Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

I beta-bloccanti non sono così grandi

I beta-bloccanti, uno dei farmaci più frequentemente prescritti per le malattie cardiache, potrebbero non essere altrettanto efficaci per alcuni pazienti, come avevano pensato gli esperti, i ricercatori della NYU School of Medicine di New York, hanno riferito in JAMA (Journal of American Medical Association) .

I beta-bloccanti sono noti per aiutare le persone con cuori gravemente danneggiati a causa di attacchi di cuore, così come i pazienti con insufficienza cardiaca. Tuttavia, i beta-bloccanti sono comunemente prescritti a pazienti stabili con determinati fattori di rischio, ma i cui cuori non sono così fragili, tra cui:

  • Persone con un alto rischio di sviluppare malattie cardiache
  • Pazienti con CAD (malattia coronarica); le loro arterie sono bloccate ma non hanno avuto un attacco di cuore
  • Persone sopravvissute a un infarto, anche se il danno al cuore non era considerevole

Team leader, Sripal Bangalore, M.D., M.H.A. e i colleghi hanno scoperto che i beta-bloccanti non forniscono alcun vantaggio a questi tre sottogruppi di pazienti.

Gli autori hanno scritto che quando i pazienti con entrambi i fattori di rischio CAD (malattia dell’arteria coronaria), precedente attacco di cuore, o una malattia coronarica senza infarto sono stati prescritti beta-bloccanti, non hanno avuto un minor rischio di morte cardiovascolare, non fatale ictus o infarto non fatale.

I ricercatori hanno scritto:

“Il trattamento con beta-bloccanti rimane lo standard di cura per i pazienti con malattia coronarica, soprattutto quando hanno avuto un infarto miocardico [infarto miocardico], l’evidenza è derivata da studi post-MI relativamente vecchi, molti dei quali antecedenti riperfusione o terapia medica, e da studi per insufficienza cardiaca, ma è stata ampiamente estrapolata ai pazienti con CAD e anche a pazienti ad alto rischio per ma senza una CAD stabilita.

Non è noto se queste estrapolazioni siano giustificate. Inoltre, l’efficacia a lungo termine di questi agenti in pazienti trattati con terapie mediche contemporanee non è nota, anche nei pazienti con IM precedente. “
Il dott. Bangalore e il team hanno deciso di stabilire se esiste un legame tra l’uso dei beta-bloccanti e gli esiti cardiovascolari a lungo termine.

Hanno effettuato uno studio osservazionale e raccolto dati dal registro REACH (Riduzione dell’aterotombombosi per la salute continua). 44.708 pazienti dal registro incontrato i criteri che i ricercatori stavano cercando per lo studio. Il 31% (14.043 pazienti) di questi avevano un precedente attacco cardiaco, il 27% (12.012) aveva una malattia coronarica senza attacco cardiaco e il 42% (18.653) aveva solo fattori di rischio di malattia coronarica.

Volevano vedere quale effetto potrebbe avere la terapia con beta-bloccanti sulla morte cardiovascolare, attacco cardiaco non fatale o ictus non fatale – l’esito primario dello studio. L’outcome secondario era risultato primario + ospedalizzazione per eventi aterotrombotici o una procedura di rivascolarizzazione. I pazienti sono stati seguiti fino al punto medio a 44 mesi. 21.860 dei 44.708 pazienti sono stati inclusi nell’analisi con il punteggio di propensione.

Bangalore ha detto:

“Abbiamo dimostrato nel nostro studio che se hai un attacco di cuore e prendi beta-bloccanti per un anno, probabilmente ne trarrai beneficio, ma la domanda è: quanto tempo dopo un attacco di cuore i beta-bloccanti offriranno un beneficio? dice usare questi farmaci a lungo termine solo in pazienti con insufficienza cardiaca. Le linee guida americane dicono di continuare a prenderli per almeno tre anni dopo un infarto “.
Di seguito sono riportati alcuni dei risultati dello studio:

  • Nel gruppo precedente di attacco cardiaco non c’era alcuna differenza significativa tra quelli sui beta-bloccanti e quelli senza beta-bloccanti:

    – 16,93% per quelli con beta-bloccanti contro il 18,6% per quelli senza beta bloccanti per l’outcome primario

    – 30,96% per quelli con beta-bloccanti rispetto al 33,12% rispettivamente per l’esito secondario

  • Nella coronaropatia senza Heart Attack Group non vi era alcuna differenza significativa tra quelli sui beta-bloccanti e quelli senza beta-bloccanti. Infatti, per l’outcome secondario i pazienti beta-bloccanti sono andati leggermente peggio:

    – 12,94% contro 13,55% rispettivamente per l’esito primario

    – 30,59% contro il 27,84% rispettivamente per l’esito secondario e l’ospedalizzazione (i pazienti beta-bloccanti sono andati peggio)

  • Nel gruppo di soli fattori di rischio, i beta bloccanti sono andati peggio per l’esito primario

    – 14,22% contro 12,11% rispettivamente per l’esito primario

    – 20,01% contro 20,17% rispettivamente per l’esito secondario

Tra coloro che avevano avuto un attacco di cuore nei dodici mesi precedenti, quelli sui beta-bloccanti erano legati a una minore incidenza dell’esito secondario.

Gli autori hanno concluso:

“Tra i pazienti arruolati nel registro REACH internazionale, l’uso di beta-bloccanti non era associato ad un più basso tasso di eventi cardiovascolari a 44 mesi di follow-up, anche tra pazienti con storia pregressa di IM.Un ulteriore ricerca è giustificata per identificare sottogruppi che beneficiare della terapia con beta-bloccanti e della durata ottimale della terapia con beta-bloccanti. “

Cosa sono i beta-bloccanti?

I beta-bloccanti sono un tipo di farmaco che blocca l’azione del sistema nervoso simpatico del cuore; rallentano il cuore, riducono la forza delle contrazioni del muscolo cardiaco e riducono la contrazione dei vasi sanguigni nel cervello, nel cuore e nel resto del corpo.

I beta-bloccanti “bloccano” le sostanze beta-adrenergiche, come l’adrenalina (apinefrina) nel sistema nervoso involontario.

I beta-bloccanti sono più comunemente usati per il trattamento di:

  • Attacco di calore
  • Insufficienza cardiaca
  • Fibrillazione atriale
  • Ipertensione (pressione sanguigna alta) – nel 2006, il National Institute for Clinical Excellence (NICE), il cane da guardia del National Health Service del Regno Unito, ha affermato che i beta-bloccanti non dovrebbero essere usati di routine per il trattamento dell’ipertensione
  • Angina

Sono meno comunemente usati per:

  • Prevenzione dell’emicrania
  • Una tiroide iperattiva (tireotossicosi)
  • Tremore
  • Ansia
  • Glaucoma (collirio)

Decine di milioni di americani prendono beta-bloccanti ogni giorno. Sono i quinti farmaci da prescrizione più utilizzati negli Stati Uniti. Secondo IMS Health, nel 2009 sono stati effettuati 128 milioni di prescrizioni in America.

Scritto da Christian Nordqvist

Like this post? Please share to your friends: