Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

I dettagli della vagina

Orgasmo vaginale vs clitoride, punto G, vulva e clitoride: gli organi sessuali femminili e il loro coinvolgimento nell’eccitazione e nell’orgasmo sono avvolti nel mistero.

Coppia a letto

Nel nostro mondo sempre più digitale, il sesso e l’immagine del corpo femminile sono spesso travisati. Tuttavia, il sesso rende felici le persone e gioca un ruolo importante nel legame sociale e nella salute mentale e fisica.

Quindi, è tempo di demistificare le idee sbagliate comuni sugli organi sessuali femminili e il loro ruolo nel piacere sessuale.

Brilliamo un riflettore su come funzionano la vagina, la vulva e il clitoride, nonché su ciò che è attualmente noto a proposito dell’elusivo punto G e dell’orgasmo femminile.

Dentro e fuori: la vagina e la vulva

La vagina è il tubo muscolare che collega alla cervice, che è la parte inferiore dell’utero.

Chiamato anche canale del parto, la vagina consente il passaggio di sangue e cellule nelle mestruazioni, l’introduzione di sperma durante il rapporto sessuale e la consegna del bambino e della placenta alla fine della gravidanza.

La vagina ha solo un numero limitato di terminazioni nervose, che si ritiene sia importante per aiutare le donne a far fronte al dolore del parto.

La parte esterna dei genitali femminili è la vulva. Consiste delle grandi labbra, o la piega esterna, le piccole labbra, o la piega interna, l’uretra e il clitoride. La forma e le dimensioni della vulva sono uniche per ogni singola donna.

In uno studio che ha coinvolto 32 donne, il Dr. Haim Krissi – del Dipartimento di ostetricia e ginecologia presso il Centro medico dell’Università Soroka dell’Università Ben-Gurion del Negev in Israele – e il team ha trovato una gamma considerevole di lunghezza e larghezza delle diverse parti della vulva.

Il clitoride: la porta verso l’eccitazione sessuale

Mentre molte persone pensano che il clitoride sia un piccolo punto appena sopra l’apertura vaginale, è, in realtà, un complesso molto più grande. La parte più visibile è il glande, che misura in media 16 millimetri. Questa è la parte che la maggior parte delle persone conoscerà.

Il glande è coperto dal prepuzio, che è una pelle formata dalle labbra vaginali. Alcune persone paragonano la prepuzio al prepuzio. Nascosto all’interno dell’osso pubico è il resto del clitoride, e l’intero complesso è simile nella forma al pene, con una lunghezza totale tra 9 e 11 centimetri.

Il clitoride è un organo erettile e si pensa che sia il cuore dell’eccitazione sessuale femminile.

In una recensione del 2015 pubblicata sulla rivista, la dott.ssa Rachel N. Pauls – delle Divisioni di Medicina del Pavimento Femminile e Chirurgia Ricostruttiva al TriHealth / Good Samaritan Hospital di Cincinnati, OH – descrive il clitoride come “[…] il centro per la risposta orgasmica. “

Il clitoride è altamente innervato, con la più densa concentrazione di fibre nervose presenti nel glande. Queste fibre nervose rispondono alla stimolazione causando gonfiore dei tessuti erettili del clitoride.

Come spiega il dott. Pauls, “È importante notare che la stimolazione indiretta del glande è centrale per l’eccitazione sessuale femminile, ma la densa innervazione del glande può portare ad un’estrema sensibilità a seguito di stimolazione diretta.”

Detto questo, il clitoride non è l’unica parte degli organi sessuali femminili che può portare all’eccitazione, secondo alcuni. Il misterioso punto G, che si dice si trovi all’interno della vagina, è stato ugualmente accreditato.

Il punto G esiste?

Il cosiddetto spot Gräfenberg, o punto G – che prende il nome dal medico di origine tedesca Ernst Gräfenberg – è un argomento di grande contesa.

Mentre Gräfenberg è stato ampiamente accreditato di trovare il presunto spot garantito per l’eccitazione sessuale, il nome fu infatti coniato dal Dr. Frank Addiego e colleghi in un articolo del 1981 pubblicato nel.

Da allora la caccia a questa struttura sfuggente che prometteva piacere illimitato.

Uno studio condotto dal Dr. Adam Ostrenski – dell’Istituto di Ginecologia a San Pietroburgo, FL – e colleghi lo descrive come una raccolta di fasci nervosi nella parte frontale, o anteriore, della parete della vagina.

Utilizzando le scansioni MRI, Anastasios Mpotsaris – dall’Ospedale universitario di Colonia in Germania – e colleghi hanno trovato una “entità morfologica distinta” nel 62 percento dei soggetti dello studio nella stessa posizione.

Questo significa che la ricerca è finita? No; non tutti gli esperti sono d’accordo. Il dott. Vincenzo Puppo, del Centro Italiano Sessuologica di Bologna, afferma in un articolo della rivista che non esistono prove scientifiche o mediche che supportino l’esistenza del punto G.

Invece, scrive, “Il punto G è diventato al centro di un’attività multimilionaria: l’amplificazione del punto G, chiamata anche aumento del punto G, G-Spotplasty o G-shot, è una procedura di chirurgia estetica per aumentando le dimensioni e la sensibilità di ciò che alcuni ritengono essere il punto G […]. “

Questo sentimento è echeggiato dal Dr. Pauls, che riassume che non ci sono prove scientifiche o anatomiche che supportano l’esistenza del punto G.

Quindi, la giuria sul punto G è ancora fuori. Sia con la stimolazione del punto G o meno, l’orgasmo femminile rimane un argomento misterioso e controverso.

Cosa succede durante l’orgasmo?

Il dibattito sullo scopo e i percorsi che portano alle donne che vivono un orgasmo è probabilmente antico quanto la scienza medica.

Sebbene l’orgasmo maschile abbia un chiaro ruolo da un punto di vista evolutivo, in quanto centrale per la propagazione della specie umana, gli esperti non sono stati in grado di concordare un simile “scopo” per l’orgasmo femminile.

Da un punto di vista fisiologico, il percorso verso l’eccitazione sessuale è semplice.

Il dott. Pauls spiega: “In termini semplicistici, l’eccitazione genitale è caratterizzata da un aumento del flusso sanguigno nella regione pelvica.Nelle femmine, questo flusso vascolare provoca l’ingorgo e l’erezione del clitoride e l’accompagnamento del gonfiore vulvare e della secrezione vaginale [del liquido]. “

“Se viene raggiunta una soglia, l’orgasmo può seguire l’eccitazione L’attivazione di [vie nervose] innesca le contrazioni dei muscoli scheletrici del pavimento pelvico che accompagnano la soddisfazione sessuale”, aggiunge.

Quindi, dovremmo considerare gli orgasmi semplicemente come il risultato di un riflesso prodotto dai nostri nervi? Come spesso accade in biologia, le cose sono più complicate. I nostri nervi, naturalmente, trasmettono segnali sensoriali al nostro cervello, dove gli studi hanno dimostrato che il piacere sessuale viene elaborato in modo simile ad altri tipi di piacere.

“[…] la mente può essere l’ultimo organo sessuale, che in combinazione con l’anatomia può aumentare il piacere sessuale.”

Dr. Pauls

L’orgasmo vaginale vs clitorideo

L’ultimo centro che provoca il più grande piacere femminile rimane un argomento di discussione. Esistono due teorie in competizione: l’orgasmo vaginale e clitorideo.

Secondo il dott. Puppo, il termine “orgasmo vaginale” è fuorviante. Dice che “la vagina non ha una struttura anatomica che possa causare un orgasmo”. Invece, “l’orgasmo vaginale che alcune donne riferiscono è sempre causato dagli organi erettili circostanti”, spiega.

Il Dott. Puppo sottolinea inoltre: “Gli orgasmi con un dito nella vagina sono possibili in tutte le donne, ma il partner deve anche muovere la mano in un cerchio per stimolare tutti gli organi erettili femminili”.

Dall’altra parte dell’argomento è lo psicologo Prof. Stuart Brody, che sostiene che il rapporto tra la pene e la vagina è la via dell’orgasmo vaginale, che secondo lui gioca un ruolo maggiore nella soddisfazione sessuale.

In una recensione pubblicata sulla rivista, il Prof. James G. Pfaus – del Dipartimento di Psicologia presso l’Università Concordia di Montreal, in Canada – scrive “è probabile che le donne abbiano un’enorme capacità di sperimentare orgasmi di molti tipi diversi [… ] l’esperienza soggettiva di esso non è necessariamente la stessa per ogni donna, e può anche essere diversa ogni volta che una donna ne ha uno “.

Il Dr. Pauls sottolinea anche che “[…] la pressione sulla vagina durante l’attività sessuale può causare trazione, vibrazione e stimolazione del clitoride”.

“È quindi problematico nel migliore dei casi definire un ‘orgasmo clitorideo’ come un fenomeno distinto da un ‘orgasmo vaginale'”, aggiunge.

Poiché le singole parti degli organi sessuali femminili si trovano molto vicine l’una all’altra, è difficile identificare un punto particolare come l’ultima via per il piacere.

Una domanda che rimane è se sia o meno necessario avere una definizione di diversi tipi di orgasmi.

Importa davvero?

Il piacere e l’orgasmo sessuale di ogni donna sono unici. Uno studio recente ha mostrato che solo il 6% delle donne afferma di raggiungere l’orgasmo ogni volta che fanno sesso.

Coloro che sono coinvolti nella ricerca del piacere sessuale femminile possono sostenere che una migliore conoscenza delle vie per raggiungere l’orgasmo può aiutare coloro che lottano per raggiungere la soddisfazione che desiderano. Ma l’orgasmo è solo una parte dell’esperienza del sesso.

“Forse è il momento”, dice il Prof. Pfaus, “smettere di trattare l’orgasmo femminile come un’entità sociopolitica con diverse parti che dicono alle donne ciò che possono e non possono sperimentare”.

La soddisfazione sessuale è un concetto unico. Che sia derivato dalla stimolazione del clitoride o da un’altra via, alla fine della giornata, la migliore misura di soddisfazione è il piacere provato da coloro che sono coinvolti.

Like this post? Please share to your friends: