Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

HIV: quali sono i sintomi?

L’HIV è una condizione che attacca gradualmente il sistema immunitario. Attualmente non esiste una cura per l’HIV, ma i farmaci possono controllarla fino al punto in cui non è trasmissibile.

L’HIV può essere considerato uno stato di malattia cronica, come l’ipertensione, per esempio, se una persona assume il farmaco antiretrovirale ogni giorno, come prescritto.

Una volta che una persona è stata diagnosticata con l’HIV, ce l’hanno per tutta la vita.

In passato, l’HIV era abituato a progredire verso l’AIDS nel giro di pochi anni, ma la disponibilità di un trattamento efficace significa che pochissime persone ora sviluppano l’AIDS. Con il trattamento, una persona con HIV può ora vivere quasi come una persona senza la condizione.

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) riferiscono che ci sono stati 39.782 casi di HIV negli Stati Uniti nel 2016, in calo rispetto a 45.400 nel 2008. Dal 2011 al 2015, le nuove diagnosi sono diminuite del 5%.

Cos’è l’HIV?

Un medico con un campione di sangue HIV positivo.

L’HIV attacca le cellule immunitarie del corpo, in particolare i globuli bianchi chiamati cellule CD4, che sono un importante sottogruppo di cellule T.

Le cellule CD4 aiutano il sistema immunitario del corpo a combattere le infezioni.

Se l’HIV non viene trattato, il corpo ha difficoltà a combattere le malattie.

Le persone con HIV hanno una maggiore probabilità di contrarre alcune infezioni e anche tumori legati all’immunodeficienza, e questi rischi aumentano in modo significativo quando qualcuno non sta ricevendo un trattamento.

Trasmissione

L’HIV è classificato come una malattia a trasmissione sessuale (STD), ma può essere trasmesso in altri modi.

Viene trasmesso attraverso il contatto tra alcuni fluidi corporei e membrane mucose o tessuto corporeo danneggiato.

Questi fluidi sono:

  • liquido seminale o preseminale
  • fluido vaginale
  • sangue
  • fluido rettale
  • latte materno

La trasmissione può avvenire come risultato di:

  • sesso vaginale, anale o orale
  • contatto con sangue, liquido seminale, cervicale o vaginale in presenza di virus
  • una madre che trasmette il virus al figlio durante la gravidanza, il travaglio, il parto e l’allattamento
  • condivisione di aghi per l’iniezione di droghe o farmaci
  • puntura accidentale da un ago che ha il virus su di esso, per esempio, come operatore sanitario

Più raramente, può essere trasmesso:

  • durante una trasfusione di sangue, ma questo è raro ora a causa di una maggiore consapevolezza e test rigorosi
  • masticando il cibo che è stato precaprato da una persona con il virus
  • essere gravemente morso da una persona con il virus, dove c’è un trauma significativo e il sangue è presente nella saliva

Questi, tuttavia, sono insoliti.

Non può essere trasmesso attraverso:

  • aria o acqua
  • saliva, sudore, lacrime o baci con la bocca chiusa
  • insetti o animali domestici
  • condivisione di servizi igienici, cibo, bevande, stoviglie o posate

Per acquisire il virus, questi fluidi corporei devono entrare in contatto diretto con una membrana mucosa o tessuto danneggiato. Il retto, la vagina, il pene e la bocca contengono tutte membrane mucose.

Per essere trasmesso da un ago o una siringa, il virus deve essere iniettato direttamente nel flusso sanguigno.

Sintomi

I sintomi dell’HIV possono variare da persona a persona.

Alcune persone sviluppano una malattia simile all’influenza da 2 a 4 settimane dopo la trasmissione del virus.

Altri notano gonfiore dei loro linfonodi, più comunemente sotto le braccia, intorno alla gola o nella zona inguinale. Potrebbe anche esserci un’eruzione cutanea.

Alcune persone non manifestano alcun sintomo da molti anni. L’unico modo per essere sicuri è sottoporsi a un test per l’HIV. Chiunque pensi di avere il virus dovrebbe parlare con un operatore sanitario.

I sintomi dell’HIV variano a seconda del palcoscenico.

Nella fase 1, nella fase acuta, possono esserci sintomi di malattia, come con altri virus. Dopo questo, il virus rimane nel corpo, ma è dormiente. Con il trattamento, la persona potrebbe non manifestare nuovamente i sintomi.

    I sintomi di ogni fase sono i seguenti:

    Fase 1: acuta

    Entro 2-4 settimane, le persone che hanno il virus possono iniziare a provare i sintomi precedentemente menzionati. Questa è spesso la risposta naturale del corpo a un’infezione.

    In questa fase, il virus si sta rapidamente replicando in tutto il corpo. Alti livelli del virus saranno presenti nel sangue e in altri fluidi corporei e il virus è contagioso in questo momento.

    Tuttavia, i sintomi possono essere lievi e possono passare inosservati. Le persone spesso non si rendono conto di avere il virus.

    I sintomi specifici includono:

    • una febbre o un aumento della temperatura corporea
    • un’eruzione del corpo che di solito non prude
    • ulteriori sintomi simil-influenzali come dolori muscolari, grave stanchezza, sudorazione notturna e mal di gola
    • ghiandole gonfie per esempio nella gola, nell’inguine e sotto le ascelle
    • piaghe o ulcere nella bocca o nei genitali
    • nausea, vomito o entrambi
    • ulcere sui genitali o sulla bocca

    In questa fase, i test di rilevazione degli anticorpi dell’HIV possono essere negativi.

    Questo periodo di circa 1 o 2 settimane, quando un test è negativo ma l’HIV è stato trasmesso, viene comunemente indicato come “il periodo finestra”.

    Coloro che hanno l’HIV sviluppano anticorpi contro gli antigeni dell’HIV ovunque da 3 settimane a 3 mesi dopo aver contratto il virus. Anche se testati, gli anticorpi non possono dare un test positivo fino a 6 settimane.

    Fase 2: asintomatica (dormiente)

    Un uomo ha mal di testa

    Questo stadio viene anche chiamato HIV cronico. Il virus è ancora attivo ma si riproduce a livelli inferiori. Potrebbero non esserci sintomi visibili e la persona potrebbe non ammalarsi.

    Le persone che assumono regolarmente farmaci antiretrovirali possono rimanere in questa fase per diversi decenni. Potrebbero non avere mai ulteriori sintomi.

    I farmaci antiretrovirali possono ora ridurre la carica virale fino a quando sono così piccoli da non essere rilevabili.

    Coloro che hanno livelli di HIV non rilevabili nel sangue non trasmetteranno il virus.

    Inosservabile = non trasferibile

    Le persone con HIV che assumono farmaci antiretrovirali come prescritto dal loro fornitore hanno maggiori possibilità di avere livelli più bassi di HIV nel loro corpo.

    Senza trattamento, la persona può trascorrere un decennio o più nella fase dormiente. Per alcune persone, questa fase potrebbe progredire più rapidamente.

    Tuttavia, anche senza sintomi, il virus continua a moltiplicare e distruggere le cellule immunitarie. Alcune persone possono sviluppare infezioni o sintomi lievi, tra cui:

    • febbre e sudorazioni notturne
    • stanchezza
    • ghiandole gonfie sotto l’ascella, l’inguine e il collo
    • perdita di peso
    • diarrea
    • psoriasi grave
    • tordo
    • anomalie della conta ematica come anemia o conta dei globuli bianchi

    Le persone che assumono regolarmente i loro farmaci hanno l’HIV dormiente, ed è improbabile che sviluppino l’AIDS, che è una condizione più pericolosa.

    Tuttavia, secondo il CDC, le complicanze delle malattie correlate all’HIV possono ancora essere pericolose per la vita.

    Cos’è l’AIDS?

    Senza trattamento, l’HIV può portare all’AIDS dopo circa 10 anni, o forse prima. L’AIDS è una sindrome grave. Le complicazioni possono essere fatali.

    A questo punto, c’è un grave danno al sistema immunitario del corpo e possono esserci complicazioni con altri organi come fegato, polmoni, reni o cervello.

    Possono verificarsi numerose malattie e infezioni gravi che la persona non può più combattere perché il suo sistema immunitario è compromesso.

    La probabilità di sviluppare l’AIDS dopo l’HIV dipende da una serie di fattori, tra cui l’uso di farmaci antiretrovital, l’età, i fattori genetici e il ceppo del virus.

    Con il farmaco antiretrovirale una persona può mantenere una bassa carica virale e una normale aspettativa di vita è possibile.

    Segni e sintomi dell’AIDS comprendono:

    • frequenti sudorazioni notturne in ammollo
    • febbre ricorrente
    • diarrea a lungo termine
    • perdita di peso rapida inspiegabile
    • stanchezza inspiegabile persistente
    • eruzioni cutanee
    • ghiandole gonfie sotto l’ascella, il collo e l’inguine
    • cambiamenti neurologici, tra cui perdita di memoria e confusione
    • macchie e piaghe insolite in bocca o sulla pelle

    Senza cure, le persone con AIDS possono aspettarsi di sopravvivere per circa 3 anni.

    Quelli con l’AIDS vedono la loro conta delle cellule CD4-T scendere sotto le 200 cellule per millimetro di sangue. Per riferimento, una persona senza HIV normalmente avrebbe circa da 500 a 1600 cellule per millimetro di sangue. Come nella fase 1, hanno spesso una quantità elevata di virus nel sangue e il virus può essere facilmente trasmesso in questo momento.

    Diagnosi dell’HIV

    Il modo migliore per determinare se una persona ha l’HIV è attraverso un esame del sangue. Gli esami del sangue dell’HIV funzionano rilevando determinate proteine ​​chiamate anticorpi presenti nel sangue. Il corpo produce automaticamente queste proteine ​​in risposta alla presenza dell’HIV. Alcuni esami del sangue rilevano anche proteine ​​prodotte dall’HIV, chiamate antigeni.

    I test della saliva possono anche rilevare la presenza dell’HIV.

    Le persone che hanno condiviso gli aghi o hanno fatto sesso senza preservativo dovrebbero essere sicuri di essere testati.

    Alcune malattie sessualmente trasmissibili possono imitare i sintomi dell’HIV e aumentare le possibilità del corpo di contrarre l’HIV. Le malattie sessualmente trasmissibili che causano piaghe aperte sui genitali come la sifilide, l’herpes o le verruche genitali possono aumentare le probabilità di sviluppare l’HIV.

    Prevenire l’HIV

    Nel 2015, il CDC stima che 1,1 milioni di persone vivessero con l’HIV negli Stati Uniti. Circa 1 su 7, o il 15%, si pensava non sapessero di avere il virus.

    Le persone possono proteggersi dall’HIV imparando a conoscere i pericoli e come evitarli.

    • Utilizzare un preservativo per la protezione da una serie di malattie sessualmente trasmissibili durante l’attività sessuale.
    • Ricorda che se una persona usa correttamente il farmaco e i test dimostrano che la sua carica virale non è rilevabile, il virus non può essere trasmesso.
    • Usa sempre aghi puliti e non condividili mai con gli altri.
    Like this post? Please share to your friends: