Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Humira (adalimumab) e suoi usi

Humira, con il nome generico adalimumab, è un farmaco che viene utilizzato per alleviare il dolore e ridurre l’infiammazione nelle persone con un numero di malattie autoimmuni.

È approvato per il trattamento dell’artrite reumatoide, della psoriasi a placche cronica, della malattia di Crohn, della spondilite anchilosante, dell’artrite psoriasica e dell’artrite idiopatica giovanile poliarticolare.

Le malattie autoimmuni non sono curabili, ma alcuni dei sintomi, come il dolore e l’infiammazione, possono essere controllati con i farmaci.

Humira appartiene a una classe di farmaci chiamati biologici. I biologici sono normalmente derivati ​​da un organismo vivente, come esseri umani, animali, microrganismi o lievito.

La terapia è basata su proteine, solitamente anticorpi. Le proteine ​​sono sviluppate usando la tecnologia del DNA, altrimenti nota come ingegneria genetica.

I pazienti assumono normalmente Humira a casa, utilizzando una siringa precaricata o un dispositivo a penna. Il sistema digestivo umano distruggerebbe l’ingrediente attivo, quindi non può essere assunto per via orale.

Come funziona

[infiammazione articolare]

Una malattia autoimmune è quella in cui il sistema immunitario del corpo rileva e attacca in modo errato una minaccia all’interno del corpo che in realtà non esiste.

Ciò può portare a una serie di problemi e condizioni, tra cui l’artrite reumatoide, l’artrite psoriasica, la spondilite anchilosante, il morbo di Crohn e la psoriasi.

Gli esperti non sono sicuri di quale sia la causa delle malattie autoimmuni, ma il fattore di necrosi tumorale alfa (TNFa) sembra essere un importante contributo all’infiammazione in queste malattie.

TNFa innesca l’infiammazione quando il corpo è minacciato e il sistema immunitario entra in azione per proteggerlo. Tuttavia, troppa TNFa può attaccare i tessuti sani e causare infiammazioni.

Humira si lega a TNFa e blocca il suo effetto infiammatorio. Questo riduce il dolore e l’infiammazione nei pazienti con malattie autoimmuni.

La parola HUMIRA sta per HUman Monoclonal Antibody In Artrite Reumatoide.

usi

Studi clinici hanno dimostrato che Humira è efficace per i pazienti con una serie di malattie autoimmuni ed è stato approvato per queste condizioni.

Spondilite anchilosante attiva

Questa è un’infiammazione cronica della colonna vertebrale e delle articolazioni sacro-iliache. Il paziente avverte dolore e rigidità dentro e intorno alla zona della colonna vertebrale. Alla fine, l’infiammazione cronica può portare alla completa fusione delle vertebre. Questo processo è chiamato anchilosi.

La spondilite anchilosante si verifica talvolta nelle persone con malattia infiammatoria intestinale, come la colite ulcerosa e di Crohn e la psoriasi.

Una revisione basata sull’evidenza pubblicata nel 2007 suggerisce che Humira è efficace nel trattamento della spondilite anchilosante e descrive il suo uso come “economico”.

Psoriasi cronica da placenta da moderata a severa

Circa l’80% dei pazienti con psoriasi presenta questo tipo di psoriasi.

[psoriasi a placche]

Il paziente ha chiazze ben definite di pelle rossa sollevata, di solito sul tronco, sul cuoio capelluto, sui gomiti, sulle ginocchia e sulle unghie, ma i cerotti possono apparire ovunque sulla pelle. La scala si accumula in cima alle placche.

Le persone con psoriasi hanno la pelle molto secca che può prurito, crack e dolori.

A luglio 2016, Decision Resources Group (DRG) ha osservato che Humira e altri farmaci biologici stanno continuando a guadagnare popolarità come trattamento per la psoriasi.

Artrite psoriasica da moderata a severa

Questa condizione porta all’infiammazione delle articolazioni. Colpisce circa 1 ogni 10 persone con psoriasi.

Humira è comunemente usato per trattare l’artrite psoriasica, ma i ricercatori stanno ancora studiando i modi migliori per usarlo.

Uno studio del 2015 suggerisce che gli operatori sanitari dovrebbero adattare la terapia alle esigenze individuali, poiché gli studi dimostrano che quando la concentrazione ematica di Humira è compresa tra 5 e 8 milligrammi, il farmaco è efficace, ma al di fuori di questo intervallo non è vantaggioso.

Morbo di Crohn da moderato a grave

Questa è una condizione cronica che causa l’infiammazione del tratto digestivo. Qualsiasi parte dell’intestino può essere colpita, dalla bocca all’ano. Nella maggior parte dei casi, l’ileo o la parte inferiore dell’intestino tenue è interessato. I sintomi includono il dolore e il loro intestino vuoto frequentemente, con conseguente diarrea.

Gli autori di una recensione pubblicata nel 2013 affermano che “L’avvento delle terapie del fattore di necrosi anti-tumorale (TNF) ha rivoluzionato il trattamento della malattia infiammatoria intestinale”.

Concludono che, tra le persone con malattia di Crohn, Humira è più probabile che sia utile per i pazienti con condizioni moderate. Richiedono ulteriori ricerche sulla sicurezza e sull’efficacia del suo utilizzo per più di un anno.

Artrite idiopatica giovanile da moderata a severa

Questa è un’infiammazione di una o più articolazioni e inizia nell’infanzia. Il dolore è un sintomo importante e spesso migliora durante il giorno.

Nel 2013, Humira era uno dei due farmaci comunemente usati per trattare questa condizione. L’altro era Enbrel, o etanercept.

Artrite reumatoide da moderata a gravemente attiva

L’artrite reumatoide (RA), o malattia reumatoide, è una malattia autoimmune cronica, progressiva e invalidante che causa dolore e infiammazione alle articolazioni, ai tessuti intorno alle articolazioni e ad altri organi.

Uno studio pubblicato nel 2011 osserva che i biologici hanno “trasformato” il trattamento della RA. Commentano che, sebbene costosi, i biologici possono essere più convenienti a lungo termine.

Gli autori annotano:

“Sebbene gli agenti biologici siano più costosi a breve termine rispetto ai farmaci antireumatici convenzionali che modificano la malattia, i costi specifici dei farmaci possono essere compensati da miglioramenti significativi nei sintomi dell’AR, rallentamento della progressione della malattia e miglioramento della funzione fisica e della qualità della vita dei pazienti”.

Idratenite suppurativa da moderata a severa

Hidradenitis suppurativa (HS) è una condizione cronica che porta ad ascessi e cicatrici sulla pelle.Si verifica vicino ai follicoli piliferi intorno alle ghiandole sudoripare e si pensa che colpisca circa l’1% delle persone.

È difficile da gestire, anche se gli antibiotici possono aiutare. Nei casi più gravi, farmaci immunosoppressori come Humira possono aiutare.

Come prenderlo

Humira è un trattamento a lungo termine. I pazienti rispondono a velocità diverse ai suoi effetti analgesici e anti-infiammatori. Secondo i produttori, Abbvie, alcune persone vedono benefici dopo 2 settimane, mentre altri potrebbero aver bisogno di prenderlo per 3 mesi o più per vedere un miglioramento.

È fondamentale che il paziente aderisca al piano di trattamento per ottenere i migliori risultati. Coloro che smettono di prendere i loro farmaci hanno più probabilità di avere di nuovo il sistema immunitario iperattivo.

Come usare la penna o la siringa Humira

Humira viene iniettato nell’addome o nelle cosce, usando una penna o una siringa preriempita. L’iniezione non deve essere somministrata in una pelle che è contusa o tenera, o dove ci sono chiazze di psoriasi.

I pazienti normalmente somministrano Humira da soli. Una penna monouso contiene 40 milligrammi di farmaco, mentre una siringa può contenere 40, 20 o 10 milligrammi.

L’uso di Humira inizia con una dose iniziale, seguita da dosi regolari, normalmente ogni due settimane. Un medico consiglierà al paziente i loro requisiti di dosaggio.

Ci sono istruzioni specifiche per la conservazione e l’uso, e si consiglia ai pazienti di non usare la penna o la siringa Humira senza prima essere mostrati da un medico e senza leggere le istruzioni complete.

Si consiglia ai pazienti di praticare prima con un operatore sanitario, per assicurarsi che non vengano spaventati dal clic quando somministrano la dose.

Effetti collaterali

Humira può avere una serie di effetti avversi.

Poiché Humira è un immunosoppressore, lascerà il corpo più incline alle infezioni. L’uso di bloccanti del TNF è stato anche collegato al cancro, compresi alcuni tipi rari e insoliti di cancro.

Gli effetti collaterali comuni includono, ma non sono limitati a:

  • Rossore, eruzione cutanea, gonfiore, prurito o lividi nel sito di iniezione
  • Infezioni, in particolare infezioni delle vie respiratorie superiori e infezioni del seno
  • Mal di testa e nausea

Alcuni effetti collaterali gravi richiedono cure mediche immediate.

Si possono verificare infezioni gravi a causa delle qualità immunosoppressive di Humira. Questi includono la tubercolosi (TB) e altre infezioni causate da virus, funghi o batteri.

Le infezioni possono svilupparsi in portatori di epatite B. I sintomi includono febbre e brividi, dolori muscolari, affaticamento, urine scure e una sfumatura gialla agli occhi della pelle, perdita di appetito, vomito, feci color argilla, problemi di stomaco ed eruzioni cutanee.

[orticaria]

Alcune persone possono avere una reazione allergica. I sintomi includono senso di costrizione toracica, respiro sibilante e altre difficoltà respiratorie, orticaria, prurito e rash cutaneo, gonfiore della lingua, labbra, viso e altre parti del corpo.

Possono verificarsi problemi del sistema nervoso, che portano a debolezza delle braccia e delle gambe, intorpidimento, formicolio, disturbi visivi e vertigini.

Possono verificarsi problemi di sangue. Una conta piastrinica bassa può causare un’aumentata probabilità di sanguinamento e un basso livello di globuli bianchi rende più difficile combattere le infezioni. Il paziente può avere la febbre che non va via o trova facilmente lividi o sanguinamento.

Le condizioni cardiache possono svilupparsi o peggiorare, portando a mancanza di respiro, improvviso aumento di peso e gonfiore alle mani e ai piedi.

Possono verificarsi reazioni immunitarie. Un esempio è una sindrome simile al lupus, con dolore al torace e mancanza di respiro, dolori articolari o eruzioni cutanee sulle guance o sulle braccia che peggiorano se esposte al sole.

Possono insorgere problemi al fegato che portano a stanchezza, pelle o occhi giallastri, vomito e non vogliono mangiare e dolori addominali.

La psoriasi può emergere o peggiorare.

Precauzioni

I pazienti non devono assumere Humira se sono allergici a qualsiasi medicinale contenente adalimumab o mannitolo, sodio citrato, sodio fosfato monobasico disidratato, sodio cloruro, acido citrico monoidrato o polisorbato 80.

[il paziente discute con il medico]

Humira non deve essere utilizzato da persone con un’infezione grave, tubercolosi attiva e altre infezioni che possono verificarsi quando il sistema immunitario è indebolito.

Non dovrebbe essere assunto con un numero di farmaci, tra cui Kineret (anakinra) e Orencia (abatacept).

Prima di usare Humira, il paziente deve assicurarsi che il proprio medico sappia se ha o ha mai avuto una delle condizioni mediche elencate di seguito:

  • Qualsiasi tipo di infezione, compresa una localizzata, come un’ulcera alla gamba
  • Un’infezione fungina
  • Allergia al lattice o alla gomma
  • Qualsiasi condizione di cuore
  • Qualsiasi tipo di malattia autoimmune
  • Qualsiasi tipo di malattia demielinizzante, inclusa la sclerosi multipla
  • Cancro
  • Problemi al fegato o ai reni
  • Infezioni ricorrenti o condizioni che aumentano il rischio di infezione

Il medico ha anche bisogno di sapere se il paziente sta assumendo farmaci immunosoppressori, se loro o chiunque vicino a loro ha o ha avuto la tubercolosi (TBC) e se la persona è portatrice del virus dell’epatite B.

Alcune persone potrebbero essere in grado di ottenere aiuto con Humira dalla propria compagnia di assicurazioni. Questo link può fornire più informazioni.

Sono anche disponibili altri prodotti che funzionano in modo simile, noto come biosimilari. A settembre 2016, Amjevita ha ottenuto l’approvazione della Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti.

Amjevita può essere usato anche nei casi di artrite idiopatica giovanile poliarticolare moderatamente gravemente attiva dall’età di 4 anni.

Like this post? Please share to your friends: