Anche la mancanza di sonno sembra compromettere il sistema immunitario, quindi potrebbe essere coinvolto anche lì. Tuttavia, non conosciamo davvero tutti i dettagli del sonno.

Quando consideri che, quando in natura, gli animali devono rimanere incoscienti nell’oscurità, circondati da potenziali predatori, ti rendi conto di quanto sia importante il sonno. Ma c’è una contro-discussione che stare tranquilli e tranquilli potrebbe essere un modo migliore per evitare di diventare lo spuntino di qualcun altro che muoversi per tutta la notte.

Ad ogni modo, il fatto che tanta parte della nostra vita sia dedicata al sonno significa che deve essere davvero dannatamente importante.

L’ultima ricerca per scrutare l’enigma del sonno viene dal National Heart, Lung and Blood Institute (NHLBI). Le loro scoperte sono pubblicate questa settimana sul giornale.

Mosche assonnate

In questo studio, il team ha voluto prendere in considerazione i meccanismi che sono alla base del motivo per cui alcune persone hanno bisogno di dormire più di altre. Gli scienziati speravano che le scoperte potessero offrire alcuni indizi su due condizioni ai due estremi della scala: l’insonnia, o l’incapacità di dormire a sufficienza, e la narcolessia, che è una condizione caratterizzata da intrusivi “attacchi del sonno”.

Gli scienziati sanno che i ritmi circadiani, o cicli giornalieri di sonno e veglia, sono coinvolti nei nostri schemi individuali di sonno. Questi cicli sono sotto controllo genetico, quindi sembra ragionevole che anche i geni abbiano un ruolo nella durata del sonno.

Lo studio attuale mirava a individuare i geni elusivi che potrebbero avere una mano in questa variazione. I ricercatori – guidati da Susan Harbison, Ph.D., ricercatrice presso il Laboratory of Systems Genetics di NHLBI – hanno utilizzato un modello di moscerino della frutta. Sì, può sembrare bizzarro, ma i moscerini della frutta hanno la loro versione del sonno.

In effetti, tutti gli animali che sono stati studiati fino ad oggi sperimentano qualcosa almeno un po ‘come il sonno, che è un’ulteriore prova dell’importanza del sonno.

Hanno selezionato selettivamente 13 generazioni di moscerini della frutta per produrre sia dormiglioni (18 ore al giorno) che dormienti (3 ore al giorno), il Donald Trumps of the fly. E così, senza aggiungere, sottrarre o interferire con il codice genetico della mosca, erano in grado di produrre ceppi con abitudini di sonno molto diverse.

“Ciò che è particolarmente interessante di questo studio è che abbiamo creato mosche a pelo lungo e corto che usano il materiale genetico presente in natura, al contrario delle mutazioni ingegnerizzate o delle mosche transgeniche che molti ricercatori in questo campo stanno usando”.

Susan Harbison, Ph.D.

“Fino ad ora”, aggiunge, “se il sonno di una durata così lunga o breve potesse esistere in popolazioni naturali era sconosciuto”.

Hanno poi confrontato i genomi dei due ceppi, alla ricerca di geni che variavano tra loro.

Sono state scoperte 126 differenze su 80 geni. Questi geni sono stati coinvolti in una vasta gamma di percorsi vitali di sviluppo e di segnalazione cellulare, e alcuni sono noti per essere coinvolti nello sviluppo del cervello, nella memoria e nell’apprendimento.

Secondo gli autori dello studio, il fatto che siano coinvolti molti geni “suggerisce che la durata del sonno nelle popolazioni naturali può essere influenzata da un’ampia varietà di processi biologici, il che potrebbe essere il motivo per cui lo scopo del sonno è stato così elusivo”.

La buona notizia è che né il lungo né il dormiente hanno visto una riduzione della durata della vita, il che è particolarmente buono da sapere.

Anche se questa è solo una piccola parte di un puzzle molto grande, è una parte particolarmente interessante. Ulteriori ricerche che utilizzano popolazioni umane possono offrire maggiori informazioni sullo strano fenomeno che chiamiamo sonno.

Like this post? Please share to your friends: