Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Herceptin per il carcinoma mammario HER2-positivo migliora la sopravvivenza a lungo termine

Uno studio che ha analizzato la sicurezza e l’efficacia a lungo termine ditrastuzumab – più comunemente noto come Herceptin – ha trovato che migliora significativamente la sopravvivenza a lungo termine dei pazienti con carcinoma mammario HER-2 positivo con la chemioterapia.

indossare rosa per il cancro al seno

Lo studio, pubblicato nel, ha analizzato i dati di due studi indipendenti progettati per esaminare la sopravvivenza globale di pazienti con carcinoma mammario HER2-positivo in stadio iniziale che hanno ricevuto terapia con e senza Herceptin.

Gli autori osservano che sono stati arruolati oltre 4.000 pazienti con cancro operabile del cancro HER2-positivo e sono stati somministrati “doxorubicina e ciclofosfamide seguiti da paclitaxel con o senza trastuzumab in entrambi gli studi”.

Il coautore dello studio Charles E. Geyer Jr., ricercatore medico presso il Massey Cancer Center della VirginiaCommonwealth University (VCU) a Richmond e professore nella divisione di Ematologia, oncologia e cure palliative presso la VCU Schoolof Medicine, afferma:

“Abbiamo scoperto che quando Herceptin viene usato in combinazione con la terapia medica, la sopravvivenza di un paziente è significativamente migliorata”.

“Ci sono effetti collaterali minimi a lungo termine e la probabilità che si verifichi il cancro è notevolmente ridotta”, aggiunge.

I due studi che lo studio segue sono gli stessi i cui primi risultati hanno portato la Food and Drug Administration (FDA) nel 2006 ad approvare l’Hceptceptin come trattamento adiuvante per i tumori al seno HER2-positivi.

La sopravvivenza a 10 anni è migliorata dal 75% all’84% con Herceptin

La nuova analisi, che ha esaminato i tassi di sopravvivenza globale fino a 10 anni dopo il trattamento, ha riguardato specificamente se i pazienti hanno sperimentato o meno il cancro e se alcuni effetti collaterali cardiaci sono stati dannosi per negare i benefici del trattamento.

I risultati mostrano che la sopravvivenza a 10 anni per i pazienti con carcinoma mammario HER2-positivo che hanno ricevuto la chemioterapia senza Herceptin era del 75%, mentre la quarta che aveva anche Herceptin era dell’84%.

I risultati mostrano anche un miglioramento nella sopravvivenza libera da malattia. Nei pazienti trattati con chemioterapia senza trattamento con Herceptin, il tasso di sopravvivenza libera da malattia a 10 anni era del 62%, rispetto al 74% di coloro che avevano anche Herceptin.

Per quanto riguarda gli effetti collaterali cardiaci – un rischio noto per i pazienti trattati con Herceptin – l’incidenza è risultata pari a circa il 3% e la maggior parte dei pazienti colpiti ha recuperato dagli effetti iniziali.

Herceptin viene utilizzato principalmente a fianco della chemioterapia per trattare i pazienti affetti da cancro al seno il cui tumore è HER2-positivo. Questo tipo di cancro al seno è spesso più aggressivo rispetto ad altri tipi.

Fino al 20% dei tumori al seno sono dovuti a HER2

HER2 – o recettore del fattore di crescita epidermico umano 2 – si riferisce al gene HER2 e alle sue proteine ​​associate. La proteina aiuta a controllare la crescita delle cellule sane. Ma se il gene HER2 è amplificato, o la proteina è sovraespressa, le cellule possono crescere in modo incontrollabile e portare al cancro.

Fino al 20% dei carcinomi mammari invasivi sono il risultato della geneamplificazione di HER2 o della sovraespressione della proteina HER2.

Le due prove dietro lo studio sono state supportate dal National Cancer Institute. I fondi per lo studio di follow-up a lungo termine sono stati forniti da NationalInstitutes of Health, dalla Breast Cancer Research Foundation, da Genentech (gli sviluppatori di Herceptin) e dal Cancer and Leukemia Group B.

A luglio 2014, è stato riportato come i ricercatori hanno scoperto un nuovo obiettivo per il trattamento di un breastcancer particolarmente aggressivo. La molecola in questione – nota come αvβ6 – potrebbe anche identificare pazienti con carcinoma mammario HER2-positivo che presentano un rischio più elevato di sviluppare tumori secondari.

Like this post? Please share to your friends: