Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

I dadi possono proteggere dalle malattie cardiache

Un nuovo studio pubblicato negli sguardi sull’impatto del consumo di noci sul rischio di malattie cardiovascolari.

diversi tipi di noci

I dadi fanno bene. Questo è un fatto noto, supportato da un numero sempre crescente di studi. Ad esempio, ha recentemente riportato uno studio importante che dimostra che solo una manciata di noci ogni giorno riduce il rischio di morte prematura.

Il rischio di diabete scende del 40 percento con solo 20 grammi di noci al giorno e il rischio di malattie infettive diminuisce del 75 percento. Altri studi hanno suggerito che le noci possono proteggere la nostra memoria e persino aumentare l’intelligenza.

Ma cosa potrebbero fare i matti per la nostra salute cardiovascolare? Il nuovo studio – condotto da Marta Guasch-Ferré, Ph.D., ricercatrice presso il Dipartimento di Nutrizione di Harvard T.H. Chan School of Public Health a Boston, MA – esamina il legame tra la frequenza del consumo di noci e l’incidenza delle malattie cardiovascolari.

Inoltre, e in contrasto con le precedenti ricerche sull’argomento, questo studio esamina anche i tipi specifici di nocciole e il loro impatto sulla salute cardiovascolare.

Studiare il consumo di noci e la salute del cuore

Guasch-Ferré e il suo team hanno esaminato oltre 210.000 persone, combinando i dati dello Studio sulla salute degli infermieri I e II, nonché lo studio di follow-up dei professionisti della salute.

Nel complesso, hanno seguito i partecipanti per un totale di 32 anni, con informazioni mediche e sullo stile di vita raccolte ogni 2 anni utilizzando questionari auto-somministrati.

I questionari sulla frequenza alimentare hanno offerto ai ricercatori informazioni sul consumo di noci dei partecipanti ogni 4 anni.

I ricercatori si sono concentrati sulle principali malattie cardiovascolari, definite come infarto miocardico, ictus o malattie cardiovascolari fatali. Inoltre, hanno esaminato l’incidenza totale della malattia coronarica, intesa come infarto del miocardio fatale o non fatale, e l’incidenza totale di ictus, sia fatale che non fatale.

Durante il periodo di studio, i ricercatori hanno registrato 14.136 casi di malattie cardiovascolari, 8.390 dei quali erano cardiopatie coronariche e 5.910 dei quali erano ictus.

Noci riducono il rischio di malattie cardiovascolari

Il consumo totale di noci e il rischio cardiovascolare e coronarico totale sono risultati inversamente correlati. In altre parole, più noci si consumano, più basse sono le possibilità di sviluppare queste condizioni.

Uno sguardo più approfondito su tipi specifici di nocciole ha rivelato che le noci sono particolarmente indicate per la salute cardiovascolare.

Il consumo delle noci due o tre volte alla settimana era associato a una riduzione del 19% del rischio cardiovascolare e ad un calo del 21% del rischio di malattia coronarica.

Mangiare noccioline almeno due volte a settimana era legato a un rischio inferiore del 13 per cento di malattie cardiovascolari e di noci con un rischio cardiovascolare inferiore del 15 per cento.

L’assunzione di arachidi era anche correlata con una riduzione del 15% del rischio di malattia coronarica e di noci con una riduzione del rischio del 23%.

Cinque o più porzioni di frutta secca alla settimana correlavano con una diminuzione del 14% nel rischio cardiovascolare e un rischio inferiore del 20% di malattia coronarica.

“In tre ampi studi prospettici di coorte”, concludono gli autori dello studio, “un consumo più elevato di tipi di noci totali e specifici è inversamente associato alla malattia cardiovascolare totale e alla cardiopatia coronarica”.

‘Noci crude come capsule per la salute naturale’

“I nostri risultati supportano le raccomandazioni di aumentare l’assunzione di una varietà di frutta a guscio, come parte di una dieta sana, per ridurre il rischio di malattie croniche nelle popolazioni generali”, dice Guasch-Ferré.

Lei e i suoi colleghi notano anche alcune limitazioni dello studio. Il campione di partecipanti era riservato ai professionisti della salute – la maggior parte dei quali erano bianchi – e il metodo dei dati auto-segnalati è sempre soggetto a errori.

Tuttavia, gli autori sottolineano che, a loro parere, non vi è alcuna ragione per cui le scoperte non siano generalizzabili ad altre etnie.

Il dott. Emilio Ros, del servizio di Endocrinologia e Nutrizione presso l’Hospital Clínic di Barcellona, ​​in Spagna, ha scritto un editoriale di accompagnamento, nel quale commenta il significato dei risultati.

“Idealmente”, dice, “ulteriori indagini dovrebbero testare gli effetti del consumo a lungo termine di noci integrate nella dieta abituale su eventi cardiometabolici rigidi”.

“Nel frattempo, le noccioline crude, se possibile non sbucciate e altrimenti non trasformate, possono essere considerate come capsule di salute naturale che possono essere facilmente incorporate in qualsiasi dieta protettiva per il cuore per favorire il benessere cardiovascolare e promuovere un invecchiamento sano”.

Dr. Emilio Ros

Like this post? Please share to your friends: