Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

I beta-bloccanti non dovrebbero essere il trattamento di prima linea per l’ipertensione

I beta-bloccanti non dovrebbero essere usati di routine per il trattamento dell’ipertensione, afferma l’Istituto nazionale per la salute e l’eccellenza clinica (NICE), Regno Unito. NICE è il cane da guardia NHS per l’Inghilterra e il Galles.

La nuova guida NICE dice che ci sono altri farmaci che sono migliori per il trattamento dell’ipertensione. Il 40% degli adulti in Inghilterra e Galles soffre di pressione alta.

(Ipertensione = alta pressione sanguigna)

Secondo NICE, i beta-bloccanti aumentano il rischio del paziente di sviluppare il diabete.

Il cane da guardia sottolinea che i pazienti devono continuare a prendere i loro beta-bloccanti fino a quando non vedono i loro medici.

La guida, che è stata pubblicata nel 2004, è stata aggiornata dopo che NICE e la British Hypertension Society hanno deciso che la sezione di orientamento che tratta i farmaci per l’ipertensione necessitava di un ulteriore aggiornamento. La sezione per l’ipertensione avrebbe dovuto avere il suo prossimo aggiornamento tra tre anni – tuttavia, come risultato di una nuova ricerca, NICE decise di portarlo avanti.

Ricerche recenti condotte nel 2004 hanno dimostrato che i nuovi farmaci erano molto più efficaci nel trattamento dell’ipertensione. Secondo NICE, i beta-bloccanti non sono i migliori farmaci in circolazione per l’ipertensione, specialmente per i pazienti anziani.

Al momento ci sono circa due milioni di pazienti nel Regno Unito che stanno ricevendo beta-bloccanti per l’ipertensione.

I pazienti devono sapere che i beta-bloccanti sono anche usati per l’insufficienza cardiaca e l’angina. I farmaci sono ancora indicati per queste condizioni. La nuova guida si riferisce solo all’uso di beta-bloccanti per il trattamento dell’ipertensione.

Le nuove linee guida aggiornate includono quanto segue:

– Pazienti ipertesi di età pari o superiore a 55 anni o neri di tutte le età. La prima linea di scelta della terapia iniziale dovrebbe essere un calcio-antagonista o un diuretico di tipo tiazidico. (Pazienti neri – non include pazienti di razza mista o pazienti asiatici).

– I pazienti ipertesi sotto i 55 anni. Prima scelta, la terapia iniziale dovrebbe essere un ACE-inibitore (o un bloccante del recettore dell’angiotensina se non è tollerato un ACE-inibitore).

– Se la terapia iniziale era con un calcio-antagonista o diuretico di tipo tiazidico ed è necessario un secondo farmaco, aggiungere un ACE-inibitore (o un bloccante del recettore dell’angiotensina se non è tollerato un ACE-inibitore). Se la terapia iniziale era con un ACE-inibitore, aggiungere un calcio-antagonista o un diuretico di tipo tiazidico.

– Se è richiesto un trattamento con tre farmaci, la combinazione di ACE-inibitore (o di un bloccante del recettore dell’angiotensina se un ACE-inibitore non è tollerato), deve essere utilizzato calcio-antagonista e diuretico di tipo tiazidico.

Scritto da: Christian Nordqvist
Redattore: Notizie mediche oggi

Like this post? Please share to your friends: