Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

I cannabinoidi potrebbero prevenire l’emicrania, i ritrovamenti di studio

I cannabinoidi sono altrettanto efficaci dei farmaci esistenti per la prevenzione dell’emicrania. Per il mal di testa a grappolo, tuttavia, i cannabinoidi possono beneficiare solo i pazienti che hanno avuto esperienza di emicrania sin dall’infanzia.

Una donna con emicrania

Questi sono i risultati di un nuovo studio recentemente presentato al 3 ° Congresso dell’Accademia Europea di Neurologia, tenutosi ad Amsterdam, Paesi Bassi.

Secondo la Migraine Research Foundation, l’emicrania è la terza malattia più diffusa in tutto il mondo, colpendo circa 1 miliardo di persone. Negli Stati Uniti, oltre 38 milioni di bambini e adulti soffrono di emicrania.

Alcune persone considerano semplicemente l’emicrania un “brutto mal di testa”, ma può essere molto più serio.

Attacchi di emicrania normalmente comportano un dolore palpitante, ricorrente e ricorrente su uno o entrambi i lati della testa, che può durare da 4 a 72 ore.

Questi attacchi possono essere accompagnati da altri sintomi invalidanti, tra cui vertigini, nausea, vomito, sensibilità alla luce e formicolio o intorpidimento del viso o delle estremità.

Il mal di testa a grappolo è definito come l’inizio di mal di testa brevi ma molto dolorosi che possono colpire più volte al giorno. Il dolore si verifica normalmente su un lato della testa, di solito dentro o attorno a un occhio.

Il mal di testa a grappolo è molto più raro dell’emicrania; l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che i mal di testa a grappolo colpiscano meno di 1 su 1.000 adulti in tutto il mondo.

Il dolore acuto si riduce del 55 percento

Precedenti studi hanno suggerito che i cannabinoidi – che sono i composti chimici della marijuana – possono aiutare a curare i disturbi della cefalea.

Per la nuova ricerca, la leader dello studio, la dott.ssa Maria Nicolodi, del Centro Interuniversitario in Italia, e colleghi hanno deciso di approfondire ulteriormente questa associazione, valutando l’efficacia dei cannabinoidi nel trattamento dell’emicrania e della cefalea a grappolo.

La prima fase dello studio ha incluso 48 adulti con emicrania cronica. Ai partecipanti sono state somministrate dosi variabili di una combinazione di due composti.

Un composto consisteva nel 19% di tetraidrocannabinolo (THC), il principale componente psicoattivo della marijuana, mentre l’altro composto conteneva il 9% di cannabidiolo (CBD), un altro composto attivo di marijuana.

I ricercatori hanno scoperto che quando agli adulti veniva somministrata la combinazione THC-CBD a una dose di 200 milligrammi o superiore, il loro dolore acuto da emicrania diminuiva del 55%.

Il rapporto THC-CBD a dosi inferiori a 100 milligrammi non ha avuto effetti sul dolore acuto.

THC-CBD vs farmaci esistenti

La seconda fase dello studio ha incluso 79 pazienti con emicrania cronica, insieme a 48 pazienti con cefalea a grappolo.

Ai pazienti con emicrania cronica sono stati somministrati 25 milligrammi di amitriptilina, un farmaco antidepressivo spesso usato per il trattamento dell’emicrania, o 200 milligrammi di THC-CBD ogni giorno.

Ai pazienti con cefalea a grappolo sono stati somministrati 200 milligrammi di THC-CBD al giorno o 480 milligrammi di verapamil, che è un calcio antagonista spesso usato per il trattamento della cefalea a grappolo.

Quando i pazienti hanno avuto dolore acuto, hanno assunto altri 200 milligrammi di THC-CBD.

La durata del trattamento per entrambi i pazienti con emicrania cronica e cefalea a grappolo era di 3 mesi e i pazienti sono stati monitorati per altre 4 settimane dopo la sospensione del trattamento.

Il THC-CBD ha portato a una riduzione leggermente maggiore del numero di attacchi di emicrania, rispetto all’amitriptilina, con una riduzione del 40,4% e del 40,1%, rispettivamente.

Tra i pazienti con emicrania, il THC-CBD è stato anche trovato per ridurre l’intensità del dolore acuto del 43,5%.

Per i pazienti con cefalea a grappolo, tuttavia, il THC-CBD era efficace solo contro il dolore acuto tra coloro che avevano avuto l’emicrania durante l’infanzia.

Sulla base dei loro risultati, i ricercatori concludono che i cannabinoidi sono altrettanto efficaci dei farmaci esistenti per prevenire gli attacchi di emicrania, ma che i loro benefici possono essere limitati per i pazienti con cefalea a grappolo.

“Siamo stati in grado di dimostrare che i cannabinoidi sono un’alternativa ai trattamenti consolidati nella prevenzione dell’emicrania, ma sono adatti solo per l’uso in acutetreatment di cefalea a grappolo in pazienti con una storia di emicrania fin dall’infanzia”.

Dott.ssa Maria Nicolodi

Scopri come i cannabinoidi, se combinati con la chemioterapia, possono uccidere le cellule tumorali.

Like this post? Please share to your friends: