Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

I cannabinoidi e la chemioterapia in combinazione uccidono le cellule tumorali

Un nuovo studio conferma che i cannabinoidi, che sono una classe di sostanze chimiche attive nella cannabis, possono uccidere con successo le cellule della leucemia. Scoprono anche che la combinazione di sostanze chimiche e l’ordine in cui vengono fornite è importante. I risultati, senza dubbio, apriranno le porte a trattamenti più efficaci.

Man holding foglia di cannabis

I cannabinoidi, noti anche come fitocannabinoidi, agiscono come recettori cannabinoidi nel cervello. Il più noto di questi prodotti chimici e uno dei più psicoattivi è il tetraidrocannabinolo (THC).

Ad oggi, sono stati identificati oltre 100 cannabinoidi, tutti con proprietà e profili chimici diversi.

E, negli ultimi anni, sono stati messi a fuoco i potenziali effetti anti-cancro dei cannabinoidi.

Studi di laboratorio e su animali hanno dimostrato che alcuni cannabinoidi inibiscono la crescita del tumore promuovendo la morte cellulare, riducendo la crescita cellulare e bloccando lo sviluppo dei vasi sanguigni che forniscono il tumore.

Per esempio, il cannabinoide delta-9-THC può danneggiare o uccidere le cellule di cancro del fegato. Allo stesso modo, il cannabidiolo è efficace contro le cellule del cancro al seno negative per i recettori degli estrogeni e per i recettori degli estrogeni, senza danneggiare i tessuti sani.

Cannabinoidi e leucemia

È stato anche dimostrato che un certo numero di cannabinoidi combatte con successo le cellule della leucemia. La leucemia è un tumore del midollo osseo e di altri organi che formano il sangue.

Una ricerca precedente ha scoperto che alcune di queste sostanze chimiche, se utilizzate in combinazione, diventano ancora più potenti assassini di cellule cancerose.

Un nuovo studio, pubblicato di recente nel, ha esplorato queste combinazioni in modo più approfondito. Hanno anche esaminato l’uso potenziale dei cannabinoidi in associazione con i farmaci chemioterapici esistenti, citarabina e vincristina.

I ricercatori sono stati guidati dal Dr. Wai Liu presso la St George’s, University of London nel Regno Unito. Studiando le cellule tumorali in laboratorio, il team ha testato varie combinazioni di cannabinoidi e farmaci chemioterapici per trovare i raggruppamenti più efficaci. Hanno anche cercato di capire se l’ordine in cui venivano somministrati i prodotti chimici avrebbe fatto la differenza rispetto alle percentuali di successo.

Hanno scoperto che il cannabidiolo e il THC, quando usati da soli, uccidevano le cellule delle leucemie. Tuttavia, se usati insieme, la loro potenza è stata significativamente migliorata; il tutto è più della somma delle parti.

Hanno anche dimostrato che una dose iniziale di chemioterapia seguita da cannabinoidi ha migliorato i risultati complessivi contro le cellule leucemiche. Combinare la chemioterapia con i cannabinoidi ha fornito risultati migliori rispetto alla sola chemioterapia o alla combinazione di cannabidiolo e THC. Tuttavia, questa maggiore potenza è stata osservata solo se i cannabinoidi sono stati somministrati dopo la chemioterapia e non viceversa.

Migliorare il trattamento futuro della leucemia

Si spera che, in futuro, questi tipi di risultati miglioreranno l’efficacia del trattamento della leucemia, così come il trattamento del cancro in generale. Si spera anche che ridurranno l’impatto del trattamento chemioterapico sul paziente.

Attualmente, gli effetti collaterali della chemioterapia possono essere gravi; comprendono perdita di capelli, ulcere alla bocca, nausea e vomito, diarrea e un aumentato rischio di infezione. L’uso di cannabinoidi potrebbe potenzialmente consentire ai medici di ridurre la dose di chemioterapia mantenendo le sue capacità anti-cancro.

“Abbiamo dimostrato per la prima volta che l’ordine in cui vengono utilizzati i cannabinoidi e la chemioterapia è fondamentale per determinare l’efficacia complessiva di questo trattamento. […] I cannabinoidi sono una prospettiva molto eccitante per l’oncologia.”

Dr. Wai Liu

I risultati sono promettenti. Sembra che il peso delle prove a supporto dell’efficacia dei cannabinoidi contro le cellule tumorali abbia fatto pendere l’equilibrio. Come dice il Dr. Liu, l’attenzione è ora rivolta a stabilire “i modi migliori in cui dovrebbero essere utilizzati per massimizzare un effetto terapeutico”.

Il Dr. Liu ha anche notato che “Questi estratti sono altamente concentrati e purificati, quindi fumare marijuana non avrà un effetto simile”.

Scopri come i cannabinoidi d’attualità possono aiutare a curare le malattie della pelle.

Like this post? Please share to your friends: