Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Herpes zoster herpes zoster legato ad alto rischio di ictus

L’herpes zoster, l’eritema nervoso nell’età adulta causato dalla riattivazione del virus della varicella, è un fattore di rischio indipendente per ictus e altri eventi di coaguli di sangue, il più grande studio per confermare l’associazione ha rilevato.

Pubblicando le loro scoperte sul giornale dell’American Academy of Neurology, i ricercatori hanno scoperto che l’herpes zoster era un fattore di rischio per ictus e attacco ischemico transitorio (TIA, un mini-ictus).

L’aumento del rischio era indipendente da altri fattori noti per aumentare le probabilità di eventi vascolari, tra cui obesità, fumo e colesterolo alto.

La dimensione dell’aumento del rischio era di tre quarti per alcuni, dicono i ricercatori.

Le persone sotto i 40 anni che avevano avuto l’herpes zoster avevano il 74% di probabilità in più di avere un ictus rispetto a quelle che non avevano subito l’eruzione cutanea.

L’herpes zoster, chiamato anche herpes zoster, è causato dallo stesso virus varicella-zoster che porta alla varicella. L’infezione giace dormiente nelle radici nervose, ma nei casi di fuoco di Sant’Antonio, che si verifica in età adulta, viene riattivato nella pelle, causando un’eruzione cutanea e il dolore neuropatico noto come nevralgia post-erpetica.

Le persone di età inferiore ai 40 anni “avevano meno probabilità di essere interrogate sui fattori di rischio vascolare rispetto ai pazienti più anziani” nello studio, che esaminava anche il rischio di attacco cardiaco.

L’autrice dello studio, la dott.ssa Judith Breuer, dello University College di Londra, nel Regno Unito, richiede il monitoraggio dell’ictus nelle persone che hanno l’herpes zoster, soprattutto se in giovane età. Lei dice:

“Chiunque abbia l’herpes zoster, e specialmente i più giovani, dovrebbe essere sottoposto a screening per i fattori di rischio di ictus.

Il vaccino del fuoco di Sant’Antonio ha dimostrato di ridurre il numero di casi di fuoco di Sant’Antonio di circa il 50%. Sono necessari studi per determinare se la vaccinazione può anche ridurre l’incidenza di ictus e infarto “.

Gli autori dello studio affermano che l’associazione tra fuoco di Sant’Antonio e ictus può persistere anche nelle persone oltre i 40 anni – è solo che un tale effetto potrebbe essere nascosto dai maggiori interventi in generale che prevengono l’ictus nei gruppi più anziani.

Domande su immunizzazione più ampia contro il fuoco di Sant’Antonio

Le attuali raccomandazioni dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) sono che chiunque abbia almeno 60 anni di età riceva il vaccino contro l’herpes zoster.

“Il ruolo della vaccinazione nelle persone più giovani con fattori di rischio vascolare deve essere determinato”, afferma il Dr. Breuer, pur riconoscendo che più variabili influenzano le possibilità di eventi vascolari, come ictus, TIA e infarto:

“Ciò che è anche chiaro è che i fattori che aumentano il rischio di ictus aumentano anche il rischio di fuoco di Sant’Antonio, quindi non sappiamo se la vaccinazione delle persone possa ridurre il rischio di ictus di per sé.”

Perché il virus dell’herpes zoster è associato all’ictus?

Come sfondo dello studio, gli autori descrivono ricerche precedenti che dimostrano che il virus della varicella-zoster che interessa il ramo visivo del nervo facciale (o ramo oftalmico del nervo trigemino) si è diffuso alle arterie cerebrali in pazienti di herpes zoster che hanno avuto un ictus .

Reperti patologici simili relativi al virus di herpes zoster e al danno dell’arteria rivelato all’autopsia sono stati trovati quando l’infezione è più ampia dei siti oftalmici, e anche in caso di assenza di eruzione cutanea, aggiungono gli autori.

I ricercatori hanno stabilito il loro studio per confermare un collegamento utilizzando i dati di un gran numero di persone.

Analisi di quasi 320.000 cartelle cliniche

I dati dello studio sono stati estratti da pazienti che avevano regolarmente seguito 464 pratiche generali nel Regno Unito tra il 2002 e il 2010.

Circa 107.000 casi di herpes zoster sono stati trovati tra 3,6 milioni di pazienti attivi e i dati raccolti sono stati di 23,7 anni, con un intervallo medio di 6,3 anni.

Questi casi sono stati abbinati a controlli che non avevano l’herpes zoster – oltre 213.000 pazienti dello stesso mix di età, sesso e pratica del GP.

Concludendo il documento, gli autori scrivono:

“Nel complesso, questi dati si aggiungono al crescente corpo di prove che collega il virus della varicella-zoster, un agente patogeno ubiquitario che stabilisce un’infezione persistente in oltre il 95% degli individui, alle malattie vascolari”.

Like this post? Please share to your friends: