Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

I bambini accorciano se bevono latte non di mucca, suggerisce lo studio

Un nuovo studio su oltre 5.000 bambini ha associato il consumo di latte non di mucca ad altezza più bassa, sollevando preoccupazioni sul contenuto nutrizionale delle alternative di latte vaccino.

un bambino che beve latte

I ricercatori hanno scoperto che i bambini che consumano latte non vaccino possono essere più bassi della media per la loro età, rispetto ai bambini che bevono latte vaccino.

Inoltre, lo studio ha rivelato che l’assunzione da parte dei bambini di latte non di mucca, maggiore è la probabilità che si verifichino.

L’autore dello studio principale Dr. Jonathon Maguire, dell’Ospedale St. Michael in Canada, e colleghi hanno recentemente riportato le loro scoperte.

Secondo il National Institutes of Health (NIH), il consiglio è che il latte vaccino non dovrebbe essere dato ai bambini di età inferiore a 1 anno, in quanto manca di molti dei nutrienti necessari. Inoltre, proteine ​​e grassi nel latte vaccino sono difficili da digerire per i bambini.

Per i bambini di età superiore ad 1 anno, tuttavia, il latte vaccino è considerato utile per lo sviluppo della salute del cervello e delle ossa, a causa del suo alto contenuto di grassi, proteine ​​e calcio.

Gli studi hanno anche associato il consumo di latte vaccino durante l’infanzia con l’aumento dell’altezza. Il nuovo studio supporta questa associazione, dopo aver scoperto che i bambini che bevono latte non vaccino sono probabilmente più corti.

Ogni tazza di latte non di mucca legato all’altezza più corta

Il Dott. Maguire e il team sono giunti alle loro scoperte analizzando i dati di 5.034 bambini di età compresa tra 24 e 72 mesi che facevano parte della coorte canadese Applied Research Group for Kids.

I ricercatori hanno esaminato l’assunzione giornaliera di latte vaccino da parte di ogni bambino, così come l’assunzione giornaliera di latte non vaccino, come latte di soia e latte di mandorle.

Il latte vaccino veniva consumato quotidianamente dal 92% dei bambini, mentre il 13% dei bambini beveva latte non vaccino ogni giorno.

Rispetto ai bambini che hanno consumato latte vaccino, quelli che hanno bevuto latte non vaccino erano più bassi della media per la loro età; ogni 250 millilitri di latte non vaccino consumato giornalmente, i bambini erano in media più bassi di 0,4 centimetri.

Per ogni tazza di latte vaccino consumata quotidianamente, tuttavia, i bambini erano in media di 0,2 centimetri più alti.

Il team ha identificato una differenza di altezza di 1,5 centimetri per un bambino di 3 anni che ha bevuto tre tazze di latte non di mucca al giorno, rispetto a un bambino di 3 anni che ha consumato tre tazze di latte vaccino al giorno.

I ricercatori hanno anche identificato un altezza più corta della media tra i bambini che hanno bevuto una combinazione di latte vaccino e latte non vaccino, suggerendo che il latte vaccino non compensa il legame tra latte di mucca e altezza ridotta.

La causa potrebbe essere la nutrizione del latte non vaccino

Lo studio non è stato progettato per individuare i meccanismi sottostanti per il legame tra l’assunzione di latte di non mucca e l’altezza più corta, ma i ricercatori suggeriscono che potrebbe essere giù ai livelli più bassi di proteine ​​nel latte non di mucca.

Ad esempio, il Dott. Maguire nota che due tazze di latte di mucca contengono circa 16 grammi di proteine, che è il 100% della raccomandazione giornaliera di proteine ​​per un bambino di 3 anni. In confronto, due tazze di latte di mandorle contengono solo 4 grammi di proteine.

“Il contenuto nutrizionale del latte vaccino è regolamentato negli Stati Uniti e in Canada, mentre i contenuti nutrizionali della maggior parte dei latti non di mucca non lo sono”, afferma il Dott. Maguire. “La mancanza di regolamentazione significa che il contenuto nutrizionale varia molto da un prodotto del latte non vaccino all’altro, in particolare nella quantità di proteine ​​e grassi.”

Dato che il consumo infantile di latte non vaccino è in aumento – a causa di allergie e benefici per la salute percepiti – i ricercatori ritengono che ci dovrebbe essere maggiore attenzione al contenuto nutrizionale di tali prodotti.

“Se i prodotti vengono commercializzati come equivalenti al latte di mucca, come consumatore e come genitore, mi piacerebbe sapere che sono in effetti gli stessi in termini di effetto sulla crescita dei bambini”, afferma il Dott. Maguire.

Scopri la scoperta dei cambiamenti del DNA che influenzano l’altezza umana.

Like this post? Please share to your friends: