Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Hiroshima e Nagasaki: gli effetti a lungo termine sono stati esagerati?

Un articolo pubblicato questa settimana analizza i dati dello studio in corso sui sopravvissuti di Nagasaki e Hiroshima. L’autore sostiene che gli effetti a lungo termine sulla salute della bomba atomica non sono così gravi come molti credono che siano e chiede perché la percezione pubblica non corrisponde ai fatti.

[Uomo in tuta anti rischio biologico]

Nell’agosto del 1945, durante gli ultimi spasimi della seconda guerra mondiale, l’America, appoggiata dagli Alleati, sganciò due bombe atomiche in Giappone.

Gli effetti immediati degli attacchi sono stati devastanti.

Il primo a essere sganciato era un’arma a base di uranio soprannominata Little Boy; ha colpito la città di Hiroshima, uccidendo 90.000-146.000 persone nei primi giorni.

Tre giorni dopo, una bomba a base di plutonio, chiamata Fat Man, fu lanciata su Nagasaki. Nei primi giorni dell’esplosione, circa 39.000-80.000 persone erano morte.

La maggior parte delle morti immediate erano dovute all’esplosione stessa, all’avvelenamento acuto da radiazioni e alla conseguente tempesta di fuoco.

Le gigantesche detonazioni di Hiroshima e Nagasaki furono la prima e unica volta in cui le armi nucleari furono utilizzate durante la guerra.

Documentare il fallout

Questi eventi, unici nella loro distruzione e orrore, hanno scatenato un’indagine scientifica approfondita sugli effetti a lungo termine della sopravvivenza di tali armi. Dal 1947 in poi, il governo giapponese si proponeva di misurare e comprendere le implicazioni sanitarie in corso della guerra nucleare.

Un gruppo, chiamato Radiation Effects Research Foundation (RERF), raccoglie queste informazioni; sono finanziati dai governi giapponese e americano. La RERF ha seguito circa 100.000 sopravvissuti, 77.000 dei loro discendenti e, come controllo, 20.000 persone che non erano esposte alle radiazioni.

I dati forniti da questi studi sono stati inestimabili nel quantificare i rischi di avvelenamento da radiazioni. Poiché ogni sopravvissuto sapeva dove si trovavano quando si è verificata la detonazione, è stato possibile misurare con precisione l’esposizione alle radiazioni di ciascuna persona. I risultati della RERF hanno contribuito a stabilire standard di sicurezza per le persone che lavorano nell’industria nucleare e nel pubblico.

Questa settimana sulla rivista, Bertrand Jordan, un genetista molecolare, ha pubblicato i suoi risultati da un’analisi dei dati raccolti dalla RERF. Piuttosto che fornire nuovi dati, ha mirato a “riassumere i risultati degli studi effettuati fino ad oggi, che sono stati pubblicati in oltre 100 articoli”.

Usando più di 60 anni di informazioni, Jordan ha esaminato gli effetti di Hiroshima e Nagasaki sui sopravvissuti e sui loro figli. Trovò una grande discrepanza tra la comprensione generale della gente degli effetti della bomba atomica e la realtà.

Si crede comunemente che i sopravvissuti di Hiroshima e Nagasaki abbiano un alto carico di cancro, una durata della vita significativamente ridotta e bambini con alti tassi di mutazioni e anomalie. Dopo un attento esame dei dati, l’autore ha ritenuto che questa fosse un’ipotesi errata.

Jordan riassume le sue scoperte: “C’è un enorme divario tra quella credenza e ciò che è stato effettivamente trovato dai ricercatori”.

Tassi di cancro di Hiroshima e Nagasaki

I tassi di cancro erano in effetti più alti nelle persone che erano sopravvissute alle bombe, rispetto ai residenti che erano stati fuori città al momento delle esplosioni. Il rischio di cancro è aumentato a seconda della vicinanza al sito, dell’età (i giovani avevano un rischio maggiore nel corso della vita) e del sesso (le donne avevano un rischio maggiore).

Tuttavia, la maggior parte dei sopravvissuti non sviluppò il cancro. Poiché la maggior parte delle persone aveva solo una modesta esposizione alle radiazioni, il rischio complessivo di sviluppare tumori solidi tra il 1958 e il 1998 è aumentato del 10%. Ciò rappresenta 848 casi di cancro aggiuntivi tra 44.635 sopravvissuti.

Ma il quadro era molto peggiore per coloro che ricevevano dosi più alte. Gli individui che hanno ricevuto 1 Grigio sono andati meno bene. Un grigio è un’unità di misura definita come l’assorbimento di un joule di energia di radiazione per chilogrammo di materia, equivalente a 1.000 volte il normale limite di sicurezza per il pubblico. Questi individui hanno avuto un aumento del 42% nel rischio di cancro.

Anche in coloro che hanno ricevuto le più alte dosi di radiazioni, sebbene il rischio di cancro fosse maggiore, la loro durata di vita è stata ridotta di soli 1,3 anni.

Effetti sui figli dei sopravvissuti

La RERF segue anche la salute dei bambini sopravvissuti. Fino ad ora non sono stati trovati effetti o mutazioni negativi sulla salute nella prole. Jordan crede che in futuro, man mano che gli strumenti genetici diventeranno sempre più sottili, si potrebbero vedere sottili differenze nei loro genomi. Ma ciò che è chiaro, è che se ci sono conseguenze negative sulla salute per i figli dei sopravvissuti, sono molto piccoli.

Nel suo articolo, Jordan discute le ragioni dello squilibrio tra la percezione pubblica e i fatti.

“Le persone hanno sempre più paura dei nuovi pericoli di quelli familiari: ad esempio, le persone tendono a ignorare i pericoli del carbone, sia per le persone che lo estraggono, sia per il pubblico esposto all’inquinamento atmosferico.

Le radiazioni sono anche molto più facili da rilevare rispetto a molti rischi chimici. Con un contatore Geiger tenuto in mano, è possibile rilevare sensibilmente piccole quantità di radiazioni che non comportano alcun rischio per la salute “.

Bertrand Jordan

La Giordania fa attenzione a non essere considerato un lobbista pro-nucleare. Questa non è affatto la sua posizione. Ad esempio, dice, “ero solito sostenere l’energia nucleare fino a quando non è accaduto Fukushima”. Si rese conto che anche in un paese tecnologicamente avanzato e ben regolato come il Giappone, i disastri con il potenziale di riversarsi in tutto il mondo erano ancora possibili.

La spinta dell’argomentazione di Jordan è che ogni discussione dovrebbe essere condotta in modo razionale. Dice: “Preferirei che la gente guardasse i dati scientifici, piuttosto che esagerazioni grossolane del pericolo”.

Scopri gli effetti sulla salute a lungo termine di Fukushima.

Like this post? Please share to your friends: