Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

I bambini tristi mangiano troppo?

“Mangiare emotivo” è un termine che molti di noi conoscono, e alcuni avranno sperimentato il fenomeno. Un nuovo studio ha studiato l’effetto di uno stato d’animo felice e triste sulle scelte alimentari dei bambini.

Ragazzo felice che mangia cioccolato

Quando siamo a un basso livello emotivo, potremmo avere maggiori probabilità di prendere decisioni sbagliate sul cibo, raggiungendo il barattolo dei biscotti piuttosto che il cetriolo.

La ricerca che si occupa di questo modello comportamentale negli adulti ha confermato questo: stati emotivi negativi, come tristezza, rabbia o noia, aumentano la probabilità che un individuo si abbandoni ad un hamburger piuttosto che a una ciotola di mirtilli.

Studi precedenti hanno anche dimostrato che gli adulti che praticano il cibo emotivo negativo più spesso hanno più probabilità di avere problemi fisici negativi come l’obesità e esiti psicologici avversi, inclusa la depressione.

Naturalmente, nessuno ha bisogno di ricordare che la depressione e l’obesità sono entrambi enormi problemi negli Stati Uniti oggi. Ma è per questo motivo che acquisire informazioni sui fattori coinvolti è più urgente che mai.

Mangiare emotivo nei bambini

Alcuni studi hanno indicato che adolescenti e bambini potrebbero anche dedicarsi al mangiare emotivo. E, poiché l’obesità infantile è al massimo storico, è fondamentale scoprire quanto più possibile su come i bambini decidono cosa mangiare.

Gran parte del lavoro esistente sulle abitudini alimentari emotive nei bambini si è basato sulla richiesta ai genitori o ai figli di ciò che hanno mangiato, il che non è del tutto affidabile.

Uno studio recente, pubblicato sulla rivista, ha dato un nuovo sguardo al mangiare emotivo nei bambini. Per ottenere un’immagine più accurata, gli scienziati hanno misurato direttamente la quantità di cibo che i bambini hanno consumato, piuttosto che affidarsi all’autotorifica. Hanno anche chiesto se gli stati d’animo positivi potrebbero innescare una simile risposta di eccesso di cibo.

Il team è stato guidato dal dott. Shayla C. Holub, dell’Università del Texas a Dallas, e dal dott. Cin Cin Tan, dell’Università del Michigan ad Ann Arbor.

In totale, gli scienziati hanno arruolato 91 bambini di età compresa tra 4,5 e 9 anni. Per iniziare, gli stati d’animo dei bambini sono stati modificati utilizzando uno strumento fidato: Disney. Hanno scelto una clip triste, una clip neutra e una clip felice, e tutti i bambini hanno visto solo una di queste scene.

Dopo aver visto le clip assegnate, ai bambini emotivamente alterati sono stati offerti due spuntini tra cui scegliere: caramelle al cioccolato o cracker al pesce rosso.

Come previsto, quelli del gruppo “triste” mangiavano più cioccolato di quelli del gruppo “felice”, ma i bambini felici mangiavano ancora più cioccolato rispetto al gruppo neutrale. E, al contrario, i cracker di pesci rossi venivano mangiati in grandi quantità dal gruppo neutrale, seguito dal gruppo felice, poi dal gruppo triste.

“Questo suggerisce che i bambini mangiano in risposta ad entrambe le emozioni felici e tristi, ma più per tristezza”.

Dr. Shayla C. Holub

Quando hanno approfondito i dati, i ricercatori hanno scoperto che l’indice di massa corporea dei bambini (BMI) non ha fatto alcuna differenza per l’effetto. Inoltre, ragazze e ragazzi hanno risposto allo stesso modo.

Gli scienziati hanno anche notato che i bambini più grandi del gruppo triste mangiavano più cioccolata rispetto ai bambini più piccoli nei gruppi neutrali e felici.

Passaggio dall’autoregolamentazione

Queste scoperte potrebbero avere importanti ramificazioni. Poiché l’obesità è un problema enorme in gran parte del mondo occidentale, capire come e perché mangiare troppo è importante. Studi come questi ci aiutano a capire quando scelte dietetiche inutili iniziano a insinuarsi.

“I bambini molto piccoli sono davvero bravi a regolare l’assunzione di cibo”, afferma Dr Holub. “Se modifichi la densità energetica del contenuto di una formula di un bambino, il bambino adatta l’assunzione di cibo in risposta”.

Lei continua dicendo: “Se dai ai bambini in età prescolare uno spuntino, essi adegueranno l’assunzione di cibo per reagire in modo appropriato in modo che non siano troppo affamati o troppo pieni.

Ad un certo punto della nostra infanzia, questa impressionante autoregolamentazione lascia il posto a code sociali. “Se la porzione che è nel mio piatto è ciò che dovrei mangiare, mi costringerò a mangiarlo”, spiega il dott. Holub.

“Le pratiche di alimentazione restrittive”, aggiunge, “sembrano anche essere problematiche – dire ai bambini che non possono avere qualcosa che lo rende un alimento preferito, e quando hanno accesso ad esso, ne mangiano subito di più. Questo è un altro modo in cui i bambini impara a smettere di ascoltare i loro segnali interni “.

Secondo il dott. Holub, il modo in cui i genitori agiscono può avere un impatto significativo sulle future scelte alimentari di un bambino.

“Nel 2015, abbiamo pubblicato uno dei primi studi per scoprire che non è solo il comportamento che si sta modellando per un bambino – vedere un genitore rivolgersi al cibo quando sono tristi, ad esempio – ma che a volte potrebbe anche essere che i genitori nutrono i bambini in modi che regolano le emozioni “.

“Il tuo bambino si arrabbia? Ecco una caramella, sei annoiato? Ecco qualcosa da mangiare.”

Sebbene il comportamento possa essere modificato più tardi nella vita, è più difficile una volta che le abitudini si sono formate e solidificate. Le età di 3-5 anni sono cruciali per i bambini; questo è quando il loro regolamento interno lascia il posto ai trigger sociali. Capire come garantire che questi comportamenti non vengano radicati potrebbe essere di grande beneficio per la popolazione in generale.

Impostare i nostri figli sulla strada giusta sin dalla tenera età significa che dovranno affrontare meno di una lotta con le scelte alimentari più avanti nella vita.

Like this post? Please share to your friends: