Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

I decessi per ipertensione polmonare sono aumentati, per esempio CDC

Uno studio dei Centers for Disease Control and Prevention rivela che il numero di decessi per ipertensione polmonare è aumentato negli ultimi dieci anni.

Il gruppo di ricerca, guidato dalla Dr. Mary George della Divisione per le malattie cardiache e Prevenzione dell’ictus presso i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), ha recentemente pubblicato le loro scoperte online su un giornale dell’American College of Chest Physicians.

L’ipertensione polmonare, nota anche come ipertensione arteriosa polmonare, è una condizione rara che colpisce 1 o 2 persone ogni 1 milione negli Stati Uniti e in Europa. Le donne anziane sono a più alto rischio per la condizione, ma possono colpire uomini e donne di tutte le età.

È caratterizzato da alta pressione sanguigna nelle arterie polmonari, che trasportano ossigeno e sangue dal cuore ai polmoni. Ciò significa che il lato destro del cuore deve lavorare di più per pompare il sangue intorno al corpo.

La condizione si verifica in genere insieme ad altre malattie, come malattie cardiache e dei vasi sanguigni, malattie polmonari e malattie del fegato. Gravidanza, apnea del sonno, difetti alla nascita del cuore e alcune malattie autoimmuni, come l’artrite reumatoide, sono anche cause comuni di ipertensione polmonare.

I sintomi della condizione includono stanchezza, dolore toracico, mancanza di respiro durante l’attività di routine, riduzione dell’appetito, battito cardiaco accelerato e dolore nella parte superiore destra dell’addome.

La ricerca sulla diagnosi e il trattamento dell’ipertensione polmonare si sta ampliando, secondo gli investigatori del CDC. Pertanto, affermano che è importante disporre di statistiche aggiornate sull’ospedalizzazione e sui tassi di mortalità a causa della condizione.

Le donne e gli anziani vedono il maggiore aumento delle ospedalizzazioni e dei tassi di mortalità

Per il loro studio, il team di ricerca ha analizzato i tassi di morte e ospedalizzazione da ipertensione polmonare negli Stati Uniti tra il 2001 e il 2010 utilizzando il sistema nazionale di statistiche vitali e i dati del National Hospital Discharge Survey.

Donna maggiore che parla con medico

I risultati hanno rivelato che, durante il periodo di 10 anni, i tassi di mortalità per ipertensione polmonare sono aumentati del 2,5% all’anno per le donne e dello 0,9% all’anno per gli uomini. Per gli individui di età pari o superiore a 85 anni, i tassi di mortalità per malattia sono aumentati di oltre il 65%.

Circa 4 su 10 decessi correlati all’ipertensione polmonare si sono verificati in pazienti di età pari o inferiore a 75 anni, e il tasso di mortalità era più alto del 40% nei pazienti di razza nera rispetto ai pazienti bianchi.

Le ospedalizzazioni legate alla condizione sono aumentate del 52% per le donne e del 33% per gli uomini. Le donne rappresentavano il 61% di tutti i ricoveri per ipertensione polmonare tra il 2001 e il 2002 e il 63% delle ospedalizzazioni tra il 2009 e il 2010.

Alla dimissione dall’ospedale, l’insufficienza cardiaca congestizia è risultata essere la diagnosi primaria più comunemente segnalata. La bronchite cronica e non specificata e altre malattie cardiache, inclusa l’ipertensione polmonare, sono state le seconde diagnosi più comunemente riportate alla dimissione.

Le morti di ipertensione polmonare a seguito di malattie autoimmuni sono aumentate nel corso dei 10 anni, un risultato che la squadra dice che richiede ulteriori ricerche.

Tuttavia, vi è stata una diminuzione della mortalità per ipertensione polmonare a causa di malformazioni congenite, malattia respiratoria inferiore ed enfisema cronica durante il periodo di studio, che secondo loro è “incoraggiante”.

Inoltre, il Dr. George afferma che l’aumento delle ospedalizzazioni potrebbe riflettere sia “un migliore riconoscimento dell’ipertensione polmonare, sia un aumento delle opzioni di trattamento”.

Giudizio soggetto a limitazioni

Il team osserva che i loro risultati sono soggetti a diverse limitazioni. Ad esempio, sottolineano che i certificati di morte dei pazienti che sono stati inclusi nell’analisi dei dati potrebbero non rappresentare accuratamente le cause di morte sottostanti o che contribuiscono. Questo potrebbe portare a sottostimare l’ipertensione polmonare.

Inoltre, i ricercatori affermano che il National Discharge Hospital Survey non include i pazienti ammessi negli ospedali federali, militari o degli affari dei veterani. “Pertanto,” aggiungono, “i risultati del test limitano il numero totale di ospedalizzazioni per l’ipertensione polmonare tra gli adulti”.

Il team sottolinea inoltre che il National Discharge Hospital Survey ha aumentato il numero di diagnosi utilizzate nel 2010 da sette a 15. Dicono che questo cambiamento può avere un’influenza maggiore sulle stime, “in particolare per condizioni che sono tipicamente diagnosi secondarie, come l’ipertensione polmonare “.

Ma nel complesso, il dott. Richard S. Irwin, redattore capo di, afferma che lo studio “illustra l’importanza di riconoscere e diagnosticare l’ipertensione polmonare in modo che i pazienti possano ricevere un trattamento adeguato”.

Aggiunge:

“È un’informazione essenziale per aiutare i clinici a capire l’età, la razza e le differenze di genere nei pazienti a rischio di ipertensione polmonare”.

All’inizio di quest’anno, è stato riportato uno studio che suggeriva che l’uso di antidepressivi durante la gravidanza potrebbe essere associato a ipertensione polmonare infantile.

Like this post? Please share to your friends: